Droni: gli utenti ubriachi alla guida saranno puniti come se fossero alla guida di un auto

Droni: gli utenti ubriachi alla guida saranno puniti come se fossero alla guida di un auto

di Bruno Mucciarelli, pubblicata il

“Nel New Jersey gli utenti alla guida dei droni dovranno stare attenti al loro livello di alcool presente in corpo se non vorranno incorrere in una multa proprio come avviene con le auto. Ecco la novità. ”

Stretta sulla guida dei droni negli Stati Uniti d'America e più precisamente nel New Jersey. In questo caso, come riferito dalla Reuters, nello stato americano si sta valutando un disegno di legge per vietare l'uso dei droni agli utenti in stato di ebrezza. Proprio come avviene per la guida delle auto, anche per i droni, il Senato vuole punire tutti coloro che verranno trovati con un tasso alcolemico superiore ai limiti alla guida di un drone.

In effetti questi nuovi ritrovati tecnologici risultano sempre più sofisticati e soprattutto si richiede una conoscenza delle macchine che dovranno essere condotte in condizioni psicofisiche ottimali per non incorrere in incidenti capaci di mettere in pericolo altre persone. In questo caso la nuova legge sembra essere stata pensata dopo l'avvenuto incidente del 2015 che aveva visto un dipendente dell'Agenzia National Geospatial Intelligence aver fatto sorvolare un drone al di sopra della Casa Bianca sotto l'effetto di un tasso alcolemico decisamente superiore ai limiti consentiti.

L'aumento nell'uso di questi nuovi dispositivi tecnologici sempre più potenti ha di certo creato qualche dissapore anche in america che dunque sembra voglia prevenire i possibili incidenti in volo restringendone magari le zone di volo o, come in questo caso, gli utenti che li guideranno. Non solo perché anche i produttori di droni sembrano intenzionati a rendere sempre più sicuri i voli per le persone a terra. In tal senso, ad esempio, DJI sta implementando funzioni automatiche di "geofencing" tali per cui i propri droni eviteranno di volare in zone denominate "no-fly" come aeroporti o altro.

Le statistiche parlano addirittura di una crescita del 28% a partire dal 2016 con un numero complessivo per gli USA di oltre 3.1 milioni di droni venduti e dunque in "libera" circolazione. Proprio per questo che addirittura 38 stati americano stanno prendendo sul serio la questione delle restrizioni sui quadricotteri con la volontà di permettere "a chi utilizza i droni di utilizzarli al meglio soprattutto per la comunità".


Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Notturnia pubblicato il 22 Gennaio 2018, 15:55
giusto
BenQ Monitor