Drone riprende un tornado da vicino: le immagini sono impressionanti!

Drone riprende un tornado da vicino: le immagini sono impressionanti!

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Grazie alla sua esperienza e alla sua prontezza, Reed Timmer è riuscito a riprendere da vicino il tornado che ha colpito Andover, sobborgo di Wichita. Al suono delle sirene di allarme del NWS il cacciatore di tempeste ha fatto alzare in volo il suo drone ed è riuscito a catturare delle immagini davvero impressionanti”

L'utilizzo dei droni per riprese aeree ha cambiato il nostro modo di vedere molte cose. Le riprese a terra dei tornado sono spesso terrificanti, ma le riprese aeree riescono a rendere ancora meglio la potenza del fenomeno atmosferico e soprattutto il suo comportamento erratico.

Lo stato statunitense del Kansas è noto per questo tipo di fenomeni atmosferici e patria di alcuni 'cacciatori di tornado'. Tra essi il protagonista di questa storia, Reed Timmer, esperto di meteorologia 'estrema' e pilota di droni.

Grazie alla sua esperienza e alla sua prontezza, lo scorso 29 aprile, Timmer è riuscito a riprendere da vicino il tornado che ha colpito Andover, sobborgo di Wichita, Kansas. Al suono delle sirene di allarme del NWS - National Weather Service - il cacciatore di tempeste ha fatto alzare in volo il suo drone ed è riuscito a catturare delle immagini davvero impressionanti.

A colpire sono l'intensità del tornado, la sua durata (la clip dura quasi dieci minuti), la devastazione che esso porta lungo il suo percorso, ma anche il suo comportamento erratico, che rende difficile capire dove andrà a colpire.

Le riprese non hanno richiesto un'attrezzatura professionale, ma è bastato un quadricottero consumer: protagonista delle immagini è infatti un drone DJI Mavic Air 2 che, nonostante il peso contenuto, è riuscito a resistere alla forza del vento.

Un altro pilota di droni ha invece alzato in volo il suo velivolo per documentare la devastazione che il tornado ha lasciato alle sue spalle, tra case e auto distrutte. Per fortuna l'intervento delle sirene ad avvisare la popolazione ha permesso di evitare vittime.

Leggi anche:

- Gran Premio di Formula 1 a Imola: fermati (e sequestrati) 14 droni non autorizzati
- Leica SL2-S: l'abbiamo pure fatta volare sul drone!


Commenti (33)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: ChiHuaHua86 pubblicato il 03 Maggio 2022, 11:56
"Lo stato statunitense del Kansas è noto per questo tipo di fenomeni atmosferici" e giustamente continuano a far case con 2 strati legno e quattro chiodi
Commento # 2 di: riaw pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:01
Originariamente inviato da: ChiHuaHua86
"Lo stato statunitense del Kansas è noto per questo tipo di fenomeni atmosferici" e giustamente continuano a far case con 2 strati legno e quattro chiodi


e tu credi che la tua casa in muratura e il tuo tetto resistano a venti da 250kmh o più?
Commento # 3 di: D4N!3L3 pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:01
Originariamente inviato da: ChiHuaHua86
"Lo stato statunitense del Kansas è noto per questo tipo di fenomeni atmosferici" e giustamente continuano a far case con 2 strati legno e quattro chiodi


Lo fanno perché sono facili da ricostruire e tanto i tornado gli porterebbero via anche case più solide (e costose).

Piuttosto vi stupisce la durata (forse del video) il quale ripropone la stessa ripresa da più angolazioni e a diversi livelli di zoom...il video durerà anche 10 minuti ma la durata del tornato (almeno quella ripresa) è nettamente inferiore.

Suvvia...
Commento # 4 di: Ragerino pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:02
Ora, io non so che effetto avrebbe questo su di una casa fatta di mattoni e cemento, magari con un tetto piatto e senza tegole e tapparelle alle finestre, ma quest'inverno ho visto delle case in costruzione negli USA. Costruzioni in diverso stato di avanzamento. Di base l'intelaiatura è di legno, con travi di sezione contenuta, ed i muri sono sostanzialmente fatti da pannelli prefabbricati di isolante rivestiti in legno o materiale plastico di qualche genere. Cartongesso per le finiture interne. Le finestre non hanno scuri di alcun genere, da loro le tapparelle non vanno di moda.
Certo, costa meno da ricostruire, ma se poi l'effetto è questo, non so quanto convenga...
Commento # 5 di: D4N!3L3 pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:06
Originariamente inviato da: Ragerino
Ora, io non so che effetto avrebbe questo su di una casa fatta di mattoni e cemento, magari con un tetto piatto e senza tegole e tapparelle alle finestre, ma quest'inverno ho visto delle case in costruzione negli USA. Costruzioni in diverso stato di avanzamento. Di base l'intelaiatura è di legno, con travi di sezione contenuta, ed i muri sono sostanzialmente fatti da pannelli prefabbricati di isolante rivestiti in legno o materiale plastico di qualche genere. Cartongesso per le finiture interne. Le finestre non hanno scuri di alcun genere, da loro le tapparelle non vanno di moda.
Certo, costa meno da ricostruire, ma se poi l'effetto è questo, non so quanto convenga...


In una zona soggetta a quei fenomeni o ti fai la casa di lego o hai un conto smisurato in banca. L'importante è avere un bunker sempre fornito e soprattutto solido.

In zone non soggette concordo che quel tipo di costruzione fa pietà, non scambierei mai una bella casa in pietra del 1400 con una di quelle baracche.
Commento # 6 di: Ragerino pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:17
Originariamente inviato da: D4N!3L3
In una zona soggetta a quei fenomeni o ti fai la casa di lego o hai un conto smisurato in banca. L'importante è avere un bunker sempre fornito e soprattutto solido.


Diciamo che la scelta sarebbe
a) una casa gigante in legno con un sacco di spazio
b) una casa decisamente più piccola, in cemento armato, magari ad 1 solo piano

Sono abbastanza sicuro che sia possibile costruire case resistenti a questi fenomeni. D'altro canto se fai un pezzo di cemento, basso, con finestre fatte in un certo modo, il tornado non te lo porta via. Ma ovviamente è più figo avere una casa grande e spaziosa, anche se c'è il rischio che il primo tornado te la porta via. E lì non sono poi cosi rari.
Commento # 7 di: D4N!3L3 pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:26
Originariamente inviato da: Ragerino
Diciamo che la scelta sarebbe
a) una casa gigante in legno con un sacco di spazio
b) una casa decisamente più piccola, in cemento armato, magari ad 1 solo piano

Sono abbastanza sicuro che sia possibile costruire case resistenti a questi fenomeni. D'altro canto se fai un pezzo di cemento, basso, con finestre fatte in un certo modo, il tornado non te lo porta via. Ma ovviamente è più figo avere una casa grande e spaziosa, anche se c'è il rischio che il primo tornado te la porta via. E lì non sono poi cosi rari.


Probabilmente hanno più accesso al legno che al cemento e comunque sia un tetto te lo porta anche via. Dipende anche dalla potenza statistica dei tornado che passano in quelle zone, se ti capita un F5 (come il dito di Dio - cit.) allora non regge nulla. Un trucco per far si che ci siano meno danni è tenere le finestre aperte anche se ti porta via tutto quello che hai in casa.

Riparare una struttura in cemento con il tetto scoperchiato e conseguenti crepe, cedimenti e altri problemi probabilmente è comunque più costoso di una casa in legno da rifare.
Commento # 8 di: 29Leonardo pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:30
Io sapevo che le facevano in legno anche perchè i detriti in cemento spostati ad alta velocità a causa del tornado farebbero molti piu danni in giro.
Commento # 9 di: biometallo pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:38
primo articolo che trovo sulla questione:

Perché negli USA nella zona flagellata dai tornado continuano a costruire case in legno e cartongesso piuttosto che in cemento armato come in Italia?


[COLOR="Red"][B][SIZE="4"]"[/SIZE][/B][/COLOR]In realtà gli americani potrebbero chiedersi ogni volta che in Italia si verifica un terremoto, come mai gli italiani sono così stupidi da costruire case che cadono anche con scosse di magnitudo 5.5 essendo coscienti di vivere in uno dei Paesi a più alto rischio sismico del mondo.

Per conoscere come mai gli americani vivono in case di legno, bisogna approfondire la loro storia, la loro cultura, le loro tradizioni e quella mentalità pionieristica che una grande nazionale come gli USA non ha mai perso dalla sua nascita ad oggi, a prescindere dal fatto che venti forti come quelli dei vortici della “tornado valley” [COLOR="Red"][B][SIZE="4"]"[/SIZE][/B][/COLOR]

Insomma non si tratterebbe solo di una scelta di convenienza ma dettata anche da profonde radici culturali
Commento # 10 di: cignox1 pubblicato il 03 Maggio 2022, 12:43
Bah, con quello che costano quelle case... scommetto che con quello che ho pagato il mio appartamento di 100mq in cooperativa, in un quartiere gradevole ma periferico di Bolzano me ne compro 2 di quelle casette a schiera, e mi restano pure i soldi per un bel viaggio.
Pago una assicurazione e nel malaugurato caso che un tornado se la porta via la riparo/ricostruisco.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »