Fujifilm GFX 100: ecco serviti i 100 megapixel. Primo (convincente) contatto

Fujifilm GFX 100: ecco serviti i 100 megapixel. Primo (convincente) contatto

di Roberto Colombo , pubblicato il

“'10 ragazze per me posson bastare' cantava Lucio Battisti. Oggi probabilmente si potrebbe accontentare anche dei 100 megapixel messi a disposizione su sensore 'Large Format' da Fujifilm GFX 100. Il nostro primo contatto a Milano, in cui ha dimostrato di essere fatta di una pasta diversa dai modelli precedenti e in cui ha convinto fin da subito in molti ambiti. Più reattiva, offre autofocus a rilevazione di fase con Eye-Tracking e file ricchissimi di dettaglio”

Non più Medium Format, ma Large Format: Fujifilm con il lancio della sua nuova GFX 100 ha deciso di voler cambiare non solo il mercato, ma anche il linguaggio. Large è meglio di Medium per sottolineare i benefici rispetto al formato Full/Pieno. Finezze linguistiche a parte, la nuova fotocamera della serie GFX è davvero una pietra miliare per il produttore giapponese, ma probabilmente per tutto il settore. Annunciata a Photokina 2018, ora arriva finalmente sul mercato e all'evento di lancio italiano abbiamo avuto la possibilità di avere un primo contatto dal vivo con la 'Big Megapixel' di casa Fuji. Lo ricordiamo, è una fotocamera con sensore in formato 43,8mmx32,9mm da 102 milioni di pixel.

Una fotocamera medio formato facile da usare, con la funzione AF Eye-Tracking facilissimi anche i selfie allo specchio

La casa nipponica ha lavorato molto su questo progetto e lo si vede fin dal guscio esterno, caratterizzato da un design molto più piacevole della prima GFX-50S. Non siamo ancora ai livelli di quell'oggetto bellissimo che è Hasselblad X1D, ma finalmente anche l'estetica vuole la sua parte. Estetica, ma anche funzione: il design pulito nasconde diverse soluzioni interessanti. Un esempio è rappresentato dai due display accessori che si affiancano a quello principale da 3,2 pollici, per la ripresa e la revisione degli scatti. Uno è il classico display secondario sulla spalla, mentre il terzo piccolo display lungo e stretto si trova sul retro della fotocamera, in basso. Entrambi i display secondari possono essere completamente personalizzati nelle informazioni che mostrano.

Sono ben tre i display a disposizione per revisione, puntamento e informazioni di scatto

Quello sulla spalla da 1,8" di diagonale può mostrare i dati di scatto (a scelta) oppure delle ghiere virtuali (non ci sono sulla macchina infatti ghiere fisiche), ma anche l'istogramma. Discorso simile per informazioni e istogramma anche per il piccolo display posteriore da 2,05 pollici. Il display principale è snodato e può inclinarsi verso il basso, l'alto e lateralmente, oltre che sporgere dal corpo.

La macchina ripete quanto visto sulla capostipite GFX-50S e adotta un mirino elettronico amovibile, questa volta però con un pannello da ben 5,76 milioni di punti. Tramite l'adattatore opzionale EVF Tilting Adapter EVF-TL1 è possibile rendere il mirino regolabile su più angolazioni.

GFX 100 - Prime impressioni

L'attesa era molta riguardo la nuova fotocamera, visto il lungo e intenso lavoro che Fujifilm ha dedicato al suo sviluppo. Fin dal primo momento si vede che rispetto ai primi due modelli è stato fatto un importante passo avanti. La fotocamera è decisamente più veloce e reattiva. Stesso discorso per l'autofocus: GFX 100 è il primo modello del sistema Large Format GFX a utilizzare l’algoritmo di AF a rilevamento di fase adottato sulle fotocamere della Serie X di quarta generazione (X-T3 e X-T30), che ha portato anche in casa Fujifilm grandi precisione e velocità. L'algoritmo, che utilizza un totale di 3,76 milioni di pixel di rilevamento di fase posizionati sull'intero sensore, permette un efficace tracking dei soggetti e porta sul medio formato funzionalità molto comode come Face Detection e soprattutto la Rilevazione degli occhi, che mette a fuoco direttamente sull'occhio dei soggetti.



Modella in movimento, capelli davanti agli occhi, ma l'Eye-Tracking non ha fallito (particolare al 50%)

Nelle sessioni di ritratto, come ci è già capitato di dire nelle recensioni di diverse fotocamere full frame, questa funzione libera dalla preoccupazione relative alla precisa messa a fuoco e permette di concentrare tutta la propria attenzione su altri aspetti, come l'inquadratura o il rapporto con il soggetto. Messa alla prova negli scatti con la modella e di backstage la funzione Eye-Tracking sembra avere prestazioni decisamente interessanti, a livello di quelle delle mirrorless full frame. Ha inoltre dimostrato di riconoscere, tracciare e seguire l'occhio anche quando viene parzialmente nascosto dai capelli

Molte delle innovazioni discendono dall'utilizzo di un sensore CMOS BSI retroilluminato, che sposta lo strato delle connessioni dietro quello sensibile alla luce. Il sensore è più veloce in lettura, ma fa la sua parte anche il motore di elaborazione "X-Processor 4" di quarta generazione, che tra le altre cose mette a disposizione (sullo scatto singolo e non sulla raffica) la modalità 16-bit RAW. Il nuovo sensore promette, nonostante il cospicuo aumento di densità di pixel sulla superficie 44x33, migliori prestazioni non solo sul fronte della resa agli alti valori di sensibilità ISO, ma anche delle possibilità di recupero di ombre e luci. Promette e mantiene. La sensazione è la stessa che si ha nel passaggio dai sensori di APS-C X-Trans di generazione precedente a quelli retroilluminati di X-T3 e X-T30, con la differenza che in questo caso i megapixel non sono aumentati del 10%, ma del 100%.



Il JPEG uscito dalla macchina a 12.800 ISO: particolare originale e dopo apertura delle ombre in Photoshop

La tenuta agli alti ISO è qualcosa che lascia stupefatti considerando la quantità di pixel delle immagini. Poter utilizzare una fotocamera medio formato a 12.800 ISO non è cosa da poco, soprattutto in un mercato che fino a pochi anni fa era abituato a non poter andare mai oltre i 400 ISO. Tale sensibilità e la stabilizzazione IBIS a 5 assi sul sensore rendono GFX 100 una fotocamera medio formato veramente versatile, capace di regalare scatti incredibili anche fuori dallo studio. Scattare a 100 megapixel con il 110mm a 1/30 di secondo ottenendo uno scatto quasi perfetto è un'altra di quelle cose che lascia a bocca aperta molti, abituati a dover considerare il micromosso come il pericolo più incombente del medio formato, a volte anche sul treppiedi. Fujifilm ha lavorato molto, a questo proposito, anche sull'otturatore, con un sistema di ammortizzazione della tendina che minimizza le vibrazioni interne. Fujifilm ha scelto, a differenza di altri produttori, di non utilizzare la stabilizzazione per la tecnologia Multi-Shot, molto interessante, ma con pochi campi di applicazione reali.

GFX 100 è una di quelle fotocamere con cui è veramente piacevole scattare, anche grazie a un'ergonomia davvero efficace, nonostante la sparizione di tutte le ghiere fisiche. L'impugnatura verticale incorporata permette di stoccare due batterie e garantire un'autonomia di 800 scatti, finalmente anch'essa di livello professionale.





Sviluppare i file RAW .raf con Capture One è un piacere

I file di GFX 100 sono davvero ricchi di dettaglio e svilupparli con Capture One Express for Fujifilm è veramente piacevole, con ampi margini d'intervento senza che le immagini diano segni di degradazione della qualità. Qui sopra a confronto il file JPEG memorizzato dalla macchina sulla scheda di memoria e la fotografia sviluppata in Capture One recuperando del tutto le alte luci. Egregio, in particolare il comportamento sulle zone dorate del trucco sul naso, dove vengono riportati in gamma anche i riflessi più intensi.

I pochi minuti passati maneggiando Fujifilm GFX 100 sono stati un buon punto di partenza per saggiarne le potenzialità, che appaiono davvero ottime, ma non sono certamente sufficienti per un giudizio esaustivo. Ci auguriamo di avere a disposizione il prima possibile un esemplare da mettere alla prova di fronte alle mire ottiche e avere un riscontro numerico del reale potere risolvente del sistema, prova da cui ci aspettiamo grandi risultati.

Articoli correlati

Hard disk e PC: previsto un -50% nel 2019. Ecco perché 'meno crisi di quel che sembra'

Hard disk e PC: previsto un -50% nel 2019. Ecco perché 'meno crisi di quel che sembra'

In base ad una recente dichiarazione, molto fondata, il mercato degli hard disk meccanici potrebbe subire un crollo drastico nell'anno in corso, soprattutto per quanto riguarda i PC. Eppure segnali di allarme non arrivano dai pochi produttori rimasti. Ecco una breve analisi di un mercato che cambia, anche in settori con cui non viviamo direttamente a contatto
Fujifilm GFX 50s, la prova completa

Fujifilm GFX 50s, la prova completa

Il grande livello di dettaglio, come da previsione, e la piacevole conferma della qualità delle ottiche sono due armi vincenti di questo versatile sistema mirrorless medio formato. Per molti, ma non tutti i generi fotografici. La nostra recensione completa.
Hasselblad X1D: medio formato da passeggio

Hasselblad X1D: medio formato da passeggio

Abbiamo portato a spasso per le vie di Göteborg una Hasselblad X1D, la mirrorless medio formato. Circa 24 ore con la fotocamera che punta a rivoluzionare il mondo del medio formato digitale, puntando su risoluzione e gamma dinamica unite a trasportabilità e design. Il corpo in metallo satinato si fa subito notare e attira gli sguardi di tutti, una scelta azzeccata per una macchina fotografica che mira anche a diventare uno status symbol
Fujifilm GFX 50S: primo contatto con la medio formato di casa Fuji

Fujifilm GFX 50S: primo contatto con la medio formato di casa Fuji

Se questa è la qualità degli esemplari marchiati come 'Pre-Production' la nuova Fujifilm GFX 50S fa ben sperare. Nelle prossime righe il nostro primo contatto con la fotocamera che fa debuttare Fujifilm sul palcoscenico delle fotocamere medio formato digitale, dopo i successi degli anni '70 ai tempi della pellicola. Modelle e set fotografici allestiti all'interno della residenza della famiglia Spencer ad Althorp, UK.


Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 28 Giugno 2019, 16:29
Potenza impressionante.
100 mpx perfettamente definiti..
Commento # 2 di: frankie pubblicato il 28 Giugno 2019, 18:40
:o A cosa servono i teleobiettivi, basta croppare!
Commento # 3 di: aleardo pubblicato il 28 Giugno 2019, 21:09
Una fotocamera medio formato facile da usare, con la funzione AF Eye-Tracking facilissimi anche i selfie allo specchio.


A parte l'inconveniente di dovermi portare dietro uno specchio, finalmente ho trovato la fotocamera per i selfie...
Commento # 4 di: djmatrix619 pubblicato il 29 Giugno 2019, 12:48
Peccato non aver visto qualche esempio da scaricare.
Commento # 5 di: Sandime pubblicato il 01 Luglio 2019, 14:15
Originariamente inviato da: djmatrix619
Peccato non aver visto qualche esempio da scaricare.


QUI
Commento # 6 di: djmatrix619 pubblicato il 01 Luglio 2019, 16:06
Originariamente inviato da: Sandime
QUI


Uh grazie mille!! Sono anche di Tokyo a quanto pare, sono stato in moltissimi posti fotografati!

Comunque gran bei scatti, tanta roba!
Commento # 7 di: umanoz pubblicato il 02 Luglio 2019, 15:41
Le mirrorless con il medio formato hanno decisamente più senso, in questo caso accetterei molto più volentieri l'evf. In fotografia però la cosa che conta maggiormente sono le lenti e il trattamento digitale cose in cui fuji è sicuramente a livelli altissimi. Dovrei provarla in studio e in esterna ma al momento d850 più zeiss serie otus sono un connubio eccezionale per quello che dobbiamo fare, inteso come "estetica" fotografica.
Sicuramente quando si arriverà ad una raffica di almeno 4 fps si portrà pensare al cambio, non che servano, ma la reattività della camera è un aspetto fondamentale quando si deve spingere a livello estetico.

Per quanto riguarda l'autofocus, non disponibile sulle zeiss otus, trovo la mancanza un pregio non un difetto, il fuoco è un elemento creativo fondamentale e la sua imperfezione nella versione manuale, trascurabile a livello tecnico se il punto di fuoco è poco più avanti o poco più indietro degli occhi, da una naturalezza inarrivabile ai sistemi automatici.

Nessun cinematografo userebbe l'autofocus e i motivi sono molteplici. Comunque brava fuji personalmente credo che i loro sistemi mirrorless, ma anche le versioni ad ottica fissa, siano gli unici da prendere in considerazione, a meno di avere tante ottiche leitz o laica che dir si voglia
Commento # 8 di: Eress pubblicato il 09 Novembre 2019, 16:07
Stupenda
BenQ Monitor