Lenti concentriche per obiettivi sottilissimi

Lenti concentriche per obiettivi sottilissimi

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Un prototipo di lenti concentriche a riflessione interna promette obiettivi ad ampia focale nello spazio di pochi millimetri. Origami Optics o Folded Optics è il nome della nuova tecnologia”


Commenti (55)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: ilterzo pubblicato il 05 Settembre 2008, 17:02
io so solo questo, o per le seghe o per il pc, a 30 anni non ci vedo già più un cazzo!!
Commento # 12 di: lucusta pubblicato il 05 Settembre 2008, 17:06
una lente del genere e' comunque a focale fissa, ed il fatto che usi specchi per rifrangere la luce, se questi non sono di ottima finitura, e sicuramente sara' difficile produrli su una superfice concava come mostrato nel disegno, si avranno abberrazioni e logicamente una minore luminosita' dovuta proprio agli specchi contro l'uso di lenti (d'altronde puo' essere anche di 10cm di diametro, ma alla fine vale esclusivamente la superfice della lente anulare).

ottimale e' poi aggiungere un'altra doppietta (interna, davanti al sensore) per uno zoom ottico di piccole dimensioni, per compatte o cellulari, certo non e' tecnologia da adottare per una macchina seria.

Commento # 13 di: Jo3 pubblicato il 05 Settembre 2008, 18:01
una buona notizia da parte dei produttori di lenti, finalmente.
Commento # 14 di: CiiiP pubblicato il 05 Settembre 2008, 18:19
Questa lente sarà utilizzata solo nei prodotti di fascia bassissima, come cellulari entry level, già su un N95 sarebbe ridicola, e ora vi spiego il perchè:

Vi ricordate le grandiosi lenti Catadiottriche?

Link ad immagine (click per visualizzarla)

Erano lenti con una estensione focale tripla rispetto agli obiettivi convenzionali, ma avevano un unico enorme difetto, facevano uno sfocato che definirei "comico"

Link ad immagine (click per visualizzarla)

Link ad immagine (click per visualizzarla)

Ovvero tutto ad anellini...

Il funzionamento tutto sommato è lo stesso, la luce entra sempre da un'area elicoidale esterna e quindi si avrà sempre questo curioso effetto.

Cosa ne dite?
Commento # 15 di: nextmeta pubblicato il 05 Settembre 2008, 18:29
...catadiottrici.

Novità? leggendo l'articolo la memoria è corsa a quegli obbiettivi a specchio, tecnologia usata da anni sia nei telescopi che in alcuni obbiettivi per macchine reflex a pellicola, leggeri e piccoli per la focali ottenibili e ..., quoto "CiiiP".
Cordialità
Commento # 16 di: morph_it pubblicato il 05 Settembre 2008, 18:46
il problema dei catadiottrici non era certo lo sfuocato visto che gli anellini li fanno tutte le lenti compresi serie L canon o i migliori nikon. L'unica lente al mondo che ne è esente è il minolta 135 stf grazie al suo schema unico.

Un cinquantino qualunque ne soffre, noon dico allo stesso modo, ma comunque in maniera evidente, poi ti farei vedere un cata decente che non ha certo la resa delle immagini postate.
qui un 500/8 minolta (solo perchè ce l'ho alla mano, i concorrenti sono anche migliori)
Link ad immagine (click per visualizzarla)
qui per esempio il 50/1.7 sempre minolta (anche in questo caso le altre aziende nonè che facciano meglio o peggio)
Link ad immagine (click per visualizzarla)
La differenza stà che nel cata, sono accentuati perchè si ricrea anche il buco centrale, ma ci può passare sopra vista la distanza ed il prezzo a cui si trovano.
Commento # 17 di: ^TiGeRShArK^ pubblicato il 05 Settembre 2008, 18:57

il mio LX250 è un 12" Schmidt-Cassegrain e non ha mai presentato un'aberrazione simile.
Vabbè che costa(va) un fottio, ma nelle foto postate il problema è sicuramente la scarsa qualità dell'obiettivo, non certo il fatto che sia catadriottico.
Anche perchè credo che i telescopi ad oggi + venduti siano proprio i catadriottici per le loro eccellenti doti di trasportabilità (Schmidt-Cassegrain, Ritchey-Chretièn, ecc...)
Commento # 18 di: TheEdge87 pubblicato il 05 Settembre 2008, 19:04
Originariamente inviato da: Rubberick
ci volevano le reflex vendute di massa x far muovere un pò il mercato delle lenti

come gli ssd per mettere un po' il pepe al culo agli hd


Per favore non toccatemi le Reflex, le uniche vere macchine fotografiche in grado di diventare un tutt'uno con l'occhio del fotografo.
Commento # 19 di: MrModd pubblicato il 05 Settembre 2008, 19:40
Ma le foto non vengono a botte con questo tipo di lenti?
Commento # 20 di: +Benito+ pubblicato il 05 Settembre 2008, 19:43
ma scusate un normalissimo riflettore newtoniano non usa esattamente questo principio? Intendo proprio ESATTAMENTE, solo che qui hanno avvicinato gli specchi fino a costruirli sullo stesso pezzo...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor