Attacco Nikon Z: supporta, teoricamente, obiettivi f/0.65

Attacco Nikon Z: supporta, teoricamente, obiettivi f/0.65

di Mattia Speroni, pubblicata il

“Grazie all'introduzione delle nuove architetture per le mirrorless di fascia alta si possono superare limiti imposti dalle precedenti generazioni. Per esempio sull'attacco Nikon Z sarà possibile utilizzare obiettivi f/0.65.”

Si torna ancora una volta a parlare di Nikon e della nuova Serie Z, risposta alla crescente richiesta di mirrorless di fascia alta (settore che vede impegnate anche Fujifilm, Sony e Canon). Una delle ultime novità riguarda l'attacco Nikon Z che promette di superare i limiti di quello F.

Con l'attacco Nikon F non era possibile superare il limite di f/1.4 per le lenti con autofocus ma grazie al nuovo progetto e all'attacco Nikon Z ci si potrà spingere, teoricamente, fino a f/0.65. A dirlo è Nicolas Gillet (direttore del marketing per Nikon Francia) che è stato intervistato da Mizuwari rivelando anche altri dettagli interessanti.

Nikkor lens

Attualmente la gamma di obiettivi con attacco Nikon Z prevede pochi modelli che saranno poi ampliati nel corso dei mesi, come già previsto nella roadmap rilasciata qualche tempo fa. Se si guarda al catalogo attuale e anche con i nuovi modelli, l'obiettivo che più si avvicina a f/0.65 è l'ottica da 58 mm f/0.95 Noctilux, ma siamo relativamente lontani dal limite teorico.

Chiaramente il fatto che sia teoricamente e tecnicamente possibile non significa che vedremo un'ottica con attacco Nikon Z e con apertura di f/0.65 a breve sul mercato. I principali limiti potrebbero essere strutturali con peso e dimensioni da valutare ma anche di costo (con relativo impatto sul mercato).

Durante la stessa intervista Gillet ha spiegato anche che l'obiettivo in Europa è quello di battere Sony nel mercato delle Full Frame. Inoltre gli obiettivi Nikkor F non andranno nel dimenticatoio ma continueranno a essere sviluppati, insieme a quelli Nikkor Z.

Un'altra decisione è quella per il singolo slot XQD anziché SD (anche doppio slot): da un lato si è scelto di mantenere un corpo compatto ma non solo. Secondo Gillet, le schede XQD permettono di svuotare il buffer della fotocamera più rapidamente e in generale le schede con quello standard sono tutte più che performanti. Cosa diversa per le SD dove esistono modelli veloci e modelli scadenti.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: pingalep pubblicato il 24 Novembre 2018, 18:59
il noct è una bestia per l'uso ultra specialistico. astrofotografia in primis.
e io me ne terrò per sempre alla larga
invece vorrei tanti bei tilt shift macro nuovi
Commento # 2 di: Paganetor pubblicato il 24 Novembre 2018, 20:05
XQD anziché SD?

Prepariamoci per un altro caso "memory stick"
Commento # 3 di: frankie pubblicato il 25 Novembre 2018, 02:06
Ah beh se 0.65 lo dice il marketing ci dobbiamo credere
Commento # 4 di: minatoreweb pubblicato il 25 Novembre 2018, 03:30
Quanto dovremo ancora aspettare per un atricolo serio che confronta i nuovi attacchi entrati in commercio? Magari anche coi vecchi?
Entran i commercio nuovi sistemi mirrorlens, anzichè parlare del sistema, attacchi, contatti ecc... si è parlato della sigola fotocamera, e ora si trova un'articolo che ripete come pappagalli cosa dice un produttore di fotocamere.
Ps. La scena a lume di candela di Barry Lyndon fu prodotta con un obiettivo Zeiss da 50mm f/0.7 per 35mm (giusto per smentire qualcuno del siamo poi cosi' lontani dal limite teorico..) quest obiettivo era stato prodotto per scattare foto nello spazio (fatto modificare cambiandone la focale e togliendo otturatore compour per le scene del fil (mi pare divenne un 36.5mm rimase a f/0.7 ). A meno che si consideri il fatto "siam lontani a produrre ottiche luminose a basso costo" infatti Canon il 50mm f 1 attacco EF reflex un bel gauss l'aveva tolto dal catalogo proprio per i costi di produzione e pochi acquirenti.
Ed è patetico leggere come Nikon faccia guerra a Sony (quella fotocamenra è quasi tutta Sony dal sensore all'elettronica (come dire che alfa fa la guerra a Fiat). Probabilmente deriva più da scelte di mercato di dare una nuova scelta ai clienti in campo mirrorlens sfruttando anche il marchio Nikon.
Commento # 5 di: the_joe pubblicato il 25 Novembre 2018, 10:15
Originariamente inviato da: minatoreweb
Quanto dovremo ancora aspettare per un atricolo serio che confronta i nuovi attacchi entrati in commercio? Magari anche coi vecchi?
Entran i commercio nuovi sistemi mirrorlens, anzichè parlare del sistema, attacchi, contatti ecc... si è parlato della sigola fotocamera, e ora si trova un'articolo che ripete come pappagalli cosa dice un produttore di fotocamere.
Ps. La scena a lume di candela di Barry Lyndon fu prodotta con un obiettivo Zeiss da 50mm f/0.7 per 35mm (giusto per smentire qualcuno del siamo poi cosi' lontani dal limite teorico..) quest obiettivo era stato prodotto per scattare foto nello spazio (fatto modificare cambiandone la focale e togliendo otturatore compour per le scene del fil (mi pare divenne un 36.5mm rimase a f/0.7 ). A meno che si consideri il fatto "siam lontani a produrre ottiche luminose a basso costo" infatti Canon il 50mm f 1 attacco EF reflex un bel gauss l'aveva tolto dal catalogo proprio per i costi di produzione e pochi acquirenti.
Ed è patetico leggere come Nikon faccia guerra a Sony (quella fotocamenra è quasi tutta Sony dal sensore all'elettronica (come dire che alfa fa la guerra a Fiat). Probabilmente deriva più da scelte di mercato di dare una nuova scelta ai clienti in campo mirrorlens sfruttando anche il marchio Nikon.


