Dogfish SuperEIGHT: la birra per sviluppo delle pellicole fotografiche

Dogfish SuperEIGHT: la birra per sviluppo delle pellicole fotografiche

di Mattia Speroni, pubblicata il

“Dogfish SuperEIGHT non č una birra qualsiasi! Si tratta infatti di una birra artigianale creata da un birrificio statunitense che č in grado di sviluppare pellicole fotografiche grazie al giusto mix di ingredienti. Parola di Kodak.”

Unire la passione per il mondo della fotografia e quello per le birre artigianali non è mai stato così facile! Il merito è della birra Dogfish SuperEIGHT, il cui nome non è un caso richiamando il formato Super8, ma non si tratta di una "semplice bevanda".

Dogfish SuperEIGHT

Infatti il birrificio statunitense ha realizzato la Dogfish SuperEIGHT con il duplice scopo di essere bevibile dalle persone ma anche di poter sviluppare pellicole fotografiche. Ovviamente non poteva essere scelto uno stile a caso per realizzare questo prodotto ma grazie alla collaborazione con Kodak si è giunti alla giusta ricetta.

birra artigianale

La scommessa è nata quando Calagione (fondatore del birrificio) stava prendendo parte a un episodio della serie The Kodakery, podcast realizzato da Kodak. Durante la registrazione Calagione ha scoperto che per sviluppare una pellicola fotografica servivano livelli di acidità e presenza di vitamina C che erano si allineavano quasi perfettamente a una Super-Fruit Gose (stile birrario) molto vicino a una birra artigianale che stava realizzando. E così è nata la Dogfish SuperEIGHT.

Il risultato? Una birra artigianale in grado di sviluppare una pellicola con un risultato discreto, considerando che non si tratta di una soluzione appositamente realizzata. E soprattutto che è comunque commestibile.

La ricetta non è stata mantenuta segreta ma è riutilizzabile da chiunque si voglia cimentare nell'impresa. Ovviamente questa trovata della Dogfish SuperEIGHT è anche al "gusto" di marketing e pubblicità, ma si tratta anche di una curiosità sia per il mondo brassicolo che per quello fotografico.

Dal punto di vista del contenuto della Dogfish SuperEIGHT, troviamo diversa frutta come fico d'India, mango, boysenberry (frutto di bosco), mora, lampone, kiwi ma anche sambuco, quinoa tostata e sale marino hawaiano rosso. La gradazione alcolica è pari a 5,3° e la birra sarà disponibile da Aprile a Dicembre in lattina (solo negli USA). Secondo il produttore le note dovrebbero essere di frutti di bosco e anguria ma anche di crostata.


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosė da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non č detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Jack.Mauro pubblicato il 23 Marzo 2019, 10:47
Un'invenzione davvero utile, siamo nel 1970 e la fotografia su pellicola sta per avere un boom inimmaginabile, chissà quanti proveranno a sviluppare in casa le proprie foto usando la birra!!!

ah no... è il 2019....
Commento # 2 di: Obelix-it pubblicato il 23 Marzo 2019, 10:54
Originariamente inviato da: Jack.Mauro
Un'invenzione davvero utile, siamo nel 1970 e la fotografia su pellicola sta per avere un boom inimmaginabile, chissà quanti proveranno a sviluppare in casa le proprie foto usando la birra!!!

ah no... è il 2019....


Se non hai niente di meglio da dire, puoi anche stare zitto, eh, non e' obbligatorio commentare a capocchia...

Perche' seocndo te se anche fossimo nel 1970, la gente userebe la birra per sviluppare le pellicole??
Commento # 3 di: Jack.Mauro pubblicato il 23 Marzo 2019, 14:59
Originariamente inviato da: Obelix-it
Se non hai niente di meglio da dire, puoi anche stare zitto, eh, non e' obbligatorio commentare a capocchia...


https://it.wikipedia.org/wiki/Ironia
Commento # 4 di: minatoreweb pubblicato il 23 Marzo 2019, 20:44
beh io conosco un dottore che sviluppa pellicole con il caffè e limone con ottimissimi risultati. Io ho provato per prova non è difficile ma più comodo usare i chimici comprati e studiati appositamente. Alcuni chimici per sbianche ecc... posson venire estratti non sto a spiegare come perchè potrebbero esser usati anzichè in fotografia come veleni.

Diciamo che questa cosa può essere utile al bar come effetto scenico... o alle feste della birra... ;-)
Commento # 5 di: sintopatataelettronica pubblicato il 24 Marzo 2019, 04:51
Originariamente inviato da: Obelix-it
Perche' seocndo te se anche fossimo nel 1970, la gente userebe la birra per sviluppare le pellicole??


Con la macchina fotografica al collo : " Scusate, direttore del N.Y. Times, vado un attimo al pub che c'ho ancora due rullini da sviluppare... "

Commento # 6 di: ronthalas pubblicato il 25 Marzo 2019, 11:22
quindi prossimamente avremo rullini a doppio malto, trappisti... pale-ale ecc?
Commento # 7 di: NighTGhosT pubblicato il 25 Marzo 2019, 11:45
Originariamente inviato da: ronthalas
quindi prossimamente avremo rullini a doppio malto, trappisti... pale-ale ecc?


Questo non lo so....ma sicuramente, i fotografi ubriachi...quello sì....