Nikon Z 5, biglietto d'ingresso per le mirrorless full-frame Nikon Z. La recensione

Nikon Z 5, biglietto d'ingresso per le mirrorless full-frame Nikon Z. La recensione

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“La piccola full-frame del sistema Nikon Z è una mirrorless versatile e molto interessante. Non si può dire una fotocamera ad alte prestaziomni, ma offre molto di ciò che offrono D750 e D780, e persino qualcosa in più, in chiave più snella e moderna. ”

Conclusioni

Pur essendo la cenerentola tra i modelli mirrorless con sensore formato FX, la Nikon Z 5 è, a nostro avviso, al momento la fotocamera più interessante dell'intera famiglia Nikon Z.  

Le sue specifiche non fanno gridare al miracolo, e non introduce innovazioni in nessun comparto. Non è questo il suo ruolo. La Z 5 nasce con lo scopo di essere una mirrorless Full Frame snella e dal prezzo interessante, e centra perfettamente il suo obiettivo.
Per chi può vivere senza specchio, offre molto persino in rapporto alle reflex D750 / D780, che appartengono di diritto a una categoria superiore.

La Z 5 offre infatti analoga qualità d'immagine in un corpo macchina più compatto ma funzionalmente impeccabile, con persino alcuni vantaggi ergonomici rispetto alle reflex (vedi joystick sul dorso). Essendo parte di un sistema di nuova generazione, offre poi alcuni vantaggi tipici quali stabilizzatore d'immagine in-camera e un sistema AF che offre una copertura inarrivabile per qualunque reflex. 

Le prestazioni in termini di scatto continuo sono modeste, e possono a buona ragione essere considerate il tallone d'Achille della Z 5. Non tutto il male, però, viene per nuocere. Ponendosi dichiaratamente fuori dalla mischia dei modelli con ambizioni sportive, la Z 5 "nasconde" alcune sue pecche, parte delle quali comuni a tutto il mondo mirrorless (mirino elettronico), altre peculiari del modello (tracking migliorabile, anche dal punto di vista ergonomico).

Come già successo alla rivale Canon con la EOS R/RP, dunque, anche per Nikon il modello più economico risulta a nostro avviso anche quello che offre maggiore attrattiva.

Abbiamo citato la EOS RP non a caso, essendo questa la rivale dichiarata della Nikon Z 5. Come si confrontano le due?!? Beh, offrono entrambe una notevole (e del tutto confrontabile) qualità d'immagine, analoghe prestazioni, doti video e connettività. La Z 5 costa qualcosa in più (circa 1900 Euro per il kit con 24-50 f/4-6.3 contro circa 1570 per il kit EOS RP con 24-105mm f/4-7.1), ma offre anche qualcosa in più (mirino EVF di maggior risoluzione, stabilizzatore, doppio slot SD, otturatore da 1/8000s) e maggiore autonomia.

Inoltre, pur essendo entrambe di buon livello, a nostro parere la Nikon Z 5 offre anche un'ergonomia complessivamente migliore della rivale, a vantaggio della quale va invece annoverata una risposta cromatica più accurata e ripetibile anche in luce artificiale.          
Rispetto alla data di prova della Z 7, il parco ottiche Nikon Z decisamente ampliato rappresenta un segnale incoraggiante per i futuri sviluppi del sistema.

[HWUVIDEO="3014"]Nikon Z5: ecco dal vivo la full frame mirrorless più accessibile di casa Nikon[/HWUVIDEO]

Articoli correlati

Sony A7c: anche in casa Sony la full frame diventa compatta. La nostra anteprima

Sony A7c: anche in casa Sony la full frame diventa compatta. La nostra anteprima

Anche Sony gioca il suo asso nel segmento delle fotocamere Full Frame compatte, con la sua nuova Sony Alpha A7c. Sorellina più piccola di A7 III utilizza lo stesso sensore pieno formato 35mm Exmor R CMOS BSI da 24.2 megapixel, montato su sistema di stabilizzazione nel corpo IBIS a 5 assi
Panasonic Lumix S5: le dimensioni diminuiscono, le prestazioni restano

Panasonic Lumix S5: le dimensioni diminuiscono, le prestazioni restano

Ecco la nuova mirrorless full frame 35mm Panasonic Lumix S5. Più piccola delle sorelle S1, S1 R e S1H sfoggia delle doti tecniche di tutto rispetto, con un sensore stabilizzato 35mm da 24,2 megapixel, video 4K 60p, V-Log e miglioramenti importanti sul fronte dell'autofocus, soprattutto in tracking sui volti e gli occhi. Ci sono alcuni compromessi dovuti alle dimensioni, ma è un prodotto decisamente azzeccato
Canon EOS R6, grandi prestazioni e buona ergonomia. La recensione.

Canon EOS R6, grandi prestazioni e buona ergonomia. La recensione.

La nuova mirrorless 35mm EOS R6 mostra una positiva evoluzione del sistema R. Eccellenti prestazioni ed ergonomia migliorata rispetto alla capostipite ne fanno un complessivamente un ottimo prodotto, ma il prezzo è elevato e l'efficacia in ambito sportivo ancora da migliorare.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: 3000 pubblicato il 09 Ottobre 2020, 16:25
Se per il Black Friday ce la fanno in kit col 24-200 a meno di 2000€, faccio il passaggio al mondo mirrorless, restando poi in attesa di vedere la Z 7 Mark II che anche è nei miei piani insieme a qualche fisso.
Commento # 2 di: frankie pubblicato il 09 Ottobre 2020, 23:15
Uso la 7D per scatti sportivi. Molto raramente la uso a 8FPS. Troppo rapidi. Il rischio è di portare a casa troppi scatti. Più utile la velocità intermedia (4?) quindi quella velocità è ok, non troppo poco. Certo dipende dallo sport.
Commento # 3 di: efewfew pubblicato il 14 Ottobre 2020, 14:53
Peccato non venga proposta in kit con il 24-70 f/4.

Comunque bella recensione, letta con piacere, toccato punti che spesso non vengono menzionati dai più e trattati in maniera semplice ma esaustiva nel complesso