DJI MINI 2: è davvero il drone per tutti?

DJI MINI 2: è davvero il drone per tutti?

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Dopo averlo provato e confrontato coi fratelli maggiori proviamo a rispondere alla domanda che gira nella testa di molti: "DJI MINI 2 è davvero il drone per tutti?" Il più piccolo e leggero della serie Mavic guadagna in questa seconda generazione il formato RAW DNG per le foto e i video 4K 30p, facendo ora gola a molti. In fondo alla recensione trovate la nostra risposta alla domanda”

È la domanda che tutti si pongono guardando il piccolo quadricottero DJI MINI 2: "È veramente il drone per tutti?". Domanda che molti si ponevano per il primo DJI Mavic Mini, ma che è ancor apiù di attualità alla luce dei cambiamenti del regolamento a livello europeo e delle rinnovate caratteristiche tecniche del velivolo.

[HWUVIDEO="3045"]DJI MINI 2: è davvero il drone per tutti?[/HWUVIDEO]

Dal punto di vista delle specifiche tecniche il nuovo DJI MINI 2 è decisamente più interessante del primo modello, che i tecnici cinesi avevano deciso di 'castrare' per non farlo entrare troppo in concorrenza con i fratelli maggiori. DJI su MINI 2 ha invece sbloccato le possibilità del sensore, permettendo ora di scattare foto anche in formato RAW, con maggiori possibilità in post produzione. Rispetto ad avere a che fare con il solo JPEG, avere a disposizione il file .DNG permette maggiori margini di recupero su luci e ombre, sull'esposizione e soprattutto sul bilanciamento del bianco, in caso quello allo scatto fosse errato. La funzione è decisamente utile anche nell scatto delle panoramiche, dove è possibile salvare le singole immagini in formato .DNG, da dare poi in pasto ai software di composizione per una post produzione personalizzata.

In app Camera

RAW DNG Photoshop

Tra le funzioni fotografiche anche la ripresa in bracketing, che unita al supporto RAW permette di creare facilmente foto HDR di grande effetto. Qui sotto un esempio creato in Photoshop partendo da tre file JPEG a tre esposizioni differenti.

DJI ha anche sbloccato la possibilità del sensore CMOS in formato 1/2,3" da 12 megapixel di registrare filmati in formato 4K a 30p e 100Mbps, mentre il modello precedente si fermava a 2,7K. Grazie alla registrazione 4K, quando si utilizza il formato Full HD 1080p è possibile accedere allo zoom digitale 2x senza perdita. Sebbene resti un gradino sotto la massima qualità dei fratelli maggiori, che offrono 4K 60p a maggiore frame rate e nei modelli top di gamma anche la registrazione a 10 bit, il salto qualitativo dei video è immediatamente percepibile rispetto al modello precedente.

DJI ha anche deciso di equipaggiare MINI 2 dell'ultimo e più performante radiocomando con tecnologia OcuSync 2.0: rispetto al modello precedente ripiegabile il nuovo controller offre migliore ergonomia, migliore fissaggio dello smartphone, ma soprattutto una connessione Dual Band decisamente più stabile, caratteristica sulla quale Mavic Mini aveva fatto emergere qualche dubbio di troppo. Il nuovo radiocomando dichiara un raggio utile di 4 chilometri, ma ricordiamo che in Italia è necessario volare a vista e che, viste le dimensioni ridotte del drone e la presenza di una sola luce al posteriore (e non sui 4 bracci come nei modelli più grandi) la distanza in cui il quadricottero diventa invisibile a occhio nudo è di qualche decina di metri. Per altro una distanza alla quale il primo Mavic Mini denota invece perdite di segnale frequenti.

DJI ha lavorato anche sui rotori, portando l'autonomia a 31 minuti e rendendo ancora più silenzioso il drone. Gli aggiornamenti all'avionica rendono il piccono MINI 2 ancora più facile da pilotare: i motori potenti permettono di alzarsi in volo anche nelle giornate ventose e il peso contenuto rende davvero minimo anche l'abbrivio. In caso di manovre errate le correzioni sono facili e immediate e anche se si calcola male una virata e lo spazio di arresto è facile intervenire per correggere, anche grazie all'impugnatura molto più salda del telecomando.

Il volo stazionario, grazie al GPS e ai sensori orientati verso il basso è abbastanza stabile, anche se non al livello dei fratelli superiori. Il divertimento in modalità sport, visto il peso ridotto è davvero massimo, con una velocità massima di 58 km/h (pari a 16 m/s). L'app DJI Fly è la stessa dei fratelli maggiori e offre tutte le manovre automatizzate e le opzioni di ripresa. A differenza dei fratelli maggiori però, l'assenza di sensori di evitamento ostacoli posteriori e laterali richiede maggiori precauzioni nell'avvio delle manovre automatiche: in caso di avvicinamento ad ostacoli il drone dietro e di lato è cieco e non può fermarsi automaticamente in caso di possibile collisione. Serve quindi avere un occhio esperto sulle manovre automatiche e sul loro raggio d'azione, calcolando di conseguenza una generosa distanza di sicurezza dai possibili ostacoli. In questo senso tra tutti quadricotteri della famiglia Mavic, MINI 2 è il più 'difficile' da guidare, in quanto quello con la minore capacità di evitare in modo autonomo gli ostacoli.

Il peso ridotto a 249 grammi rende più semplice anche il futuro di DJI MINI 2 in questa fase di transizione verso il regolamento europeo EASA. Quest'ultimo doveva entrare in vigore il luglio scorso e con esso il nuovo sistema di categorizzazione europea dei droni con la divisione in 5 classi (0, 1, 2, 3 e 4), che ne determina anche i requisiti per l'utilizzo. L'entrata in vigore però stata posticipata al 1° gennaio 2021, a causa dei ritardi dovuti alla pandemia da Covid-19. DJI MINI 2 quindi non entra in commercio con la targhetta della categoria, necessaria per poter volare secondo il nuovo regolamento. Quest'ultimo individua una fase di transizione fino al gennaio 2023 in cui i droni non marchiati (considerati 'non conformi') potranno volare in deroga: dopo quella data non potranno più alzarsi in volo. Buone notizie però per chi acquista DJI MINI 2 già oggi: il regolamento europeo esclude dalla necessità dell'etichettatura i droni al di sotto dei 250 grammi, che potranno volare anche dopo il 1° gennaio 2023, senza problemi. Questo è il motivo per cui DJI ha messo in commercio il drone nonostante non potesse essere etichettato con la categoria C0, in quanto il peso ridotto ne evita problemi normativi per il futuro anche oltre il 2023.

Il drone, comunque, per essere utilizzato in Italia deve essere immatricolato sulla piattaforma d-flight e assicurato. Per quanto riguarda la necessità o meno dell'attestato, l'articolo 14 del Regolamento di esecuzione (UE) 2019/947 della commissione del 24 maggio 2019 relativo a norme e procedure per l'esercizio di aeromobili senza equipaggio recita

5. Gli operatori UAS sono tenuti a immatricolarsi:

a) Quando operano nell'ambito della categoria «aperta» utilizzando uno dei seguenti aeromobili senza equipaggio:

i. Aeromobili senza equipaggio aventi MTOM pari o superiore a 250 g o che, in caso di impatto, possono trasferire al corpo umano un'energia cinetica superiore a 80 Joule;

ii. Aeromobili senza equipaggio dotati di un sensore in grado di rilevare dati personali, a meno che non sia conforme alla direttiva 2009/48/CE;

Stando anche all'interpretazione enunciata da alcuni funzionari di ENAC in diversi convegni, la presenza della telecamera ad alta risoluzione, in grado di riprendere persone in modo riconoscibile, richiede che l'operatore sia 'patentato' , anche se il peso del drone è al di sotto dei 250 grammi, a meno che non sia esplicitamente considerato un giocattolo e ricada nelle categorie individuate dalla direttiva 2009/48/CE. Il vantaggio del peso ridotto sotto i 250 grammi è il fatto che le operazioni vengono considerate 'non critiche' in tutti gli scenari operativi.

Secondo il regolamento ENAC 'Mezzi aerei a pilotaggio remoto ED 3 del 11 novembre 2019' vengono definite come 'Non critiche' le "operazioni condotte ad una distanza orizzontale di sicurezza di almeno 150 m dalle aree congestionate, e ad almeno 50 m dalle persone che non siano sotto il diretto
controllo del pilota di APR".

Per operare in queste condizioni con un drone è richiesto l'attestato base, conseguibile online con un corso e con un esame dal costo di 31 euro, quindi molto più accessibile rispetto al passato e ora davvero alla portata di tutti. Con un drone come DJI MINI 2 è possibile quindi volare anche non stanti le condizioni sopra citate, con il solo attestato base e senza la necessità del patentino per operazioni critiche, ben più complesso e costoso da ottenere.

In sintesi per far volare DJI MINI 2 servono l'assicurazione, l'immatricolazione, l'attestato base, ma non serve il patentino per le operazioni critiche anche nei contesti che lo richiedono per i droni al di sopra dei 250 grammi.

A livello di costi, il prezzo è leggermente cresciuto rispetto al primo modello, ma visto l'aggiornamento delle specifiche tecniche è giustificato e DJI MINI 2 resta uno dei droni più accessibili sul mercato. DJI Mini può essere acquistato tramite due opzioni. Il pacchetto standard include il drone, un radiocomando e una batteria al prezzo di 459 €. Anche il Mavic Mini 2 Fly More Combo è disponibile ed include il drone, il radiocomando, 3 batterie, una borsa per il trasporto e una stazione di ricarica delle batterie al prezzo di 599 €.

Come raccontiamo anche nel nostro video in apertura, l'opzione Fly More Combo è certamente quella più consigliabile, anche solo per la comodissima borsa per il trasporto fornita nel kit, perfetta per portare con sé tutti gli accessori. Avere tre batterie è poi un punto importante: certamente l'autonomia maggiorata su singola batteria permette di fare molte cose con una sola carica, una volta che si è in volo ci si prende gusto e ci si ritrova spesso fare fuori le batterie una in fila all'altra. Il caricatore multiplo, poi, permette di caricare tre batterie a cascata.

Considerato il peso, il prezzo e la relativa facilità d'uso DJI MINI 2 è certamente un drone alla portata di molti. Bisogna ricordare che non è un giocattolo, necessità alcune attenzioni per l'uso (anche per la mancanza di alcuni sensori per evitare gli ostacoli), la registrazione del prodotto, la conoscenza delle regole dell'aria e l'assicurazione. Detto questo è più facilmente utilizzabile in diversi scenari rispetto ai fratelli più grandi e pesanti.

Articoli correlati

DJI Mavic Mini 2: per il piccolo drone è l'ora del 4K

DJI Mavic Mini 2: per il piccolo drone è l'ora del 4K

DJI Mavic Mini 2 apporta molti miglioramenti al primo modello. Video 4K/30p, foto in RAW, autonomia di 31 minuti, tecnologia di trasmissione OcuSync 2.0 fino a 4 chilometri. Aumenta il prezzo di acquisto, che sale a 459 €, ma il peso resta sotto i 250 grammi
DJI Mavic Air 2: anteprima, prezzo e caratteristiche. Video 4K/60p e 48 Mp

DJI Mavic Air 2: anteprima, prezzo e caratteristiche. Video 4K/60p e 48 Mp

DJI Mavic Air 2 torna a essere il miglior drone per l'utenza consumer. Offre un compromesso eccellente tra prezzo, funzioni e qualità. La nuova fotocamera da 48 megapixel permette di scattare anche in condizioni di scarsa illuminazione con RAW molto malleabili. Video 4K 60p e Full HD fino a 240 fps sono di livello professionale. Nuove funzioni per voli sicuri e un nuovo radiocomando con portata maggiorata completano il quadro, assieme all'autonomia, che sale a 34 minuti
Dal 5 marzo basta l'attestato online per far volare i droni in operazioni non critiche

Dal 5 marzo basta l'attestato online per far volare i droni in operazioni non critiche

Nella transizione verso il regolamento europeo EASA, stanno cambiando gradualmente le regole emesse da ENAC per il territorio italiano. Grande novità a partire da 5 marzo scorso: per ottenere l'attestato di pilota APR (Operazioni non critiche) ora è sufficiente seguire un corso e superare un esame da 40 domande online, con un costo decisamente più basso del passato, soli 31 Euro
DJI Mavic 2 Pro, facile da guidare e ottimo per video 4K e foto RAW

DJI Mavic 2 Pro, facile da guidare e ottimo per video 4K e foto RAW

L'appellativo 'Pro' è davvero giustificato per il nuovo DJI Mavic 2 Pro. Messo alla prova con il nuovo DJI Smart Controller è un quadricottero molto facile da guidare, decisamente stabile e in grado di riprendere filmati 4K a 10 bit e immagini fotografiche da 20 megapixel in formato RAW DNG


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: cortez77 pubblicato il 04 Dicembre 2020, 17:17
Ma ogni tanto vi capita, anche solo per sbaglio, di rileggere quello che scrivete?
Solo nella prima frase ci sono due errori...
Commento # 2 di: al135 pubblicato il 04 Dicembre 2020, 17:42
Originariamente inviato da: cortez77
Ma ogni tanto vi capita, anche solo per sbaglio, di rileggere quello che scrivete?
Solo nella prima frase ci sono due errori...


mammamia che scopa in culo.
Commento # 3 di: giovanni69 pubblicato il 04 Dicembre 2020, 17:46
E pensare che la correzione grammaticale è disponibile da almeno 20 anni. Basterebbe avere la pazienza di utilizzarla e non limitarsi a quella ortografica.
Commento # 4 di: GaryMitchell pubblicato il 05 Dicembre 2020, 11:53
Ci vogliono solo attestato, assicurazione e registrazione, per un giocattolo da 249 grammi, questo si che e' un grande incentivo! (Tra l'altro, i 31 euro per l'attestato, e' bene dirlo.. si pagano a ogni tentativo, che va spesso in acqua perche' le domande sono contorte) c'e' da aggiungere altri 30 euro per i libri sulle domande e l'assicurazione, altri 50 euro.. il tutto da rinnovare ogni anno.
Commento # 5 di: Svelgen pubblicato il 05 Dicembre 2020, 12:17
Originariamente inviato da: GaryMitchell
Ci vogliono solo attestato, assicurazione e registrazione, per un giocattolo da 249 grammi, questo si che e' un grande incentivo! (Tra l'altro, i 31 euro per l'attestato, e' bene dirlo.. si pagano a ogni tentativo, che va spesso in acqua perche' le domande sono contorte) c'e' da aggiungere altti euro per i libri sulle domande e l'assicurazione.