Grazie a te abbiamo scoperto che Nikon in realtà è di proprietà di Sony.....

Riguardo alle altre cose che hai detto, ti prego di leggere un po'in merito alla costruzione di ottiche.

Tutti i produttori passando alle mirrorless (non mirrorlens) hanno approfittato del fatto di poter avvicinare la flangia di attacco dell'ottica al sensore che prima era vincolata dalla presenza dello specchio, e al contempo per allargare il diametro.
Questi fattori influenzano in modo determinante la possibilità di produrre ottiche dagli schemi più semplici come i retrofocus utili per i grandangoli e dalle ampie aperture potendo contare su lenti posteriori più grandi.

Per le altre caratteristiche degli attacchi, i nuovi hanno più contatti elettrici per permettere un migliore dialogo fra corpo e ottiche utile per l'accuratezza e la velocità dell'autofocus e per il migliore funzionamento dei sistemi di stabilizzazione.
Commento # 6 di: songohan pubblicato il 26 Novembre 2018, 11:32
C'è una cosa che non capisco. Se non erro, F rappresenta il valore del rapporto tra il diametro della lente e la lunghezza della focale. Un valore di F uguale a 1 significa che il diametro della lente è uguale alla lunghezza focale. È corretto fino a qui? Se è corretto, come fa l'obiettivo in foto ad avere F uguale a 0.95? Il diametro della lente più grande sembra molto più piccolo della lunghezza focale dell'obiettivo.
Attendo lumi.
Grazie.
Commento # 7 di: the_joe pubblicato il 26 Novembre 2018, 11:47
Originariamente inviato da: songohan
C'è una cosa che non capisco. Se non erro, F rappresenta il valore del rapporto tra il diametro della lente e la lunghezza della focale. Un valore di F uguale a 1 significa che il diametro della lente è uguale alla lunghezza focale. È corretto fino a qui? Se è corretto, come fa l'obiettivo in foto ad avere F uguale a 0.95? Il diametro della lente più grande sembra molto più piccolo della lunghezza focale dell'obiettivo.
Attendo lumi.
Grazie.

Hai in parte ragione perché invece del diametro della lente frontale si considera il diametro nel punto del centro focale dell'ottica, in generale dove c'è il diaframma, nei teleobiettivi e nei "normali" in genere le lenti fino al diaframma hanno uguale diametro per cui è anche come dici tu, per i grandangoli dovendo prendere luce anche dai lati il diametro della lente frontale di solito non corrisponde a quello del diaframma.
Detto questo come fai a dire che l'ottica della foto non è f0,95? Alla fine è un 58mm per cui basta che il diametro al centro focale sia circa 61mm e niente lascia supporre che non sia così.
Commento # 8 di: songohan pubblicato il 26 Novembre 2018, 12:32
Originariamente inviato da: the_joe
Detto questo come fai a dire che l'ottica della foto non è f0,95? Alla fine è un 58mm per cui basta che il diametro al centro focale sia circa 61mm e niente lascia supporre che non sia così.


Perchè ero convinto che la lunghezza focale fosse calcolata a partire dal centro ottico della lente più esterna che è quella più grande
Commento # 9 di: the_joe pubblicato il 26 Novembre 2018, 12:42
Originariamente inviato da: songohan
Perchè ero convinto che la lunghezza focale fosse calcolata a partire dal centro ottico della lente più esterna che è quella più grande


😉

Non c'entra niente la lunghezza focale con la lunghezza fisica o quasi.....
Commento # 10 di: songohan pubblicato il 26 Novembre 2018, 12:46
Originariamente inviato da: the_joe
😉

Non c'entra niente la lunghezza focale con la lunghezza fisica o quasi.....


Appunto. Sto facendo confusione e non ho capito. Puoi spiegare grazie
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor