GUIDA LIGHTROOM CC PARTE 4 - Strumenti avanzati e creativi

GUIDA LIGHTROOM CC PARTE 4 - Strumenti avanzati e creativi

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Guida pratica al più noto e diffuso software di sviluppo e gestione dei file RAW: Adobe Lightroom. Quarta lezione, dedicata agli strumenti più avanzati e creativi del modulo Sviluppo – non indispensabili, possono dare a volte una "marcia in più". ”

Curva di viraggio

La Curva di viraggio (Curva per brevità), è probabilmente lo strumento più importante tra i "secondari".
Si tratta, in ultima analisi, di un controllo tonale (in inglese si chiama infatti, più comprensibilmente, tone curve), il cui compito è parzialmente sovrapposto a quello del cursore Contrasto del pannello Base.


Figura 1.

L'asse X del grafico rappresenta i valori tonali dell'immagine di ingresso, o non modificata; come sempre, allo zero (origine) corrisponde il nero, al valore massimo il bianco. L'asse Y rappresenta viceversa i valori tonali dell'immagine di uscita, o modificata.
Una retta che tagli il piano a 45°, come quella di fig. 1, equivale a non applicare alcuna modifica – a ogni valore sulle ascisse corrisponde lo stesso valore sulle ordinate. I punti che si trovano sopra questa retta "neutra" schiariscono il valore tonale corrispondente sull'asse X, quelli al di sotto lo scuriscono. La pendenza della curva rappresenta infine quello che comunemente si definisce contrasto.


Figura 2.

Un esempio con l'immagine sintetica già utilizzata per familiarizzare con il cursore Contrasto chiarirà il concetto. Si consideri una curva a "S", come quella di figura 2. Tale curva scurisce i toni scuri, dato che la prima metà del grafico e al di sotto della linea neutra, e schiarisce i toni chiari. Inoltre, dato che la pendenza della curva è elevata in corrispondenza dei toni intermedi, altrettanto elevato sarà il contrasto in quella regione.
Una curva di questo tipo, provare per credere, equivale a incrementare il cursore Contrasto – si può notare dall'istogramma lo stesso aumento di spaziatura tra le colonne centrali. Una curva a "S" rovesciata equivarrebbe viceversa a diminuire il cursore Contrasto.


Figura 3. In alto: un effetto di contrasto molto marcato ottenuto con Curva. In basso: il risultato dell'incremento a +100 del cursore Contrasto – l'effetto è decisamente meno intenso.   

Ecco perché abbiamo definito Curva un controllo "secondario": nella maggioranza dei casi, il semplice cursore Contrasto servirà perfettamente allo scopo. D'altra parte, Curva è uno strumento più potente e assicura maggiore libertà d'azione, il che ne giustifica (in alcuni casi, persino ne richiede) l'utilizzo.
Un primo assaggio di tale potenza è riportato in fig. 3: chi ha provato a riprodurre la curva di fig. 2 e ha poi utilizzato per confronto il cursore Contrasto, avrà già notato che il comportamento di quest'ultimo è qualitativamente identico, ma non altrettanto marcato.

BenQ Monitor