DJI Mini 3 Pro: crescono le specifiche, ma non il peso. Promosso a pieni voti

DJI Mini 3 Pro: crescono le specifiche, ma non il peso. Promosso a pieni voti

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Finalmente un Mini che ci convince a pieno! Il nuovo DJI Mini 3 Pro fa passi avanti importanti sul fronte della fotocamera, ma soprattutto nell'avionica, con maggiore autonomia e sensori per il rilevamento ostacoli. Il peso resta al di sotto dei fatidici 250 grammi e lo rende davvero il drone per tutti. Un solo problema: ora non 'tutti' possono permetterselo...”

Articoli correlati

DJI Mavic 3 : evoluzione convincente, ma non per tutti

DJI Mavic 3 : evoluzione convincente, ma non per tutti

Per chi ne fa un utilizzo professionale, il nuovo DJI Mavic 3 è certamente un prodotto ben studiato, in grado di offrire caratteristiche che ne giustificano l'acquisto: nuova fotocamera con sensore più grande e secondo modulo zoom, nuova avionica con batteria maggiorata e nuovi sensori per l'evitamento ostacoli. Con le caratteristiche sale anche il prezzo, che potrebbe rendere il nuovo DJI Mavic 3 'troppo' per alcuni
DJI Air 2S: videorecensione e tutte le differenze con Mavic 2 Pro

DJI Air 2S: videorecensione e tutte le differenze con Mavic 2 Pro

A prima vista DJI Air 2S e Mavic 2 Pro potrebbero sembrare molto simili, visto che ora anche il nuovo quadricottero sfrutta un modulo fotocamera con sensore da 1 pollice e 20 megapixel. In realtà le differenze ci sono e per qualcuno potrebbero essere importanti: ve le raccontiamo tutte nel nostro video
DJI MINI 2: è davvero il drone per tutti?

DJI MINI 2: è davvero il drone per tutti?

Dopo averlo provato e confrontato coi fratelli maggiori proviamo a rispondere alla domanda che gira nella testa di molti: "DJI MINI 2 è davvero il drone per tutti?" Il più piccolo e leggero della serie Mavic guadagna in questa seconda generazione il formato RAW DNG per le foto e i video 4K 30p, facendo ora gola a molti. In fondo alla recensione trovate la nostra risposta alla domanda
Dal 5 marzo basta l'attestato online per far volare i droni in operazioni non critiche

Dal 5 marzo basta l'attestato online per far volare i droni in operazioni non critiche

Nella transizione verso il regolamento europeo EASA, stanno cambiando gradualmente le regole emesse da ENAC per il territorio italiano. Grande novità a partire da 5 marzo scorso: per ottenere l'attestato di pilota APR (Operazioni non critiche) ora è sufficiente seguire un corso e superare un esame da 40 domande online, con un costo decisamente più basso del passato, soli 31 Euro


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: nickname88 pubblicato il 16 Maggio 2022, 12:12
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
stupidi a dji che hanno creato come accessorio una batteria che dura un niente di più... a cui nessuno era interessato essendo 34 minuti già più che sufficienti...

34 min sufficienti ?

Anche no, dipende cosa vuoi fare. Se vuoi fare panoramiche molto ampie o fare ricognizione in un area necessita prima di tutto di autonomia, i 34 min se consideri che il drone debba tornare indietro significa che si riducono praticamente ad una ventina ( a meno che non vai avanti in linea retta, in quel caso è esattamente la metà ).

Poi parliamoci chiaro 34min è un valore ottimistico quando è nuovo e IN ASSENZA di vento, nella realtà rischiano anche di essere meno.
Commento # 12 di: ninja750 pubblicato il 16 Maggio 2022, 12:23
se serve filmare 40 minuti meglio avere la versione combo con la quale hai 3 batterie che le cambi in un microsecondo piuttosto che una grossa cicciona e pesante
Commento # 13 di: nickname88 pubblicato il 16 Maggio 2022, 12:48
Originariamente inviato da: ninja750
se serve filmare 40 minuti meglio avere la versione combo con la quale hai 3 batterie che le cambi in un microsecondo piuttosto che una grossa cicciona e pesante

Serve fino ad un certo punto.
La batteria per cambiarla è necessario far tornare il drone, il che significa che la distanza coperta sarà sempre la stessa.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »