Sony Venice: in arrivo Extension System e un nuovo firmware

Sony Venice: in arrivo Extension System e un nuovo firmware

di Mattia Speroni, pubblicata il

“La videocamera Sony Venice si rivolge a un pubblico professionale che si aspetta un supporto di alto livello. Per rispondere a questa richiesta, il produttore nipponico rilascerà un nuovo firmware e il supporto all'Extension System.”

Le videocamere Sony Venice si rivolgono a un pubblico decisamente professionale e videomaker che vogliono avere il meglio della tecnologia per le proprie riprese. Questo significa spendere molti soldi (il costo è di circa 40 mila dollari) ma anche avere un supporto da parte dell'azienda di prim'ordine.

Sony Venice

Proprio in questi giorni la società nipponica ha annunciato per le Sony Venice l'arrivo dell'Extension System (di nuova e vecchia generazione) e di un nuovo firmware che sarà rilasciato a inizio 2019 con un'altra versione che invece arriverà nel secondo trimestre del prossimo anno.

Prima di tutto parliamo dell'Extension System che prevede la possibilità di separare corpo della Sony Venice dalla parte dedicata al sensore senza degrado di qualità (tra i 2,7 metri e i 5,5 metri). Questa soluzione ha un peso relativamente contenuto arrivando a 1,9 kg con attacco PL e 1,4 kg con E-Mount così da evitare ulteriori aggravi per chi deve gestire le riprese.

Questa possibilità permette di configurare la parte dedicata al sensore dell'immagine per consentire rapidamente catturare immagini con una personalizzazione che può variare con scenari specifici. Il sistema consente di sfruttare le Sony Venice con gimbal, stabilizzatori manuali, alloggiamenti subacquei e da elicottero e rig 3D/VR.

Per far capire la qualità del progetto, nella realizzazione di queste soluzioni è stato coinvolto James Cameron (e lo studio Lightstorm Entertainment) così da poterle impiegare nel secondo capitolo di AVATAR.

Sony Venice Extention System

Con il Sony Venice Extention System CBK-3610XS per esempio, c'è una una cover dedicata al pannello anteriore, un'unità di blocco del sensore dell'immagine con un cavo di 2,7 m e una prolunga da 2,7 m (compatibilità dal firmware 3.0). Con questo modello si aggiunge un'uscita HD-SDI, un'uscita da 12 V o 24 V per alimentare accessori e ci sono anche fori multifilettati per viti su tutte le superfici. Il lancio sul mercato è previsto per Febbraio 2019.

Ma non è finita qui, perché la seconda Sony Venice riceverà il firmware 3.0 che aggiunge il profilo di registrazione all'interno dell'X-OCN (acronimo di eXtended tonal range Original Camera Negative). Il nuovo profilo, X-OCN XT, consente di salvare le immagini alla massima qualità con un registratore portatile AXS-R7. Questo permette anche di avere dimensioni dei file salvati paragonabili a quelle di F55RAW di Sony facilitandone la gestione.

Sony Venice Firmware 3.0

Con le Sony Venice aggiornate al firmware 3.0 ci saranno anche nuove modalità dell'imager come quelle a 6K a 2.39:1 e 5,7K a 16:9. Nuovi formati supportati (de-squeezed) per lenti anamorfiche x1.25, x1.3 e x1.5 e x1.8, registrazione per 30 secondi nella memoria AXS X-OCN 4K 17:9 o SxS HD MPEG 50, supporto al telecomando wireless CBK-WA02 per gestire le funzionalità più comuni e le impostazioni di menù.


Commenti

BenQ Monitor