Videomaker monta una videocamera RED Cinema su un drone

Videomaker monta una videocamera RED Cinema su un drone

di Mattia Speroni, pubblicata il

“Un drone da 10 mila dollari unito a una videocamera RED Cinema Dragon 6K da oltre 10 mila dollari. Ecco la configurazione scelta da un videomaker e da un pilota di droni per provare riprese estreme a 160 Km/h.”

Anche se i droni stanno diventando sempre più comuni e sempre di maggiore qualità in termini di video e immagini, c'è chi vuole andare oltre! Ci hanno pensato il videomaker Gene Nagata (Potato Jet) e il pilota professionista Paul Nurkkala (Nurk FPV) montando una videocamera RED Cinema su un drone. Il tutto più per gioco/sfida che per reale utilità, ma merita una visione.

drone red cinema camera

Un drone con una videocamera da 10 mila dollari

La particolarità dell'operazione (molto scenica) è che una videocamera RED Cinema Dragon, dal costo di oltre 10 mila dollari, è stata attaccata a un drone per poterlo utilizzare come una soluzione FPV ossia First Person View. Il tutto permettendo una registrazione di filmati fino a 6K.

Come specificato da Nagata, non è la prima volta che una videocamera RED Cinema viene agganciata a un drone, ma dovrebbe essere il primo esperimento con la modalità FPV. Chiaramente più una prova sperimentale piuttosto che qualcosa di realmente utile o utilizzabile.

Per riuscire a gestire il peso della videocamera troviamo otto motori collegati a pale dal diametro di 33 cm. Le prestazioni? Si parla di una velocità massima di 160 km/h circa consentendo di inseguire soggetti veloci. Anche la manovrabilità, in mani esperte, sembra buona stando alle riprese effettuate (le prove iniziano dopo il minuto 8).

Il drone utilizzato è il modello Money Shot X8 (che costa 10 mila dollari senza la videocamera). Grazie agli otto motori riesce a sollevare fino a oltre 4,5 kg per un tempo di volo pari a 5 minuti grazie alle batterie da 10200 mah.

Nurkkala del resto è il campione del Mondo 2018 di Drone Racing ma i droni da competizione sono molto diversi da quello della prova. Più compatti, ancora più veloci e ancora più facili da manovrare. Da notare poi che il pilota è già abituato a utilizzare combinazioni estreme di droni/videocamere per girare video commerciali e spot pubblicitari.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: frankie pubblicato il 13 Ottobre 2020, 21:27
e un Canon EFS 17-55 f2.8
Commento # 2 di: the_joe pubblicato il 13 Ottobre 2020, 22:11
Ma questo sottolineare il costo delle attrezzature cosa dovrebbe significare???
C'è gente che non li guadagna in un anno così come c'è chi ci compra una bottiglia di vino quindi?
Commento # 3 di: MrDoti pubblicato il 14 Ottobre 2020, 00:00
Con una Z cam e2 e un'ottica fissa avrebbero avuto più qualità e un peso più che dimezzato.
"hanno usato una red..."