PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop

PaintShop Pro 2018, Corel aggiorna la sua alternativa a Photoshop

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Interfaccia semplificata, maggiore velocità e più strumenti per PaintShop Pro, l'anti-Photoshop di Corel. Che punta tutto su prezzo concorrenziale e licenza perpetua. ”

Interfaccia (Area di lavoro)

L'area di lavoro ha un aspetto classico, comune alla maggioranza dei pacchetti di fotoritocco. A sinistra, in verticale, si trova la barra degli strumenti (Mano, Puntatore, Selezione, Contagocce, Ritaglio…). Selezionando uno strumento, nell'area orizzontale posta immediatamente sopra l'immagine compariranno le opzioni relative allo strumento selezionato; ad esempio, selezionando Pennello compariranno le forme di pennello disponibili e le impostazioni per dimensione, densità, durezza ecc. Entrambe queste aree possono essere fluttuanti o ancorate in posizione diversa (destra/sinistra, sopra/sotto).


L'interfaccia della modalità Completa – ampie le possibilità di personalizzazione, anche degli strumenti.

Una delle novità della versione 2018 è la possibilità di personalizzare con estremo dettaglio, ma anche in modo molto semplice, la barra strumenti: basta cliccare sul simbolo "+", nella parte inferiore, per scegliere da un menu a tendina quali elementi visualizzare. Per inciso, la differenza principale tra modalità Essenziale e Completa è proprio la quantità di strumenti immediatamente disponibili. 


L'interfaccia della modalità Essenziale, che stranamente non prevede il modulo di gestione dei file. Per impostazione predefinita, non compare neppure la colonna Esercitazioni in linea, ovviamente preziosa soprattutto per i principianti.

Nella parte inferiore può essere visibile la Raccolta di immagini (Shift+F9 per attivare/disattivare), mentre a destra si trovano la Tavolozza materiali e la finestra di gestione dei livelli. Ancora più a destra, si trova poi un'ulteriore colonna deputata a contenere aiuti e guide (Esercitazioni in linea), ed è proprio questa colonna a caratterizzare fortemente il prodotto, rendendolo facilmente accessibile anche ai meno esperti. A volte si tratta di semplici note di testo (in ogni caso ben fatte), che rimandano a strumenti standard; altre volte si tratta di strumenti dedicati. Otto categorie (acquisizione, regolazione rapida, ritocco, livelli, testo, effetti, regolazioni avanzate e stampa) accompagnano l'utente verso il risultato desiderato, rivelandosi tra l'altro ottimi strumenti didattici.

Infine, tra gli strumenti generici posti sotto l'area dei menu, doveroso segnalare il comando "Nuovo file da modello", che dovrebbe aiutare molti semplici appassionati a ottenere risultati eccellenti prendendo spunto da creazioni studiate ad-hoc da grafici professionisti. Purtroppo, anche in questo caso, i modelli sono a pagamento, e si ricade nel fastidioso circolo degli acquisti in-app. 

BenQ Monitor