Filtri Irix per ridurre l'inquinamento luminoso in foto

Filtri Irix per ridurre l'inquinamento luminoso in foto

di Mattia Speroni, pubblicata il

“I nuovi filtri Irix per ridurre l'inquinamento luminoso in fotografia promettono miracoli negli scenari in cui vengono impiegate lampade al sodio. Ecco quali dovrebbero essere i miglioramenti e quali sono i prezzi di questi accessori.”

I filtri Irix comprendono una varietà di possibilità dai più classici (ND, UV, etc.) sia circolari che quadrati. Ora arriva una nuova soluzione che potrebbe interessare ai fotografi di paesaggi e i cui risultati sembrano interessanti.

Si tratta dei filtri Irix che permettono di ridurre l'inquinamento luminoso in foto. Secondo quanto riportato dal produttore, questa nuova soluzione permette di ottenere contrasto migliore, migliore nitidezza, colori più precisi e in generale fotografie migliori.

I filtri Irix per ridurre l'inquinamento luminoso funzionano al meglio quando nella scena appaiono molte lampade al sodio con il classico colore giallo/arancione. Ed è proprio su quella lunghezza d'onda (circa 583 nm) che va ad agire il filtro permettendo di ridurre la "foschia" e aumentando la nitidezza della scena.

filtri irix per fotografia

Questi filtri che permettono di ridurre l'inquinamento luminoso sono inseriti nella linea SE (Super Endurance) con un rivestimento specifico e trattamenti termici per aumentarne la durata, utile considerando che verranno utilizzati all'aperto.

I nuovi filtri Irix Edge Light Pollution sono disponibili nelle misure pari a 67 mm per 95 euro, 72 mm 107 euro, 77 mm per 125 euro, 82 mm per 135 euro e 95 mm per 149 euro. Anche in Italia sono in vendita e l'elenco dei negozi è presente sul sito del produttore.


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosė da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non č detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Notturnia pubblicato il 05 Febbraio 2019, 15:57
.. sarei curioso di fare una prova GRATUITA di questi filtri.. sembra che facciano i miracoli.. ma dubito che quelle due foto siano fatte nella stessa situazione.. parlano di filtrare la luce al sodio.. che ormai sta sparendo e che è sparita in molte città .. per cui. inoltre quello della foto a destra non sembra inquinamento luminoso ma proprio smog o pioggia in lontananza..
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 05 Febbraio 2019, 16:19
La foto esemplificativa è più truccata di una passeggiatrice rumena in tangenziale.
Commento # 3 di: Slumber86 pubblicato il 05 Febbraio 2019, 17:08
100 euro per il 72mm? Si capisce quale sia il target di questi filtri: gli schiavi del marketing

Comunque hoya ha filtri simili in catalogo da una vita: https://hoyafilterusa.com/product/hoya-intensifier/
Commento # 4 di: Opteranium pubblicato il 05 Febbraio 2019, 17:48
non solo ma se sei brutto ti fanno pure diventare attraente
Ne ordino una decina, credici
Commento # 5 di: Mars4ever pubblicato il 05 Febbraio 2019, 17:52
Sono astrofilo da vent'anni e l'unico modo per ridurre l'inquinamento luminoso è andare in alta montagna o nel deserto, qualunque palliativo è solo fuffa per pantofolai pigri che non hanno mai visto la via lattea e pensano di fotografare le stelle dal balcone di casa e poi si domandano come mai non vengono fuori.

Comunque l'IL è un problema che affligge appunto le stelle quindi le foto di un cielo nuvoloso al tramonto che cavolo c'entrano? Putta e anche nata da tutti i punti di vista!
Commento # 6 di: Notturnia pubblicato il 06 Febbraio 2019, 10:11
quindi se lo compro per fotografare le donne vengono tutte alte, bionde e .... ? spariscono anche gli "artefatti" sgradevoli ?..

ooooohhhhh.. adesso ho capito.. sono lenti a raggi-x per vedere sotto i vestiti :-D

allora le usano molto male.. chi se ne frega di fotografare il cielo.. devo averne ancora un paio vendute con "il giornalino" di 40 anni fa..