i 31€, fino a pochi mesi fa non si pagavano e avevi a disposizione 6 tentativi.
Sulle domande ti dò ragione, ma alla fine sono 30 domande e devi rispondere solo alle 20 di cui sei sicuro.
Poi per avere l'attestasto... mi sembra il minimo. Prima c'erano in giro cani e porci che volavano senza regole.
Ora invece gli stessi, ci pensano 2 volte prima di alzare in volo un'oggetto che può fare danni a cose e persone.
Tornando all'articolo..questo mini 2 è il drone perfetto per tutti quelli che vogliono spendere poco e non sono interessati a alle funzioni di volo intelligenti presenti nei modelli superiori.
Per quello che mi riguarda, ci penserei su 10 volte prima di sostituire il mio MavicAir1, con questo giocattolino.
Per me, i sensori anticollisione sono importanti. Generalmente per un certo tipo di riprese li disabilito. Però tra averli, e non averli, fa la differenza tra avere un drone distrutto e uno integro.
E di questi mini2, ne vedo parecchi sfasciati e dove la gente chiede come riparare la telecamera che non ha alcuna protezione ed è la prima cosa che si distruggerà in caso di collisione.
L'unico pro che ha questo mini, è la leggerezza che ti consente di farlo volare ovunque puoi volare con droni sotto i 250gr.
Purtroppo però, in molte città Italiane è inibito il volo anche a questi pesi piuma.
Commento # 6 di: Yrbaf pubblicato il 05 Dicembre 2020, 12:29
Segnalo che 58Km/h sono circa 16.1m/s e non 19.
A 19m/s saresti a 68.4km/h

Io non so quale sia la velocità max di questo drone ma il dato da pubblicare o è 68km/h e 19m/s o è 58km/h e 16m/s

PS
Io propendo per la seconda (16m/s e 58km/h)
Commento # 7 di: Roberto Colombo pubblicato il 05 Dicembre 2020, 13:57
Originariamente inviato da: Yrbaf
Segnalo che 58Km/h sono circa 16.1m/s e non 19.
A 19m/s saresti a 68.4km/h

Io non so quale sia la velocità max di questo drone ma il dato da pubblicare o è 68km/h e 19m/s o è 58km/h e 16m/s

PS
Io propendo per la seconda (16m/s e 58km/h)


16 m/s

Ho corretto, grazie!
Commento # 8 di: palia95 pubblicato il 05 Dicembre 2020, 14:54
Originariamente inviato da: GaryMitchell
Ci vogliono solo attestato, assicurazione e registrazione, per un giocattolo da 249 grammi, questo si che e' un grande incentivo! (Tra l'altro, i 31 euro per l'attestato, e' bene dirlo.. si pagano a ogni tentativo, che va spesso in acqua perche' le domande sono contorte) c'e' da aggiungere altri 30 euro per i libri sulle domande e l'assicurazione, altri 50 euro.. il tutto da rinnovare ogni anno.


No, per questo mini servo solo registrazione su D-Flight con creazione QRcode (6 euro mi pare) ed assicurazione da hobbista (30-35 euro anno). L'attestato sotto i 250 grammi non serve, serve oltre tale soglia, costa 31 euro con un tot di tentativi, prima erano 6, ora non lo so. Il test online a mio parere è davvero facile, io e tanti altri lo abbiamo passato alla prima botta leggendo giusto un paio di volte il sillabus, senza ricorrere a guide, libri etc. Concordo però che alcune domande sono davvero ostiche. In ogni caso l'attestato vale per 5 anni.
Commento # 9 di: ninja750 pubblicato il 05 Dicembre 2020, 17:18
Originariamente inviato da: GaryMitchell
Ci vogliono solo attestato, assicurazione e registrazione, per un giocattolo da 249 grammi, questo si che e' un grande incentivo! (Tra l'altro, i 31 euro per l'attestato, e' bene dirlo.. si pagano a ogni tentativo, che va spesso in acqua perche' le domande sono contorte) c'e' da aggiungere altri 30 euro per i libri sulle domande e l'assicurazione, altri 50 euro.. il tutto da rinnovare ogni anno.


cioè l'attestato è da rinnovare ogni anno?
Commento # 10 di: palia95 pubblicato il 05 Dicembre 2020, 18:44
Originariamente inviato da: ninja750
cioè l'attestato è da rinnovare ogni anno?


5 anni
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »