Aperture 3: la fotografia secondo Apple - Prova pratica

Aperture 3: la fotografia secondo Apple - Prova pratica

di Andrea Bai , Roberto Colombo , pubblicato il

“Puntata conclusiva della trattazione in tre puntate riguardante il nuovo applicativo di Apple per la fotografia digitale. In questa parte concluderemo la carrellata delle novità e presenteremo una prova pratica dello sviluppo in camera bianca, messo a confronto con altre soluzioni concorrenti”


Commenti (24)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: quiete pubblicato il 03 Giugno 2010, 11:04
Originariamente inviato da: genesi86
Che ne direste di un bell'articolo su GIMP? programma dalle grandi potenzialità, che tutti possono avere dato che è open.


Originariamente inviato da: BiG_BaBoL
genesi, come non quotarti..un bell'articolone di Hwupgrade su GIMP


cosa c'entra gimp??? volete una review? eccola
basta che la smettiate di nominarlo in ogni news di software serio x la fotografia
Commento # 12 di: dtpancio pubblicato il 03 Giugno 2010, 12:59
parlando della parte comparativa della recensione beh, è sempre difficile fare comparazioni tra raw converters, visto che non si può valutare un aspetto del programma, senza tenere in considerazione tutti gli altri, che sono presenti e attivi.
non si può considerare il recupero delle alte luci solo spostando lo slider in questione al massimo e vedere chi tira fuori più dettagli..si sa che Lr fa perdere un po' di contrasto all'immagine spostando il recupero al massimo e che aprendo le ombre i neri se ne vanno, ma lo slider dei neri è lì apposta..per quanto mi riguarda una comparativa valida dovrebbe essere fatta cercando di ottimizzare al massimo una serie di fotografie, tentando di raggiungere ciò che il grafico ha in mente, e uguali tra tutti i programmi. solo così si vedono a quali compromessi si è dovuti scendere e quindi la bontà dei singoli interventi testati sul campo.
DPP in quelle foto sembra avere una qualità pessima, ma in realtà tutta quella grana e quella puntinatura bianca, sono dovuti allo sharpening, che su DPP fa un po' schifo, e genera molti artefatti con immagini ad alti iso. ma l'algoritmo di riduzione del rumore in sé non è malaccio.
ancora più difficile valutare la gestione del rumore..si può ottenere un'immagine pulita "piallando" tutti i dettagli oppure tenere i dettagli e quindi anche la grana. e ad occhio nudo è difficile capire quanto un algoritmo di NR riesca a ridurre crominanza e luminanza mantenendo e rilevando il dettaglio.

P.S. ma in questo articolo si parla di CS5 e Lr3 o precedenti? il nuovo motore di ACR ha fatto notevoli passi in avanti per quanto riguarda la gestione del rumore..
Commento # 13 di: Duncan pubblicato il 03 Giugno 2010, 15:08
Per Lightroom credo proprio sia il 2, non ha senso confrontarlo con un prodotto ancora in beta.
Commento # 14 di: genesi86 pubblicato il 03 Giugno 2010, 15:36
Originariamente inviato da: quiete
cosa c'entra gimp??? volete una review? eccola
basta che la smettiate di nominarlo in ogni news di software serio x la fotografia


Gimp è tra i migliori programmi di fotografia... punto.
In più è Open e liberamente scaricabile, quindi anche chi non dispone di centinaia di euro può incominciare ad avvicinarsi al mondo del fotoritocco.

Aggiungiamo anche che è l'unico programma che non gira soltanto sul colabrodo di windows, pertanto un articolo su GIMP sarebbe di grande interesse per tutti gli utenti del pinguino.

Per quanto mi riguarda, visto anche il tasso di sviluppo molto veloce di GIMP, non spenderei mai soldi per photoshop o programmi per MAC.
Commento # 15 di: sofficinifindus pubblicato il 03 Giugno 2010, 16:31
@genesi: si i professionisti sono tutti stupidi , e si divertono a spendere 2000€ per photoshop...

gimp è ottimo, photoshop è migliore (fidati), punto.

lightroom o aperture, sono complementari a photoshop o gimp...

Commento # 16 di: Gualmiro pubblicato il 03 Giugno 2010, 17:01
Originariamente inviato da: dtpancio
parlando della parte comparativa della recensione beh, è sempre difficile fare comparazioni tra raw converters, visto che non si può valutare un aspetto del programma, senza tenere in considerazione tutti gli altri, che sono presenti e attivi.
non si può considerare il recupero delle alte luci solo spostando lo slider in questione al massimo e vedere chi tira fuori più dettagli..si sa che Lr fa perdere un po' di contrasto all'immagine spostando il recupero al massimo e che aprendo le ombre i neri se ne vanno, ma lo slider dei neri è lì apposta..per quanto mi riguarda una comparativa valida dovrebbe essere fatta cercando di ottimizzare al massimo una serie di fotografie, tentando di raggiungere ciò che il grafico ha in mente, e uguali tra tutti i programmi. solo così si vedono a quali compromessi si è dovuti scendere e quindi la bontà dei singoli interventi testati sul campo.
DPP in quelle foto sembra avere una qualità pessima, ma in realtà tutta quella grana e quella puntinatura bianca, sono dovuti allo sharpening, che su DPP fa un po' schifo, e genera molti artefatti con immagini ad alti iso. ma l'algoritmo di riduzione del rumore in sé non è malaccio.
ancora più difficile valutare la gestione del rumore..si può ottenere un'immagine pulita "piallando" tutti i dettagli oppure tenere i dettagli e quindi anche la grana. e ad occhio nudo è difficile capire quanto un algoritmo di NR riesca a ridurre crominanza e luminanza mantenendo e rilevando il dettaglio.

P.S. ma in questo articolo si parla di CS5 e Lr3 o precedenti? il nuovo motore di ACR ha fatto notevoli passi in avanti per quanto riguarda la gestione del rumore..


sottoscrivo in pieno ed aggiungo pure che per aperture da un lato, e camera RAW dall'altro moltissimo dipende anche dalla qualità con cui il software di volta in volta usato riesce ad "interpretare" il file RAW originale.
la mia canon 550D l'ho provata sia in aperture che in camera raw/lightroom, e preferisco come esce dal software apple (lo preferisco anche a quel discutibile programma che è digital photo professional in bundle con la macchina)
un amico in D300s (macchina ben più seria della mia, beninteso) invece vede gestirsi gli scatti in maniera migliore da lightroom, lo preferisce addirittura a captureNX... vuoi per questioni di gusto, vuoi perché ogni goccia è diversa dall'altra.... l'ideale è fare scatti, ognuno con la propria macchina, il proprio stile ed il proprio gusto in fatto anche di risultato finale, provare i software e giudicare. ognuno si fa il proprio compromesso: comodità, qualità, archiviazione, velocità nel gestire il workflow... non tutti abbiamo lo stesso ordine di priorità, ed anche se lo avessimo, ognuno giudica comunque solo con la sua di testa.

conta, e molto, giudicare il risultato finale in queste cose.
ma forse in effetti è un giudizio da non dare in una recensione, è bene che ognuno ci metta del suo.


Originariamente inviato da: genesi86
Gimp è tra i migliori programmi di fotografia... punto.
In più è Open e liberamente scaricabile, quindi anche chi non dispone di centinaia di euro può incominciare ad avvicinarsi al mondo del fotoritocco.

Aggiungiamo anche che è l'unico programma che non gira soltanto sul colabrodo di windows, pertanto un articolo su GIMP sarebbe di grande interesse per tutti gli utenti del pinguino.

Per quanto mi riguarda, visto anche il tasso di sviluppo molto veloce di GIMP, non spenderei mai soldi per photoshop o programmi per MAC.


sì ok, ma al di là di tutto, né gimp né photoshop et similia c'entrano niente con l'oggetto dell'articolo che è aperture. tirando un po' l'articolo per i capelli si può parlare degl'interpreti RAW, del rendering a video di formati "particolari" come questi, ma di certo non di GIMP né di PS.

se è stato menzionato photoshop nell'articolo è tanto per avere un termine di paragone su certi aspetti di aperture, per il resto photoshop al pari di gimp non c'entra niente con questa roba.
gli unici software omologhi di aperture e di una certa fama sono lightroom e captureNX.


anzi, mi correggo, photoshop volendo un punto di contatto con aperture/lightroom ce l'ha, ed è l'interprete RAW che condivide con gli altri software della suite. un po' con la forza si riesce a lavorarci a mo' di cameria chiara.
con gimp invece lavori su un raster già frutto dell'interpretazione a monte di qualcun altro. se si vuole si può giocherellare con ufraw, il quale dovrebbe esistere anche come importer per Gimp se non ricordo male, resta comunque l'impostazione di lavoro. una volta che nella finestra di gimp l'immagine è apparsa, stop, è quella, è stata interpretata. tantovaleva scattare in JPEG e si risparmiava spazio allora.
Commento # 17 di: genesi86 pubblicato il 03 Giugno 2010, 17:05
Originariamente inviato da: sofficinifindus
@genesi: si i professionisti sono tutti stupidi , e si divertono a spendere 2000€ per photoshop...

gimp è ottimo, photoshop è migliore (fidati), punto.

lightroom o aperture, sono complementari a photoshop o gimp...


No, i professionisti non sono stupidi se spendono 2000€ per un prodotto che gli offre risultati migliori rispetto a qualsiasi altro strumento, gimp compreso, consentendogli ritorni maggiori, ma sono appunto professionisti e in tal caso 2000€ hanno un senso.

Gimp è ottimo, non a livello di photoshop, ma cmq è di alto livello.
Dato che però basta andare sul sito di GIMP, scaricarselo liberamente e installarlo sul pc, è molto più interessante per l'utente amatoriale e semi-pro che non possono e non vogliono spendere 2000€.

Recensire aperture non è di per se sbagliato, però cavolo, di prodotti come GIMP non si parla mai.
Commento # 18 di: Gualmiro pubblicato il 03 Giugno 2010, 17:40
Originariamente inviato da: genesi86
Dato che però basta andare sul sito di GIMP, scaricarselo liberamente e installarlo sul pc, è molto più interessante per l'utente amatoriale e semi-pro che non possono e non vogliono spendere 2000€.


questo è vero, e di certo è meglio farsi un gimp pulito per fare i fotoritocchi normalissimi piuttosto ravanare la rete in cerca di metodi poco ortodossi per far funzionare photoshop.



semi-OT:
qualcuno conosce qualcosa di open source (non necessariamente software libero, mi basta OS) da abbinare a gimp/pixelmator/"programmi come photoshop ma non photoshop" per fungere un po' da libreria fotografica? roba tipo picasa, iphoto, pure qualcosa di ancor più sempliciotto...
Commento # 19 di: genesi86 pubblicato il 03 Giugno 2010, 17:44
Originariamente inviato da: Gualmiro
questo è vero, e di certo è meglio farsi un gimp pulito per fare i fotoritocchi normalissimi piuttosto ravanare la rete in cerca di metodi poco ortodossi per far funzionare photoshop.



semi-OT:
qualcuno conosce qualcosa di open source (non necessariamente software libero, mi basta OS) da abbinare a gimp/pixelmator/"programmi come photoshop ma non photoshop" per fungere un po' da libreria fotografica? roba tipo picasa, iphoto, pure qualcosa di ancor più sempliciotto...


mai provato, ma ne parlano bene:

http://bluemarine.tidalwave.it/
Commento # 20 di: Leron pubblicato il 03 Giugno 2010, 20:01
il problema di gimp è l'interfaccia, concepita da uno che sembra malato di mente. già photoshop non è questo mostro di efficacia in termine di studio di interfaccia (nonostante ormai tutti ci siamo abituati), ma gimp ha veramente una gui pessima e mal progettata

e non c'è gimpshop che tenga purtroppo

ed è un peccato perchè se fosse stato studiato meglio sarebbe veramente concorrenziale su molti punti con photoshop


cmq come si diceva photoshop e gimp non sono paragonabili a aperture e lightroom, hanno scopi diversi
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor