Olympus OM-D E-M5 II

Olympus OM-D E-M5 II

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Olympus aggiorna la capostipite della famiglia OM-D, cambiando poco e bene. La E-M5 II è più funzionale, versatile, e si distingue per mirino e stabilizzatore. Innovativa la modalità High Res. ”

Articoli correlati

Panasonic Lumix GF7, compatta con stile

Panasonic Lumix GF7, compatta con stile

Piccola, leggera ed economica, la nuova Lumix GF7 assicura la stessa qualità fotografica dei modelli superiori. Le ridotte dimensioni hanno però un effetto negativo su autonomia di scatto ed ergonomia.
Olympus OM-D E-M5 Mark II: la mirrorless fino a 40 megapixel

Olympus OM-D E-M5 Mark II: la mirrorless fino a 40 megapixel

Olympus presenta l'erede del modello che fu capostipite della serie OM-D: ecco Olympus OM-D E-M5 Mark II, un ponderato rinnovo con nuove funzionalità interessanti. Grazie a un innovativo sistema multi scatto che sfrutta la stabilizzazione per muovere il sensore di mezzo pixel alla volta la macchina arriva a scattare immagini a ben 40 megapixel di risoluzione
Sony A7R e A7S, coppia vincente tra le mirrorless full frame

Sony A7R e A7S, coppia vincente tra le mirrorless full frame

Sony ha creato, con le A7 e A7R, due prodotti innovativi ed estremamente interessanti. Ha completato recentemente la gamma con la A7S, splendida per la fotografia in basse luci. Infine, ha annunciato la seconda generazione della A7 dall'affinata ergonomia. In attesa di poterla toccare con mano, ecco il report di una due giorni spesi con A7R e A7S.
Samsung NX1, test della nuova mirrorless ad alte prestazioni

Samsung NX1, test della nuova mirrorless ad alte prestazioni

Samsung punta in alto con la nuova mirrorless NX1: veloce, dotata di sistema AF sofisticato, zeppa di funzioni e capace di registrare video 4K. Insieme alle nuove ottiche "Supreme", costituisce la punta di diamante del sistema NX.
Olympus OM-D E-M1: eccola all'opera con il firmware 2.0

Olympus OM-D E-M1: eccola all'opera con il firmware 2.0

Compatta, evoluta e robusta: ecco la Olympus OM-D E-M1, resa più appetibile che mai dal rilascio del firmware 2.0.
Fujifilm X-T1, l'evoluzione della Serie X

Fujifilm X-T1, l'evoluzione della Serie X

Fujifilm crea un'altra pietra miliare con la nuova X-T1. La qualità fotografica è quella, elevatissima, della Serie X. Il mirino elettronico è il più ampio mai visto su una mirrorless. Per chi può fare a meno del mirino ottico, un eccellente soluzione (quasi) a tutto tondo.


Commenti (21)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: AlexSwitch pubblicato il 24 Marzo 2015, 10:15
Ma rimane il fatto che uno se lo ritrova già ad 800 ISO... Vero nulla di drammatico, ci mancherebbe, ma è un livello di rumore che su APSC si riscontra a valori di 1600 ISO in su... Mentre per il range dinamico c'è poco da fare, una superficie sensibile più estesa paga di più!!
Commento # 12 di: ficofico pubblicato il 24 Marzo 2015, 13:47
Concordo.
Ritengo il sistema u4/3 il più riuscito e flessibile tra le mirrorless.


Volendo aggiungere qualcosa a quanto scritto da roccia1234, direi che il m4/3 permette [U]dimensioni piccine[/U] con fissi e zoom mantenendo l'autofocus a scapito di pdc e resa iso.... il sistema fuji permette [U]dimensioni piccine[/U] con i suoi ottimi fissi, tutti autofocus, ottima luminosità delle lenti che permette buon controllo della pdc a scapito del sensore che "deve piacere"... sony (parlo per il full frame, per me l'aps-c sony ha perso di importanza) permette [U]dimensioni piccine[/U] usandola in manual focus con le lenti manual focus sia nuove (loxia) sia vecchie (tutte) e con qualche fisso ma non tutti, gli zoom sono sempre grossi, la resa per risoluzione o iso però è al top.

Chi davvero ha cannato alla grande come abbiamo sempre ripetuto è nikon mentre canon si può quasi dire di non averci nemmeno provato fino in fondo..
Commento # 13 di: AlexSwitch pubblicato il 24 Marzo 2015, 13:51
Perché l'APSC Sony ha perso importanza?

Per quanto riguarda il sistema 1 di Nikon... bhè... anche loro ci hanno provato ma gli è riuscito un aborto peggiore del sistema M di Canon...
Commento # 14 di: ficofico pubblicato il 24 Marzo 2015, 14:01
Perché l'APSC Sony ha perso importanza?


Non so, parlo per me, se oggi dovessi prendere una nuova mirrorless sarei indeciso se prendere aps-c (e prenderei fuji) o full frame (e prenderei sony ovviamente), ma solo perchè io sono un amante dei fissi, se fossi più per gli zoom prenderei m4/3 probabilmente...

Oggi per sony la novità è il full frame, aps-c è in stallo, vediamo se esce la a7000 ma non ho più l'interesse di una volta, mi attira di più il full frame..
Commento # 15 di: roccia1234 pubblicato il 24 Marzo 2015, 14:40
Originariamente inviato da: ficofico
Chi davvero ha cannato alla grande come abbiamo sempre ripetuto è nikon mentre canon si può quasi dire di non averci nemmeno provato fino in fondo..


Già... nikon ha usato un sensore troppo piccolo per avere un sistema alternativo o che, in futuro, potrà soppiantare quello reflex e tenuto prezzi troppo alti.
Perlomeno è compatto e certe uscite possono essere interessanti (tipo la AW1 subacquea/rugged, peccato, ancora, per il prezzo).

Canon... manco ci ha provato. Ha buttato fuori una ML "tanto per" e poi quasi abbandonato il sistema a sé stesso. 4 lenti e 3 corpi in quasi 3 anni.
Ma occhio a non criticarlo su juza. È canon, quindi valido a prescindere. Devi vedere che arrampicate (principalmente sono sul "costa poco" ) fanno per cercare di dare un senso e/o giustificare l'esistenza e l'acquisto di questo insulso sistema.
Commento # 16 di: AlexSwitch pubblicato il 24 Marzo 2015, 14:49
Sinceramente roccia del parere di Juza e del suo forum ci faccio la birra!!
Il sistema M di Canon come l'1 di Nikon sono solamente due aborti ( quello Nikon peggio di Canon per la resa del sensore da 1" ) che rimangono parecchio indietro al trio Sony, Olympus e Fujifilm!! Purtroppo c'è chi pensa con l'etichetta del marchio appiccicata in fronte.... Amen!!
Commento # 17 di: demon77 pubblicato il 24 Marzo 2015, 14:57
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Sinceramente roccia del parere di Juza e del suo forum ci faccio la birra!!
Il sistema M di Canon come l'1 di Nikon sono solamente due aborti ( quello Nikon peggio di Canon per la resa del sensore da 1" ) che rimangono parecchio indietro al trio Sony, Olympus e Fujifilm!! Purtroppo c'è chi pensa con l'etichetta del marchio appiccicata in fronte.... Amen!!


Eh si. Anche secondo me.
Poi sulla distanza effettiva tra le proposte nikon e canon e gli avversari possiamo discutere.. ma di certo sono indietro.
Commento # 18 di: roccia1234 pubblicato il 24 Marzo 2015, 14:59
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Sinceramente roccia del parere di Juza e del suo forum ci faccio la birra!!


Ma pure io... solitamente vado là per farmi 4 risate sulle inutili pippe mentali che si fanno continuamente e sulle sbavate appena vedono una L rossa.

Il sistema M di Canon come l'1 di Nikon sono solamente due aborti ( quello Nikon peggio di Canon per la resa del sensore da 1" ) che rimangono parecchio indietro al trio Sony, Olympus e Fujifilm!! Purtroppo c'è chi pensa con l'etichetta del marchio appiccicata in fronte.... Amen!!


Mah, ora come ora se dovessi scegliere per forza tra eos M e nikon 1, probabilmente sceglierei nikon 1 per il maggior numero di ottiche ed accessori.

Il sistema M è veramente troppo limitato, è quasi come avere una compatta premium ad ottica fissa... e di ottiche reflex adattate non voglio nemmeno sentir parlare.

