PaintShop Pro 2019, tutto-in-uno per foto e grafica

PaintShop Pro 2019, tutto-in-uno per foto e grafica

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“PaintShop Pro è indirizzato principalmente ai fotografi, principianti e prosumer, ma contiene anche diversi strumenti più creativi. Considerato il costo ridotto, può dunque essere un'ottima soluzione per piccole aziende e per il mercato educational. ”

Conclusioni

PaintShop Pro 2019 è un completo pacchetto di fotoritocco, in cui il programma principale – Paint Shop Pro, appunto – è solo uno dei numerosi componenti della suite. Il più importante, indubbiamente, e altrettanto indubbiamente il più valido: abbastanza potente da confrontarsi con Photoshop, ma allo stesso tempo "facile" e guidato, può essere il primo software per un principiante, ma anche un valido strumento per l'utente più smaliziato. La sua anima orientata all'automatismo e alla correzione in 1-click nasconde infatti una serie di tool molto potenti.

Il principale aspetto negativo di questo pacchetto è dato dalla disomogeneità dei suoi componenti: software diversi, in alcuni casi persino di lingue diverse, che vivono di vita propria e che sono, purtroppo, su livelli qualitativi molto diversi. A PaintShop Pro fa da contraltare AfterShot, il RAW converter che dovrebbe espandere le potenzialità dell'omologo integrato in PaintShop Pro (l'elementare Camera RAW Lab), ma fallisce decisamente a causa di funzionalità comunque incomplete, della fastidiosa politica degli acquisti in-app e del mancato supporto ad alcune importanti fotocamere.     

Il giudizio sugli altri "optional" è in qualche modo compreso tra questi due estremi. PhotoMirage Express, vera novità della versione 2019, è un prodotto particolare (trasforma foto in animazioni, quindi non risulterà probabilmente utile a tutti) ma ben fatto e accattivante. 
Painter Essential è indubbiamente un altro prodotto riuscito: essenzialmente un software di disegno, che in quanto tale espande le potenzialità dell'intero pacchetto, ma con la simpatica funzione di trasformazione da foto a dipinto utilizzabile davvero da chiunque (ulteriormente semplificata dai preset Pic-to-Painting).

Altri moduli, come Perfectly Clear, aggiungono poco valore al prodotto, essendo la versione ridotta qui inclusa liberamente scaricabile dal sito athentech. Come già scritto a proposito della versione 2018, Corel farebbe meglio, a nostro avviso, a concentrare le risorse di sviluppo sul cuore del pacchetto, tralasciando alcuni elementi marginali in favore di una maggiore qualità (soprattutto) di AfterShot.

Tutto ciò detto, e senza sottovalutare i lati negativi appena citati, il confronto con Adobe vede a nostro avviso i prodotti Corel in netto vantaggio, e largamente preferibili per una larghissima fascia di pubblico che va dal principiante al prosumer. È infatti sostanzialmente allo stesso livello di Photoshop (eccezion fatta per alcuni aspetti come la mascheratura, che però impattano quasi esclusivamente sui grafici professionisti), eppure la sua licenza perpetua costa meno sia di Photoshop Elements sia di un solo anno di abbonamento al piano fotografia Adobe (Photoshop e Lightroom).  

Articoli correlati

Luminar 2018, nuovo sfidante per Lightroom

Luminar 2018, nuovo sfidante per Lightroom

Con la ver. 2018, Luminar tenta il salto di qualità: da software 1-click a rivale di Lightroom. La sua migliore qualità è un'interfaccia innovativa e flessibile, in attesa del browser immagini. Prima di impensierire Adobe, però, c'è ancora molto da fare.
PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop

PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop

Interfaccia semplificata, maggiore velocità e più strumenti per PaintShop Pro, l'anti-Photoshop di Corel. Che punta tutto su prezzo concorrenziale e licenza perpetua.
Guida: lo sviluppo con Adobe Camera RAW - Prima parte

Guida: lo sviluppo con Adobe Camera RAW - Prima parte

Una guida dedicata al formato RAW e al suo sviluppo all'interno di Adobe Camera RAW. Una spiegazione dettagliata su interfaccia, strumenti e flusso di lavoro. 


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 07 Marzo 2019, 16:23
Non lo ritengo al pari di PS ma certamente un software assolutamente valido e più che appetibile per un professionista.

Certo che la grafica della scatola la dovrebbero davvero rivedere.. è orribile, pacchiana e, cosa peggiore di tutte, da veramnte l'impressione di "software pacco" per uso casalingo.
Commento # 2 di: cignox1 pubblicato il 08 Marzo 2019, 08:32
>>Certo che la grafica della scatola la dovrebbero davvero rivedere
Ha ha, ho pensato la stessa cosa: mi ha subito ricordato quelle usate negli anni 90, quando l'aspetto piú divertente di questi programmi erano i filtri (e psp ne aveva un botto) e ci si divertiva ad applicarli a casaccio (es, separazione dei canali )

Continuo a non capire che fine abbia fatto il povero Corel PhotoPaint, che all'inizio era IMHO all'altezza di PS (anzi, lo superava per quanto riguarda i tool di pittura) e sicuramente superiore a PSP.
Mai capiró perché Corel abbia preferito acquisire PSP invece che puntare su PP... (ok, ha eliminato un concorrente, ma a scapito di un prodotto che ricordo come fenomenale).
Commento # 3 di: Paganetor pubblicato il 08 Marzo 2019, 10:31
l'ho preso anche io di recente proprio per sostituire PhotoShop.
Per l'uso che ne faccio è un programma fin troppo avanzato. Ma 69 euro una tantum è una cifra più che ragionevole, soprattutto se confrontato con i pacchetti in abboinamento di Adobe (che saranno giustificati per un uso professionale intensivo, ma per lavorare sulle foto delle vacanze e fare qualche lavoretto ogni tanto direi proprio di no).

Interessante poi l'integrazione con i tutorial: appena avrò un po' di tempo da spenderci vedrò di migliorare le mie competenze d'uso!
Commento # 4 di: sintopatataelettronica pubblicato il 12 Marzo 2019, 05:53
Originariamente inviato da: cignox1
Continuo a non capire che fine abbia fatto il povero Corel PhotoPaint, che all'inizio era IMHO all'altezza di PS (anzi, lo superava per quanto riguarda i tool di pittura) e sicuramente superiore a PSP.
Mai capiró perché Corel abbia preferito acquisire PSP invece che puntare su PP...


Photon Paint è stato l'unico programma all'altezza di Photoshop che sia mai esistito; era veramente un gioiello all'epoca.

Anche per me è inspiegabile come Corel abbia potuto ucciderlo così per .. PSP ? Ma per favore
BenQ Monitor