DxO si riappropria della suite Nik Software: tornerà disponibile, ma a pagamento

DxO si riappropria della suite Nik Software: tornerà disponibile, ma a pagamento

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Chi era ed è affezionato alla suite di post produzione immagini Nik Collection, disponibile come plugin per prodotti Adobe, sarà lieto di sapere che tornerà presto disponibile. Il contro, visto che nelle ultime versioni non si pagava, è che tornerà a pagamento”

Nik Collection torna sulla scena, dopo un periodo in cui molti appassionati ci avevano messo una pietra sopra. Ricordiamo brevemente che questa apprezzata suite per la post produzione nasce inizialmente per mano della francese DxO, che iniziò a commercializzarla al prezzo non certo popolare di 500 Dollari USA. L'apprezzamento del pubblico attirò le attenzioni di Google, che ne acquisì i diritti nel 2012 a cui conseguì anche un abbassamento di prezzo a 150 Dollari.

La grande popolarità però arrivò nel 2016, quando con una mossa a sorpresa Google decise di metterla a disposizione gratuitamente. L'ennesimo colpo di scena si è osservato nel corso dell'anno passato, quando per motivi ignoti Google decise di interromperne sia il supporto sia la distribuzione.

In questi giorni cambia ancora tutto, con un ritorno alle orogini: DxO si è riappropriata dei diritti acquistandoli da Google, annunciando una versione aggiornata per la fine di questo mese. Non sarà però gratuita: costerà inizialmente 49,99 Dollari, per poi assestarsi dopo il periodo di lancio a 69 Dollari. Una buona notizia e una un po' meno, insomma. Nik Collection torna, ma non in forma gratuita.

Siamo comunque certi che saranno in molti ad acquistarla poiché si tratta di strumenti potenti e semplici da usare, che mettono nelle condizioni tutti, professionisti compresi, di risparmiare un bel po' di tempo in fase di post produzione.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Rubberick pubblicato il 12 Giugno 2018, 10:58
Beh se non è cambiato nulla rispetto a quella che distribuì google ce la teniamo stretta
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 12 Giugno 2018, 11:14
io me la sono acchiappata subito quando è stata rilasciata gratuitamente.
Ben liteto di tenermi quella.

In questi anni mi è capitato di farne uso, è bellina ma non è vitale.
Commento # 3 di: Rubberick pubblicato il 12 Giugno 2018, 11:47
No oggettivamente no, trovo ancora comodissimo Lightroom come programma sperando che l'adobe in preda alle sue manie di fare tutto cloud non lo rovini ulteriormente..
Commento # 4 di: songohan pubblicato il 12 Giugno 2018, 13:10
Cosa permette di fare, questa suite, che altre suite non fanno?
Commento # 5 di: demon77 pubblicato il 12 Giugno 2018, 13:56
Originariamente inviato da: songohan
Cosa permette di fare, questa suite, che altre suite non fanno?


E' in sostanza un kit per la regolazione di livelli molto accurata con una miriade di filtri preimpostati che puoi usare e anche ovviamente rifinire a mano.
Lo puoi usare direttamente da dentro PS come plugin.

A dirla in modo cattivo e riduttivo: in instagram professionale da usare su pc.

Quindi, in risposta alla tua domanda: nulla che di fatto non potresti fare già con PS senza bisogno d'altro.
Chiaro che se è aggratis me la piglio con piacere.. ma se devo pagarla.. mah!
BenQ Monitor