Casio verso l'abbandono del mercato delle fotocamere digitali

Casio verso l'abbandono del mercato delle fotocamere digitali

di Roberto Colombo, pubblicata il

“ La multisfaccettata azienda nipponica pare intenzionata a gettare la spugna e ad abbandonare la fotografia digitale: le perdite sono insostenibili”

Casio tra i pionieri della fotografia digitale: infatti del marchio giapponese la prima fotocamera compatta digitale con display LCD, la Casio QV-10. La multisfaccettata azienda nipponica pare per intenzionata a gettare la spugna e ad abbandonare la fotografia digitale. Casio ha infatti rilasciato una nota in cui ha deciso una revisione al ribasso del bilancio annuale consolidato per l'esercizio chiuso al 31 marzo. Secondo quanto riporta Nikkei, il comparto delle fotocamere digitali ha registrato una perdita di 500 milioni di yen nell'anno fiscale terminato a marzo 2017.

La strada scelta da Casio sembrerebbe essere quella dell'uscita dal mercato della fotografia digital e della ristrutturazione del settore degli strumenti musicali, altro segmento in cui nomi storici faticano, come conferma la richiesta di concordato preventivo di Gibson, rea di aver fatto il passo pi lungo della gamba con le ultime acquisizioni.

Casio sempre rimasta focalizzata sul settore delle compatte, con qualche raro excursus nel settore delle bridge, provando anche a immaginare prodotti innovativi in grado di tenere il passo dei telefonini (qui sotto un amarcord di Casio TRYX per i pi appassionati), ma a fronte della continua contrazione del mercato delle fotocamere compatte si vede costretta ad alzare bandiera bianca.

[HWUVIDEO="1175"]Casio TRYX EX-TR150: trasformista all'opera[/HWUVIDEO]

Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Shurpaul pubblicato il 04 Maggio 2018, 05:59
Wow

Ne sentiremo la mancanza. Scherzo :-)
Commento # 2 di: dirac_sea pubblicato il 04 Maggio 2018, 14:17
Mi dispiace. Quando un competitore si ritira dal mercato, per il consumatore è sempre una perdita. Anni fa, un mio collega aveva una fotocamera digitale Casio (non ricordo il modello), che era un pezzo avanti alla Canon Powershot A80 che possedevo. Producendo macchine compatte, Casio ha evidentemente risentito in modo particolare del fenomeno "fotografie con lo smartphone".
Commento # 3 di: utenteluca pubblicato il 04 Maggio 2018, 17:15
Ma questa marca da vucuprà dove vuole andare!
Commento # 4 di: Podz pubblicato il 05 Maggio 2018, 01:42
Inevitabile. Come tutti, Casio ha subito l'erosione delle vendite (compattine) da parte degli smartphone.
Viene da chiedersi se in futuro gli altri produttori che hanno accusato perdite simili e hanno un mercato poco differenziato riusciranno a fare ricerca e sviluppo come un tempo.

Prevedo tempi duri.

https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2852275
Commento # 5 di: globi pubblicato il 05 Maggio 2018, 23:47
Mi sono già chiesto in passato perché Casio produca compatte, che poi tra l`altro di compatte della Casio, stranamente, se ne sono viste sempre rare, quindi con le compatte vendute la Casio deve aver guadagnato pochissimo.
E poi oggi la compatta non ha più senso perché ci sono ottimi smartphone, e se oggi uno volesse proprio fare le foto come si deve allora puù andare direttamente su una semiprofessionale, non c`é via di mezzo.
Commento # 6 di: Podz pubblicato il 06 Maggio 2018, 01:12
Originariamente inviato da: globi
che poi tra l`altro di compatte della Casio, stranamente, se ne sono viste sempre rare, quindi con le compatte vendute la Casio deve aver guadagnato pochissimo.

In Giappone/Asia ha una buona fetta di mercato, considerando solo le compatte (se non sbaglio è addirittura il terzo produttore). Il problema è che sono proprio calate a picco le compatte in generale.
Si dovrebbero salvare le pro, anche se a dire il vero non si trovano molti dati in merito.
Commento # 7 di: tuttodigitale pubblicato il 06 Maggio 2018, 14:56
Originariamente inviato da: utenteluca
Ma questa marca da vucuprà dove vuole andare!

non so negli ultimi anni, ma fino a 2010 (data indicativa), secondo me le fotocamere Casio erano migliori delle equivalenti Nikon.
Il problema di Casio è proprio il settore delle compatte che è stato logorato da quello di smartphone. Infatti anche in occasioni di feste di compleanno è raro vedere una compatta, dove una volta erano le indiscusse protagoniste, figuriamoci se queste sono recenti...