Smartphone top di gamma a confronto: Huawei P30 Pro è il migliore per le foto

Smartphone top di gamma a confronto: Huawei P30 Pro è il migliore per le foto

di Redazione , pubblicato il

“Con questo articolo vogliamo dire l'ultima parola sullo smartphone top di gamma con la migliore fotocamera posteriore, basandoci non su valutazioni soggettive, ma su misure oggettive realizzate con lo stesso approccio che solitamente adottiamo con macchine fotografiche compatte, mirrorless e reflex. Ecco i risultati, e qual Ŕ il miglior camera phone del momento”

Apple iPhone XS Max

Arrivato sul mercato nella seconda metÓ del 2018, iPhone XS Max Ŕ l'ultimo top di gamma di Apple e uno dei dispositivi pi¨ costosi dell'intera categoria. Si caratterizza per il display da 6,5" da 2688x1242 pixel compatibile con gli standard HDR10, Dolby Vision e utilizza il processore Apple A12 Bionic proprietario a 7-nm (esa-core) con GPU proprietaria a 4-core. Viene venduto con 64, 256 e 512 GB di storage e dispone di 4 GB di RAM, mentre la batteria Ŕ da 3.174 mAh.


iPhone XS Max sulla sinistra, iPhone X sulla destra

Per quanto riguarda la fotocamera posteriore Apple utilizza un approccio tradizionale: doppio modulo sporgente con sensori da 12 MP. Il principale ha una grandezza di 1/2.55" con pixel da 1.4Ám e adotta un obiettivo grandangolare da 26mm stabilizzato otticamente e un sistema a rilevamento di fase per la messa a fuoco. Il modulo secondario utilizza un sensore pi¨ piccolo da 1/3.4" con pixel grandi 1.0Ám e messa a fuoco a rilevamento di fase, abbinato ad un tele-obiettivo stabilizzato OIS con lunghezza focale di 52mm che consente di ottenere un fattore d'ingrandimento 2x. La fotocamera frontale Ŕ invece da 7 MP e ha un obiettivo f/2.2 con lunghezza focale di 32mm equivalenti nello standard da 35mm.

iPhone XS Max pu˛ registrare video in 4K Ultra HD a 60 fotogrammi al secondo, e pu˛ realizzare slow-motion alla risoluzione Full HD fino a 240 fps. Da segnalare che la fotocamera del modello Max Ŕ identica a quella di iPhone XS.

Le immagini prodotte in modalitÓ standard (zoom 1x) sono incise e ricche di dettagli: l'estinzione del pattern di risoluzione si osserva nell'intorno alle 2100 LW/PH, con buona leggibilitÓ dei particolari fino a 1800. Il riscontro visivo Ŕ confermato dal risultato numerico dell'analisi Hyperbolic Wedge, che assegna a questo modello punteggi nell'intorno delle 1900 LW/PH.á


Sopra: modalitÓ standard. Sotto: modalitÓ zoom 2X

Anche da questi dati si desume l'approccio di sviluppo, che prevede un'elaborazione del file certamente intensa (l'oversharpening sfiora il 20%) ma non stratosferica. Il risultato Ŕ un file che si presenta molto bene sullo schermo dello smartphone stesso, ma che "regge" adeguatamente anche la visione su schermi pi¨ grandi, risultando sempre piacevole.

Apple ha viceversa deciso di spingere molto di pi¨ sull'acceleratore per quanto concerne la resa cromatica. Con una saturazione che sfiora il 135%, i colori sono estremamente vividi e risultano per questo accattivanti per la maggioranza degli osservatori. Di contro, complice anche un errore evidente sul punto di bianco (problema comune a pressochÚ tutti i modelli in gara), la fedeltÓ cromatica risulta decisamente modesta.

Il pi¨ piccolo sensore associato al teleobiettivo penalizza purtroppo i risultati ottenibili con zoom 2x che, seppur ottico, "paga" qualcosa alla modalitÓ standard. Numericamente, osservando il pattern di risoluzione, si osserva una riduzione dei punteggi tra le 200 e le 300 LW/PH. In realtÓ, il divario nelle immagini reali Ŕ ancora pi¨ marcato dato che, nel presumibile tentativo di compensare la perdita di dettaglio, l'immagine viene in questo caso sovra-elaborata, il che introduce artefatti e porta a una drastica riduzione dei dettagli a basso contrasto.