Se canon si deciderà mai a svilupparlo e supportarlo come si deve, allora sicuramente diventerà parecchio più interessante di nikon 1, che scivolerà in penultima posizione.
Commento # 19 di: genesi86 pubblicato il 25 Marzo 2015, 13:40
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Per me il problema del u4/3 è il rumore ad ISO relativamente bassi... Già a valori di 800 ISO la grana esce fuori... Anche il range dinamico rimane inferiore, seppur di poco.


Certo con gli ISO bisogna andarci cauti però non dimentichiamoci che nel micro 4/3 olympus e panasonic (GX7) offrono corpi ottimamente stabilizzati che unito ai numerosi prime luminosi, rende molto limitato l'uso di ISO alti.

Originariamente inviato da: AlexSwitch
Le Zuiko di fascia medio/alta costano come le top di gamma della concorrenza...


Riguardo i prezzi delle ottiche devo dire che i top di gamma zuiko/panasonic (che reputo spesso migliori degli Zuiko, specie quelli prodotti in collaborazione con Leica) sono allineati a quello degli altri produttori, ma la differenza la fa il mercato dell'usato che è molto più vivace della concorrenza, questo grazie al fatto che il m43 è un consorzio dove corpi, obiettivi e accessori (es i flash), sono tranquillamente compatibili e scambiabili.

Originariamente inviato da: AlexSwitch
Ovviamente, per quanto riguarda la compattezza delle ottiche, non paragonerei un sistema ML con un sensore con crop factor 2X con un ML APSC... Soprattuto quando per quest'ultimo si possono usare ottiche con schemi ottici mutuati da quelle per il FF di alta gamma.


Questo lo considero più un pregio del m43, che lavora con ottiche ottimizzate ad hoc, cosa che sovente non accade nel mondo APSC dove invece si usano anche ottiche pensate per un sistema FF.
Commento # 20 di: AlexSwitch pubblicato il 25 Marzo 2015, 14:48
Originariamente inviato da: genesi86
Certo con gli ISO bisogna andarci cauti però non dimentichiamoci che nel micro 4/3 olympus e panasonic (GX7) offrono corpi ottimamente stabilizzati che unito ai numerosi prime luminosi, rende molto limitato l'uso di ISO alti.



Riguardo i prezzi delle ottiche devo dire che i top di gamma zuiko/panasonic (che reputo spesso migliori degli Zuiko, specie quelli prodotti in collaborazione con Leica) sono allineati a quello degli altri produttori, ma la differenza la fa il mercato dell'usato che è molto più vivace della concorrenza, questo grazie al fatto che il m43 è un consorzio dove corpi, obiettivi e accessori (es i flash), sono tranquillamente compatibili e scambiabili.



Questo lo considero più un pregio del m43, che lavora con ottiche ottimizzate ad hoc, cosa che sovente non accade nel mondo APSC dove invece si usano anche ottiche pensate per un sistema FF.


La stabilizzazione del sensore Sony l'ha introdotta con la A7 MkII... a 5 assi come quella, se non proprio quella, Olympus. Da notizie Sony, anche le prossime ML sia APSC che FF, avranno corpi stabilizzati, almeno per quanto riguarda la fascia alta.
Così si ritorna al discorso che i sensori con diagonale più piccola, in confronto a quelli più grandi, soffrono sempre di rumore maggiore e di un range dinamico più ristretto. Uno svantaggio se di si considera che le nuove OM-D o Panasonic si collocano nella fascia medio alta del mercato ML. Senza considerare inoltre la profondità di campo che su u4/3 è parecchio sacrificata anche con lenti luminose!!

Riguardo alle ottiche intendevo dire che quelle su APSC per ML ( innesto E e non A ), recentemente presentate da Sony per la fascia alta, sono più grandi rispetto a quelle della concorrenza, perché oltre a dover coprire un area più grande del sensore, il loro schema ottico è stato preso da quelle per APSC/FF di alta gamma. Questo significa " più vetro " da inserire nel barilotto e quindi dimensioni maggiori. Ma il 24-70 F4 Zeiss per ML rimane quasi la metà più piccolo del corrispettivo per FF/APSC.
Il problema del consorzio u4/3 è che fondamentalmente è costituito solamente da due player, Panasonic ed Olympus, e la somma delle loro ottiche non arriva a quanto proposto da Sony per il suo sistema E che copre le focali più utilizzate sia su APSC che su FF.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor