Polaroid torna a stampare istantanee come ai vecchi tempi: ecco il modello Z340

Polaroid torna a stampare istantanee come ai vecchi tempi: ecco il modello Z340

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Nuova fotocamera per istantanee da Polaroid, che ricalca il concetto dei famosi modelli anni '80 presentando Z340, rivisitazione in chiave moderna di modelli entrati nella storia”


Commenti (30)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosė da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non č detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 21 di: icedzed pubblicato il 12 Novembre 2011, 14:01
--
Commento # 22 di: kobane pubblicato il 13 Novembre 2011, 22:49
in realtà la vecchia non si doveva sbattere per vedere uscire l'immagine...
Commento # 23 di: Bhibu pubblicato il 14 Novembre 2011, 01:33
Che oggetto stupido, tutti gli svantaggi della pellicola e gli svantaggi del digitale messi in un unico prodotto!

Se polaroid volesse tornare a vendere realmente molte macchine e carta/pellicola dovrebbe semplicemente rifare la SX70 ossia una reflex 3x4" istantanea con fuoco manuale per accontentare i più esigenti e rifare anche una polaroid automatica per gli altri utenti ma farla folding come la sx70. Entrambe dovrebbero usare batterie ricaricabili al litio (e non più usa e getta integrate nel contenitore della pellicola perchè era un costo mostruoso e uno spreco anti-ecologico assurdo) e fare nuove pellicole con le care vecchie emulsioni di una volta in caricatori da 20 foto e venderli a 9,90€ in questo modo tanti tornerebbero alle polaroid perchè si avrebbero macchine decisamente portatili e costi di utilizzo decenti (50 cent a foto). Una volta riavviata la produzione di pellicole potrebbero anche tornare a fare quelle per i vecchi modelli vendendole però a prezzi decisamente più elevati invogliando quindi l'acquisto delle nuove macchine... ora sono passati abbastanza anni dall'inizio dell'era digitale in fotografia per poter affermare che c'è mercato per la fotografia istantanea e fose c'è più richiesta oggi che 10 anni fa quando il digitale stava iniziando a colonizzare la fotografia di massa.
In queste macchine di cui sto parlando si potrebbe anche mettere una componente digitale, ossia una lentina fissa con un sensorino senza troppe pretese (1/2,33" a fianco della lente "analogica" che salva anche su una sd la foto che si scatta su pellicola applicandogli l'effetto della pellicola che si è caricato in macchina in modo da avere la foto su pc senza passare da scanner, la macchina dovrebbe essere senza monitor e avere un tastino per passare la foto appena scattata ad un cellulare tramite bluetooth in modo che i presenti possano vedere la foto cartacea subito ma che si possa comuqnue condividere all'istante sui social network il che renderebbe ancora più cool usare la polaroid!

Annuncio a Polaroid: la prossima volta al posto di chiamare Lady Gaga chiamate me ad inventare qualcosa per rilanciare il vostro marchio, io prendo meno soldi e ho idee migliori che fare occhiali con la fotocamera!

ups peccato che polaroid abbia venduto i suoi stabilimenti a quei babbi dell'impossible project che non sono ancora riusciti a fare prodotti decenti
Commento # 24 di: Bhibu pubblicato il 14 Novembre 2011, 01:50
Originariamente inviato da: StyleB
inoltre consiglierei ai nostalgici di riguardarsi una nostalgica foto di un nostalgico giorno di vent'anni fà scattata con una nostalgica polaroid nostalgicamente analogica, le foto dopo qualche tempo diventano nostalgicamente inguardabili.


nell'album di mio padre ci sono diverse foto fatte con polaroid negli anni a cavallo tra il '78 e l'82 e sono ancora perfettamente visibili oggi anche se con colori un po' virati e vintage!
Commento # 25 di: kobane pubblicato il 15 Novembre 2011, 22:05
bhibu se fosse cosi semplice... in pratica la polaroid dovrebbe rimettersi a fare quello che fa ora la fuji...

c'è un motivo per cui le impossible costano tanto, e per cui la polaroid ha dismesso la prodiuzione.

la polaroid funzionava solo su grande distribuzione.
la fuji instax oggi fa quello che faceva la polaroid una volta.
impossible fa qualcosa di nuovo.
Commento # 26 di: Bhibu pubblicato il 15 Novembre 2011, 22:43
Originariamente inviato da: kobane
bhibu se fosse cosi semplice... in pratica la polaroid dovrebbe rimettersi a fare quello che fa ora la fuji...

c'è un motivo per cui le impossible costano tanto, e per cui la polaroid ha dismesso la prodiuzione.

la polaroid funzionava solo su grande distribuzione.
la fuji instax oggi fa quello che faceva la polaroid una volta.
impossible fa qualcosa di nuovo.


fuji usa pellicole piccolisseme con una macchina ORRENDA, vero che l'estetica della macchina non è tutto, però è veramente oscena!

La polaroid è la polaroid una macchina istantanea marchiata fuji non ha nulla a che fare con una marchiata polaroid.

Una pellicola impossible project che dura 3 mesi da quando è stata esposta è una schifezzina, una polaroid che dura 5 anni (questa era la durata tipica senza alterazioni) è tutta un'altra cosa.

La gran parte del costo dei caricatori polaroid era dovuto alla batteria, basterebbe separarla per ridurre drasticamente i costi, se impossibile può venderle a 20€ con la batteria perchè polaroid non potrebbe venderle a 10 senza? la carta costa del caricatore, se poi si ottimizza mettendo più "frame" per ogni caricatore si risparmia ulteriormente plastica a tutto vantaggio dell'ambiente.

Per vendere le pellicole OGGI è decisamente più semplice basta usare un grande sistema di distrubuzione come Amazon!
Commento # 27 di: kobane pubblicato il 16 Novembre 2011, 09:22
la fuji instax wide non è piccola.
le pellicole impossible ti durano molto se sai come fare.
la batteria impossible impatta un 10% sul prezzo finale.
i costi delle impossible sono dovute in buona parte ai chimici, che costano tanto per piccole tirature. il metodo con cui si sviluppa l'immagine è completamente diverso rispetto alle vecchie polaroid, tant'è che il negativo è ilford e i chimici di una giovane azienda del nordeuropa di cui non ricordo il nome. infatti, ne mettono 8 perche i serbatoi delle pellicole sono più spessi come lo strato di emulsione, e pure le batterie sono più spesse perchè non più al mercurio.
poi d'accordo che la fuji è diversa e c'è tanto marketing sulle impossible, ma da qui a dire "se facessero così" ce ne passa...

Commento # 28 di: kobane pubblicato il 16 Novembre 2011, 10:36
rettifico: le pellicole impossible b/w hanno chimici ilford, quelle invece a colori hanno chimica inovis
Commento # 29 di: Bhibu pubblicato il 16 Novembre 2011, 13:29
Originariamente inviato da: kobane
rettifico: le pellicole impossible b/w hanno chimici ilford, quelle invece a colori hanno chimica inovis


le impossible sono acerbe, la tecnologia che usava polaroid era decisamente superiore, l'unica cosa buona delle impossible è il b/n che pola non faceva.

Chiaro che i costi sono legati alla quantità di prodotto che si realizza ma pensi che Polaroid con il suo marchio non potrebbe vendere volumi di pellicole decisamente superiori a impossible? Il nome è fondamentale a questo mondo e Polaroid è La pellicola istantanea.

Con una grossa pellicola polaroid ed un banco ottico 20x24" anni fa potevi realizzare un poster 40x50cm e vederlo praticamente subito, adesso è impossibile!
Commento # 30 di: kobane pubblicato il 17 Novembre 2011, 08:58
forse ti sfugge che la polaroid come produttore di pellicole istantanee non esiste più, e che di linee di produzione ne esiste solo una che è di impossible.

le vecchie polaroid image sono ancora insuperabili, ma alternative oltre impossible non ce n'è...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »