DJI chiede la rimozione del video 'Drone contro aereo'

DJI chiede la rimozione del video 'Drone contro aereo'

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Una critica ufficiale Ŕ arrivata anche da DJI, protagonista, suo malgrado, del video. Per la simulazione i ricercatori hanno, infatti, utilizzato il drone pi¨ diffuso sul mercato, un DJI Phantom. In una lettera aperta Brendan M. Schulman, DJI VP of Policy & Legal Affairs, chiede la rimozione del video, in quanto 'fuorviante'”


Commenti (18)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosý da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non Ŕ detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: schwalbe pubblicato il 30 Ottobre 2018, 16:43
Originariamente inviato da: ziozetti
Perché i droni non dovrebbero stare dove ci sono aerei.

Non dovrebbero... ma ci stanno. Condividono l'aria anche loro!
Pedoni che ne fanno di tutti colori! Ciclisti idem! Autisti idem! ... Perché mi devo fidare che i piloti di droni rispettino le regole?
È notizia d'incontri ravvicinati anche fra elisoccorso e droni. In città, ma anche in montagna.
E se c'è l'elisoccorso, perché far volare un drone?
Converrai che certa gente dovrebbe esser rinchiusa in galera, però intanto sarebbe meglio togliere un potenziale pericolo dalle loro mani!
Commento # 12 di: Darkbane pubblicato il 30 Ottobre 2018, 17:02
Ripeto, i DJI hanno le no-fly-zone vicino a tutti gli aereoporti, basi militari, campi volo etc etc etc.
Fuori da quelle aree, gli aerei sono MOLTO al di sopra della quota massima raggiungibile da un drone.
Se parli di elicotteri, non vanno neanche lontanamente alla velocità a cui è stato simulato l'impatto.
E comunque, a prescindere da tutto questo, ci sono MILIARDI di volatili, contro poche decine di migliaia di droni. Ma di che stiamo parlando?
Commento # 13 di: glavelli pubblicato il 30 Ottobre 2018, 18:30
Originariamente inviato da: schwalbe
Non dovrebbero... ma ci stanno. Condividono l'aria anche loro!
Pedoni che ne fanno di tutti colori! Ciclisti idem! Autisti idem! ... Perché mi devo fidare che i piloti di droni rispettino le regole?
È notizia d'incontri ravvicinati anche fra elisoccorso e droni. In città, ma anche in montagna.
E se c'è l'elisoccorso, perché far volare un drone?
Converrai che certa gente dovrebbe esser rinchiusa in galera, però intanto sarebbe meglio togliere un potenziale pericolo dalle loro mani!


Gli incontri ravvicinati di cui parli, sono sempre dovuti all'imperizia di chi pilota il drone e lo fa volare ad oltre 70mt di altezza, che è poi quello che hai letto in quella notizia.
Se rispetti le regole: no oltre i 70mt, no oltre i 200mt in linea d'aria, no sopra centri abitati e persone e no in zona aeroporto, nessuno può dirti nulla.
Contro i volatili puoi fare poco o nulla e comunque non dipende da te. Contro i droni puoi giusto prendertela con chi li fa alzare in volo in barba alle poche e semplici regole vigenti.

Condividono l'aria anche loro!


No, condividono una spazio ben delimitato e regolamentato da ENAC.
Commento # 14 di: jepessen pubblicato il 31 Ottobre 2018, 09:33
Originariamente inviato da: schwalbe
Non dovrebbero... ma ci stanno. Condividono l'aria anche loro!
Pedoni che ne fanno di tutti colori! Ciclisti idem! Autisti idem! ... Perché mi devo fidare che i piloti di droni rispettino le regole?
È notizia d'incontri ravvicinati anche fra elisoccorso e droni. In città, ma anche in montagna.
E se c'è l'elisoccorso, perché far volare un drone?
Converrai che certa gente dovrebbe esser rinchiusa in galera, però intanto sarebbe meglio togliere un potenziale pericolo dalle loro mani!


Ma manco per niente devono condividere l'ariaů Gli aerei non e' che vanno at random in giro per l'aria.. devono seguire determinati percorsi, avere determinate velocita', rispettare determinate quote.. Hanno anche loro delle no-fly zone e se sgarrano son problemi (ricordo il boom sonico che ho sentito qualche tempo fa quando due caccia sono andati di corsa verso la Francia perche' un aereo di linea era andato un po' fuori rotta e non lo aveva comunicato).

Fuori gli aeroporti non c'e' praticamente rischio di collisione perche' droni e aerei viaggiano su quote differenti, altrimenti ci sarebbero limiti anche li'.

Anche in strada, quando e' possibile, le zone sono separate. Ci sono le piste ciclabili, le zone pedonali, le autostrade dove questi non possono andare etc...

Ci sono specifiche regole da rispettare, proprio per evitare il rischio di collisioni ed incidenti. Magari non sono dappertutto (penso alle strade), ma dovrebbero essere quante piu' possibil ed i limiti vanno rispettati.
Commento # 15 di: glavelli pubblicato il 31 Ottobre 2018, 09:55
Secondo me quello che davvero manca a molte persone che usano i droni, è il buon senso.
Anche quello che è finito contro l'elisoccorso tempo fa, pilotava il drone, ma a KM di distanza. Assurdo! Oggi questi apparecchietti sono così avanzati, che nulla può impedirti di farti un giretto sopra un lago, mentre tu te ne stai comodo sulla terrazza del tuo albergo ad un paio di KM volando solo con quello che vedi a monitor.
Ma il buon senso mi dice che un pilota che fisicamente sta sopra un elicottero, ha comunque sempre la precedenza anche se non c'è scritto da nessuna parte. Non fosse altro perché fa più fatica, rispetto a te che guidi il drone, a vedere un affarino minuscolo che potrebbe confondersi con la vegetazione.
Giusto per fare un esempio, la settimana scorsa stavo facendo un video in montagna sopra una cima a circa 1200mt di altitudine e ad un certo punto mi sono visto arrivare un aliante che "manovrava" proprio nella stessa zona.
Io volavo a circa 50mt in altezza e 150 in linea d'aria rispetto al punto in cui mi trovavo, quindi rispettavo perfettamente il regolamento, ma nonostante tutto, Senza perdere tempo, ho abbassato velocemente lo stick e sono sceso ancora più di quota per evitare qualsiasi tipo di problema a me, e a chi guidava l'aliante.
E' sufficiente buonsenso, semplice buonsenso in ciò che fai.
Commento # 16 di: jepessen pubblicato il 31 Ottobre 2018, 10:06
Originariamente inviato da: glavelli
Giusto per fare un esempio, la settimana scorsa stavo facendo un video in montagna sopra una cima a circa 1200mt di altitudine e ad un certo punto mi sono visto arrivare un aliante che "manovrava" proprio nella stessa zona.
Io volavo a circa 50mt in altezza e 150 in linea d'aria rispetto al punto in cui mi trovavo, quindi rispettavo perfettamente il regolamento, ma nonostante tutto, Senza perdere tempo, ho abbassato velocemente lo stick e sono sceso ancora più di quota per evitare qualsiasi tipo di problema a me, e a chi guidava l'aliante.
E' sufficiente buonsenso, semplice buonsenso in ciò che fai.


Non e' sufficiente il buonsenso, sono necessarie delle regole che devono essere rispettate. Che succedeva se l'aliante veniva da dietro il drone e non lo vedevi arrivate? Puoi avere tutto il buonsenso che vuoi ma non basta, e' per questo che esistono le regole in determinati ambiti.

Anche chi pilota un aliante o un elicottero, credi che riescano a vedere una roba piccola come un drone arrivargli addosso ed avere il tempo necessario per manovrare per evitarli? Non basta, perche' li vedi solo quando sei troppo vicino.

Ed ammesso che tu riesca a vederli, magari tutte e due fate manovra per evitarvi, ma se lui vira e sinistra e tu a destra, andate nella stessa direzione e quindi vi scontrate lo stesso. E' per questo che esistono su aerei ed elicotteri robe come il TCAS, che serve apposta a manovrare correttamente il velivolo in caso di pericolo di collisione, cosa che il drone non ha, e sono manovre che senza uno studio delle regolamentazioni neanche il pilota di drone ha...

Il fatto e' che dato che ormai un buon drone costa relativamente poco e se lo possono permettere quasi tutti, viene relegato a mo' di giocattolo e non viene presa in seria considerazione il suo impatto in queste cose, tipica roba di chi pensa "ma tanto che puo' accadere?"
Commento # 17 di: ziozetti pubblicato il 31 Ottobre 2018, 12:32
Originariamente inviato da: jepessen
...
E' per questo che esistono su aerei ed elicotteri robe come il TCAS, che serve apposta a manovrare correttamente il velivolo in caso di pericolo di collisione, cosa che il drone non ha, e sono manovre che senza uno studio delle regolamentazioni neanche il pilota di drone ha...
...

Esistono transponder piccoli ed "economici", peccato che costino ben più del drone stesso: https://uavionix.com/product/ping200s/
Commento # 18 di: Apozeme pubblicato il 31 Ottobre 2018, 16:35
Ho idea che presto a qualcuno verrà in mente l'idea di attaccare con i droni un jet in fase di decollo, e le conseguenze saranno serie.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »