Una foto spettacolare della Grande Nube di Magellano da 204 MPixel

Una foto spettacolare della Grande Nube di Magellano da 204 MPixel

di Mattia Speroni, pubblicata il

“204 MPixel e 80 MB "di peso" per una fotografia della Grande Nube di Magellano che lascia "senza fiato" per i dettagli e la complessità delle struttura che comprendono zone di formazione stellare e nubi di gas incandescente.”

Vi abbiamo già mostrato in passato fotografie spettacolari di corpi celesti ottenuti con non poca bravura da parte degli appassionati. Se la Luna è uno dei soggetti più fotografati, non potevamo non mostrarvi la Grande Nube di Magellano ripresa da alcuni fotografi francesi.

Grande Nube di Magellano

La bellezza dell'immagine colpisce subito, anche chi non è appassionato di fotografia o astrofotografia. Questa immagine della Grande Nube di Magellano ha una risoluzione di ben 204 MPixel permettendo di catturare molti dettagli di una struttura ben conosciuta ma distante ben 158 mila anni luce!

Riuscire a cutturare un'immagine di questo tipo ha visto un impegno intenso da parte dei fotografi totalizzando complessivamente 1060 ore di posa ed elaborazione. Com'è facile intuire non si tratta di un singolo scatto ma dell'insieme di qualche migliaio di scatti realizzati in circa un anno e mezzo (a partire dal 2017).

L'immagine in formato pieno della Grande Nube di Magellano ha una dimensione di 80,8 MB ed è disponibile per il download (all'interno del link che si trova poco sopra).

Per arrivare a realizzare l'opera è stato impiegato un telescopio con rifrattometro da 160 mm e 4000 esposizioni (arrivando a 620 GB di dati grezzi, che poi hanno dovuto essere elaborati). All'interno di questa nube troviamo poi regioni note per la formazione stellare. La regione più grande e nota è la Nebulosa della Tarantola che ha dimensioni di mille anni luce ed è ricca di stelle giovani.


Commenti (23)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:04
spettacolo!
Commento # 2 di: ~efrem~ pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:08
Se si guarda bene, si vedono anche Garmillas e Iskandar.
Commento # 3 di: cignox1 pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:10
Meravigliosa!
Commento # 4 di: Opteranium pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:27
impressionante! E fa ancora più impressione il fatto che la camera dell'LSST possa catturare immagini da 3.2 Gpixel, 16 volte questa
Commento # 5 di: D4N!3L3 pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:37
Meraviglioso.
Commento # 6 di: HIVE mind pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:47
Scusatemi, ma avrò del disagio e/o sono stupido, ma non riesco a trovare il link per l'immagine completa supermega.
Commento # 7 di: emanuele83 pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:47
vogliamo dare un senso alla foto dicendo almeno a cosa corrispondono le lunghezze d'onda fotografate e non focalizzandoci su quanti megapixel ha la "macchina fotografica" usata?

Explanation: The Large Magellanic Cloud (LMC) is an alluring sight in southern skies. But this deep and detailed telescopic view, over 10 months in the making, goes beyond what is visible to most circumnavigators of planet Earth. Spanning over 5 degrees or 10 full moons, the 4x4 panel mosaic was constructed from 3900 frames with a total of 1,060 hours of exposure time in both broadband and narrowband filters. The narrowband filters are designed to transmit only light emitted by sulfur, hydrogen, and oxygen atoms. Ionized by energetic starlight, the atoms emit their characteristic light as electrons are recaptured and the atoms transition to a lower energy state. As a result, in this image the LMC seems covered with its own clouds of ionized gas surrounding its massive, young stars. Sculpted by the strong stellar winds and ultraviolet radiation, the glowing clouds, dominated by emission from hydrogen, are known as H II (ionized hydrogen) regions. Itself composed of many overlapping H II regions, the Tarantula Nebula is the large star forming region at the left. The largest satellite of our Milky Way Galaxy, the LMC is about 15,000 light-years across and lies a mere 160,000 light-years away toward the constellation Dorado.

Fonte: https://apod.nasa.gov/apod/ap190503.html
Commento # 8 di: emanuele83 pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:49
Originariamente inviato da: HIVE mind
Scusatemi, ma avrò del disagio e/o sono stupido, ma non riesco a trovare il link per l'immagine completa supermega.


chrome la scarica ma se zoomi impazzisce http://www.cielaustral.com/galerie/photo95f.jpg
Commento # 9 di: Wikkle pubblicato il 06 Maggio 2019, 14:59
Guardando immagini come questa...

Così come la terra è [U]sicuramente [/U]PIATTA ( )....
altrettanto [U]sicuramente [/U]siamo soli nell'universo
Commento # 10 di: Wikkle pubblicato il 06 Maggio 2019, 15:01
Originariamente inviato da: emanuele83
chrome la scarica ma se zoomi impazzisce http://www.cielaustral.com/galerie/photo95f.jpg


Ma per niente... Aperta con 4 browser in 2 max 3 secondi e gestita come una immagine qualsiasi
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor