Stop alle reflex a pellicola per Canon: in pensione anche EOS-1V

Stop alle reflex a pellicola per Canon: in pensione anche EOS-1V

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Canon EOS-1V era stata lanciata nel 2000, agli albori della moderna fotografia digitale e ha rappresentato per il marchio giapponese un punto di partenza per il successivo sviluppo delle reflex digitali professionali e prosumer: con il suo pensionamento finisce l'era delle fotocamere a pellicola Canon, una storia durata più di 80 anni”

Cominciamo con il dire che la produzione della reflex a pellicola Canon EOS-1V era già stata fermata nel 2010, ma fino a oggi la fotocamera risultava ancora ufficialmente in vendita. Adesso però Canon ha ufficialmente annunciato il pensionamento dell'ultima sua macchina fotografica analogica 35mm. Una storia durata più di 80 anni quella delle fotocamere a pellicola Canon, nata nel 1934 da un gruppo di ingegneri del Sol Levante che si mise al lavoro per produrre una fotocamera 35mm con otturatore sul piano focale, in aperta sfida con gli allora leader di mercato, le aziende europee come Leica.

Ne nacque il prototipo Kwanon - dal nome della divinità buddista della misericordia Kwannon -, che fu la prima fotocamera giapponese di quel tipo. Nel 1935, il nome Kwanon fu sostituito con Canon (che significa criterio o metro di giudizio) e il primo modello prodotto dal neonato marchio prese il nome di Hansa Canon e vide il mercato l'anno successivo. Un lancio che, come avevamo raccontato in questa notizia, fu reso possibile attraverso la cooperazione di Nippon Kogaku K.K., che oggi è la rivale Nikon Corporation.

Canon EOS-1V era stata lanciata nel 2000, agli albori della moderna fotografia digitale e ha rappresentato per il marchio giapponese un punto di partenza per il successivo sviluppo delle reflex digitali professionali e prosumer. Canon garantisce le riparazioni fino al 31 ottobre 2025, avvertendo però che a partire dal 31 ottobre 2020 alcuni interventi potrebbero essere rifiutati in caso di esaurimento a magazzino dei pezzi di ricambio.

Per la cronaca, la rivale Nikon ha ancora a catalogo due reflex a pellicola, la mitica Nikon F6 e la più piccola FM10.


Commenti (19)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 01 Giugno 2018, 15:42
Cia saranno certamente nostalgici affezionati alla pelicola ma comnque sia è ormai pienamente roba di un'epoca passata.
Non voglio dire in TUTTI i campi perchè non lo so.. ma di certo oggi il sistema digitale offre prestazioni superiori alla pellicola praticamente ovunque.
Commento # 2 di: CapoHorn pubblicato il 01 Giugno 2018, 15:53
L'ultimo rullo a pellicola che ho usato, è stato lo scorso anno giusto per rimettere in moto una fantastica e gloriosa Leica M3 del 1960 e avere il piacere di tenere in mano e scattare con una macchina fatta interamente a mano e che, dopo 60 anni, è musica per le orecchie vederla funzionare ancora come se il tempo si fosse fermato.
Ma l'emozione alla fine finisce lì...ormai le pellicole che trovi in giro sono tutte sopra i 200asa. E trovare qualcuno che le sviluppa come dio comanda è ancora più raro, per cui i risultati poi non sono quelli che ti aspetti.
Senza contare poi il Kodachrome64 che è sparito già da un bel po di tempo.
Commento # 3 di: frankie pubblicato il 01 Giugno 2018, 17:16
Un mito, l'unica reflex che a scatto continuo esaurivi il buffer in meno di 4 secondi. Ops la pellicola
10fps a pellicola.
L'unico caso in cui la pellicola forse compete è la gamma dinamica, ma non so le evoluzioni recenti.
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 01 Giugno 2018, 17:33
Originariamente inviato da: frankie
L'unico caso in cui la pellicola forse compete è la gamma dinamica, ma non so le evoluzioni recenti.


No non penso. Non so se magari ci sono pellicole particoilari ma in generale un sensore di oggi ha una gamma dinamica molto estesa.
Commento # 5 di: Notturnia pubblicato il 01 Giugno 2018, 17:49
fine di un era e fra l'altro parliamo di una macchina che ha una tecnologia ancora attuale e che all'epoca era un mostro..
Commento # 6 di: Eress pubblicato il 01 Giugno 2018, 19:03
Ho avuto per 10 anni una Konica primi anni '80, ora non ricordo il modello, non solo era una bellissima macchina fotografica da vedere ed usare, ma per esempio, ricordo i colori con le loro sfumature che rendeva su albe e tramonti, o certi particolari che faccio fatica a vedere con le moderne reflex digitali...solo con l'HDR si riesce ad ottenere risultati forse superiori, ma è un'altra dimensione fotografica. Allora anche la fotografia seguiva altri ritmi, nelle foto c'era ancora poesia, mentre oggi la maggior parte delle foto è fatta coi cellulari. Secondo me se si vuole imparare a fotografare, iniziare da una meccanica è d'obbligo. E una buona reflex meccanica può reggere ancora oggi il confronto con le ultime reflex digitali. Chairo che a livello realismo e definizione, compensazione luce ecc. le ultime digitali sono superiori. Ma la fotografia non è solo quello.
Commento # 7 di: Donagh pubblicato il 01 Giugno 2018, 23:12
Originariamente inviato da: Eress
Ho avuto per 10 anni una Konica primi anni '80, ora non ricordo il modello, non solo era una bellissima macchina fotografica da vedere ed usare, ma per esempio, ricordo i colori con le loro sfumature che rendeva su albe e tramonti, o certi particolari che faccio fatica a vedere con le moderne reflex digitali...solo con l'HDR si riesce ad ottenere risultati forse superiori, ma è un'altra dimensione fotografica. Allora anche la fotografia seguiva altri ritmi, nelle foto c'era ancora poesia, mentre oggi la maggior parte delle foto è fatta coi cellulari. Secondo me se si vuole imparare a fotografare, iniziare da una meccanica è d'obbligo. E una buona reflex meccanica può reggere ancora oggi il confronto con le ultime reflex digitali. Chairo che a livello realismo e definizione, compensazione luce ecc. le ultime digitali sono superiori. Ma la fotografia non è solo quello.


Be dai non centra solo quello per imparare a fotografare, non è detto che iniziare con la meccanica sia di obbligo, io nel mio percorso le meccaniche le ho tenute poco e ho tirato un sospiro di sollievo quando è arrivato il digitale (che costava come un auto) per via della omogeinità di stampa (tendevo a impazzire quando ristampavo anche foto grandi da stampatori seri e mi restituivano risultati di tono diversi, cui io rimandavo tutto indietro con eccellenti incazzature da entrambe le parti).

Quello che conta è il pensiero di creare immagini puliti e non scattare tanto per farlo. e magari altra cosa imparare a usare i fissi per cercare l immagine pulita quindi muovendosi, questo fa imparare anche a valutare inconsciamente come fotografare in base alla focali.

Scatto da che ne so 15 anni? con reflex digitali e le uso propio con questa filosofia.. immagini pulite, magari ricercate e fatte in buona luce (al 90% scatto solo 1 ora prima del tramonto), solo ottiche fisse e per altro solo 3 (24,50 e 135mm) (vedi sito mio sotto in firma credo)

Di solito a chi inizia consiglio di trovarsi un fisso e imparare a scattare poco e bene
Commento # 8 di: demon77 pubblicato il 02 Giugno 2018, 00:04
Originariamente inviato da: Eress
Ho avuto per 10 anni una Konica primi anni '80, ora non ricordo il modello, non solo era una bellissima macchina fotografica da vedere ed usare, ma per esempio, ricordo i colori con le loro sfumature che rendeva su albe e tramonti, o certi particolari che faccio fatica a vedere con le moderne reflex digitali...solo con l'HDR si riesce ad ottenere risultati forse superiori, ma è un'altra dimensione fotografica. Allora anche la fotografia seguiva altri ritmi, nelle foto c'era ancora poesia, mentre oggi la maggior parte delle foto è fatta coi cellulari. Secondo me se si vuole imparare a fotografare, iniziare da una meccanica è d'obbligo. E una buona reflex meccanica può reggere ancora oggi il confronto con le ultime reflex digitali. Chairo che a livello realismo e definizione, compensazione luce ecc. le ultime digitali sono superiori. Ma la fotografia non è solo quello.


Non sono per nulla d'accordo.
Seguendo il tuo discorso potrei dirti provocatioriamente che per imparare a guidare davvero iniziare con una vecchia 500 degli anni sessanta senza cambio sincronizzato è d'obbligo.
Cosa vuol dire fare una bella foto? Vuol dire saper cogliere la giusta inquadratura e la giusta luce per far affirare ciò che si osserva, vuol dire riuscire a catturare il momento. Una volta era più complicato e macchinoso per via di limiti tecnologici imposti, oggi è più semplice grazie a nuove ed avanzate tecnologie. Ed anche i limiti sono stati spinti più avanti.
Alla fine, comunque vada, quello che conta davvero è il risultato. La foto che hai fatto.
Poi che tu abbia smanettato mezz'ora con regolazioni ed esposimetro o che tu abbia banalmente schiacciato un bottone eprchè il resto lo ha fatto tutto la macchina direi che poco conta.
Mi rendo conto che per chi ha iniziato quando ancora era "complicato" possa essere un po' frustrante ma comunque i fatti non cambiano.
L'abilità nel scegliere la giusta inquadratura ed il giusto momento restano comunque nelle mani e nella sensibilità del fotografo.

Quindi è anche giusto prendere atto del fatto che oggi, grazie alla tecnologia, anche un ragazzino con un cellulare, che non ha idea neanche di cosa sia una reflex meccanica a pellicola possa essere in grado di fare una bella foto.
Commento # 9 di: blobb pubblicato il 02 Giugno 2018, 10:59
Originariamente inviato da: demon77
Non sono per nulla d'accordo.
Seguendo il tuo discorso potrei dirti provocatioriamente che per imparare a guidare davvero iniziare con una vecchia 500 degli anni sessanta senza cambio sincronizzato è d'obbligo.
Cosa vuol dire fare una bella foto? Vuol dire saper cogliere la giusta inquadratura e la giusta luce per far affirare ciò che si osserva, vuol dire riuscire a catturare il momento. Una volta era più complicato e macchinoso per via di limiti tecnologici imposti, oggi è più semplice grazie a nuove ed avanzate tecnologie. Ed anche i limiti sono stati spinti più avanti.
Alla fine, comunque vada, quello che conta davvero è il risultato. La foto che hai fatto.
Poi che tu abbia smanettato mezz'ora con regolazioni ed esposimetro o che tu abbia banalmente schiacciato un bottone eprchè il resto lo ha fatto tutto la macchina direi che poco conta.
Mi rendo conto che per chi ha iniziato quando ancora era "complicato" possa essere un po' frustrante ma comunque i fatti non cambiano.
L'abilità nel scegliere la giusta inquadratura ed il giusto momento restano comunque nelle mani e nella sensibilità del fotografo.

Quindi è anche giusto prendere atto del fatto che oggi, grazie alla tecnologia, anche un ragazzino con un cellulare, che non ha idea neanche di cosa sia una reflex meccanica a pellicola possa essere in grado di fare una bella foto.


bha non concordo...
saper usare una reflex manuale come un auto senza elettronica, significa comprendere e gestire tecnicamente il mezzo, ed avere una competenza migliore, se ti metto davanti un banco ottico sei in grado di usarlo??
Commento # 10 di: demon77 pubblicato il 02 Giugno 2018, 19:18
Originariamente inviato da: blobb
bha non concordo...
saper usare una reflex manuale come un auto senza elettronica, significa comprendere e gestire tecnicamente il mezzo, ed avere una competenza migliore, se ti metto davanti un banco ottico sei in grado di usarlo??


No. Non sono in grado.
E appunto quel che sto dicendo.
Vuol dire che tu fai foto migliori perché sai usare il banco ottico? Non mi pare sensato.
Potresti essere un mago con le vecchie macchine meccaniche ma fare belle foto vuol dire altro.
Un volta era obbligatorio e necessario. Se non sai usare la macchina non fai la foto.
Oggi nel bene o nel male la tecnologia aiuta tantissimo.

A me è capitato più di una volta di vedere foto davvero belle pur essendo fatte da dilettanti, anzi, da casual con un semplice telefonino o con una compatta in full auto.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor