Olympus PEN E-P7  la prima fotocamera dell'era OM Digital Solutions

Olympus PEN E-P7 la prima fotocamera dell'era OM Digital Solutions

di Mattia Speroni, pubblicata il

“OM Digital Solutions ha presentato la sua prima fotocamera dell'era JIP: si tratta della mirrorless compatta Olympus PEN E-P7. Una soluzione che punta sulla compattezza e sul design per risvegliare l'interesse verso le fotocamere PEN. ”

OM Digital Solutions, società nata dopo la cessione della divisione imaging di Olympus a JIP, ha presentato il suo primo prodotto della nuova gestione. Si tratta della Olympus PEN E-P7 che punta a far tornare in auge la serie di fotocamere compatte PEN che hanno avuto negli scorsi anni un buon successo.

Olympus PEN E-P7

Ancora una volta troviamo un sensore MQT (Micro Quattro Terzi) che consente di realizzare fotocamere compatte, economiche e che possono integrare tecnologie con la stabilizzazione ottica IBIS. Ecco quello che c'è da sapere sulle caratteristiche tecniche di questo modello.

Le caratteristiche tecniche di Olympus PEN E-P7

La nuova fotocamera mirrorless si presenta con un sensore Live MOS in formato MQT con risoluzione di 20 MPixel. Per gestire le immagini catturate c'è poi il processore TruePic VIII mentre è interessante la presenza di una stabilizzazione dell'immagine su 5 assi che permette di arrivare a compensare fino a 4,5 EV.

olympus

Non manca poi una messa a fuoco a contrasto con 121 punti e la possibilità di sfruttare il riconoscimento del volto o dell'occhio del soggetto (preso in prestito dai modelli di fascia più alta OM-D). Il tutto è integrato in un corpo macchina con un peso di 337 grammi mentre raggiunge i 430 grammi se abbinato a un'ottica come M.Zuiko Digital ED 14-42mm F3.5-5.6 EZ. Le dimensioni del corpo macchina sono 118,3 x 68,5 x 38,1 mm.

olympus

Nella zona anteriore troviamo un selettore dedicato ai profili colore, monocromatico o con effetto filtro. Ci sono poi il controllo della saturazione su 12 colori e 10 livelli, la regolazione delle luci e delle ombre e filtri per simulare la pellicola analogica. Tutto questo per permettere la personalizzazione ulteriore delle immagini.

olympus

Per la connettività, Olympus PEN E-P7 integra Wi-Fi e Bluetooth e c'è la compatibilità con l'app OI.Share (compatibile con iOS e Android). Nella zona posteriore troviamo invece lo schermo LCD ribaltabile mentre manca un mirino EVF. Le capacità video consentono di riprendere filmati fino a 4K/UHD con anche la stabilizzazione.

La nuova Olympus PEN E-P7 sarà disponibile a partire dalla metà di Giugno 2021 con colorazioni, bianca e argento o nera e argento. In vendita ci sarà la versione solo corpo (a 799 euro) o con kit che comprende l'ottica M.Zuiko Digital ED 14-42mm F3.5-5.6 EZ (899 euro).

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!

Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: GiovanniGTS pubblicato il 09 Giugno 2021, 16:35
Si vede che non hanno imparato nulla dall'esperienza (negativa) della precedente gestione...
Commento # 2 di: aled1974 pubblicato il 09 Giugno 2021, 22:15
concordo e lo dico da possessore di una fotocamera µ4/3 oly

però del resto era anche prevedibile come scenario: Jip è una società finanziaria di investimento

ovvero non ne capiscono nulla se non di soldi, che hanno voluto investire su un nome in giappo-asia moolto pregiato acquistandolo a un passo dalla bancarotta (vedi scandali ecc)

ma non capendone nulla oltre ai soldi investiti: acquisto + investimento industriale (di cui la seconda parte ipotetica), non hanno potuto fare altro che proseguire con i progettisti e i progetti sinora in essere

non che sia disprezzabile proseguire nel solco, quello che forse non hanno analizzato bene (però strano, lo fanno di mestiere quindi sbaglierò io) è che prodotti da 900 sacchi corpo e 1000 sacchi lente su sensori µ4/3 oggi chi te li compra quando a costi poco distanti puoi farti un sistema aps-c / full-frame?


vediamo se andrà tutto a catafascio come con i notebook vaio acquistati, sempre da Jic, qualche anno fa o se la nuova olympus riuscirà a galleggiare per un po'

ciao ciao
Commento # 3 di: Cybermanu pubblicato il 11 Giugno 2021, 22:49
Certo che riporre le speranze della rinascita finanziaria di un brand con fotocamere che si chiamano "PENE"... Devo ammettere che i ragazzi di Olympus hanno le palle.
Scherzi a parte, ha avuto in passato una OMD EM-10 e devo dire che, pur trovandola una buona macchina, il gap nel look delle immagini con sensori aps-c e full frame è davvero marcato. Non riesco a trovare un punto di forza del sistema m4/3.