Nikon D5, ISO a quota 3 milioni e sistema AF al top per la fotografia sportiva

Nikon D5, ISO a quota 3 milioni e sistema AF al top per la fotografia sportiva

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Nikon ha presentato ufficialmente la nuova versione della sua ammiraglia, la D5. Destinata a ridefinire più di uno standard, stupisce soprattutto per gamma ISO e sistema autofocus, ma non manca nemmeno il video 4K.”


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: AceGranger pubblicato il 07 Gennaio 2016, 13:00
Originariamente inviato da: emanuele83
Le flagship sono sempre ottime macchine, sia che siano Canon o Nikon. Non riesco a capire la corsa agli ISO, ma magari è un effetto collaterale dello studio dei singoli fotoricevitori per aumentare la gamma dinamica.
Mi spiego, se si ha un sensore mon migliore gammad inamica la sua geometria è studiata per tale scopo (e si spiegano i "soli" 20 megapixel) effetto collaterale è che hai un fotodiodo molto sensibile e si può spingere con la ISO fino a 3 milioni.
In ogni caso mi piacerebbe vedere una foto scattata a 3M_ISO
Dic ontro peccato non si scenda mai sotto iso 50 e occorra comprare e usare filtri ND. delle foto con obiettivi molto luminosi in pieno sole che necessitano di tempi di scatto bassissimi (il limite sono gli 1/8k s) possono capitaare più spesso di foto dove si necessitano 100k iso.

Impressionanti le 12FPS con AF inserito (vorrei vedere il tracking in AF di una mirrorless se è in grado di stare dietro a questa bestia, vistoc he c'è gente che pensa che con le nuove sony a7r2 si mandino in pensione le flagship)
200 immagini di buffer, ormai siamo al limite dell'utilità, vuol dire scattare per quasi 20 secondi!


sono fasce completamente diverse; questa costera un 5500 euro come niente, una A7rII ne costa 3000....

le A7 attualmente sono della fascia della D810
Commento # 12 di: emanuele83 pubblicato il 07 Gennaio 2016, 13:03
Originariamente inviato da: AceGranger
sono fasce completamente diverse; questa costera un 5500 euro come niente, una A7rII ne costa 3000....

le A7 attualmente sono della fascia della D810


Guarda che non lo devi dire a me:

http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2747258
Commento # 13 di: AceGranger pubblicato il 07 Gennaio 2016, 13:35
Originariamente inviato da: emanuele83
Guarda che non lo devi dire a me:

http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2747258


a me pare che le A7R II le abbia tirate fuori tu a vanvera; gli altri si lamentavano solo che fosse ancora una Reflex canonica, a torto o ragione è un'altra questione.

ah e per la cronaca le A7RII sono tropicalizzate, come TUTTE le A7.

http://www.dpreview.com/reviews/sony-alpha-7r-ii

"The rest of the camera's core capabilities are exactly as you would expect from a high-resolution camera at this level: weather-sealed magnesium alloy body, twin control dials, extensive customization of control points and 5fps shooting."
Commento # 14 di: emanuele83 pubblicato il 07 Gennaio 2016, 13:42
Originariamente inviato da: AceGranger
a me pare che le A7R II le abbia tirate fuori tu a vanvera; gli altri si lamentavano solo che fosse ancora una Reflex canonica, a torto o ragione è un'altra questione.

ah e per la cronaca le A7RII sono tropicalizzate, come TUTTE le A7.

http://www.dpreview.com/reviews/sony-alpha-7r-ii

"The rest of the camera's core capabilities are exactly as you would expect from a high-resolution camera at this level: weather-sealed magnesium alloy body, twin control dials, extensive customization of control points and 5fps shooting."


Questo riassume il trend dell'altro topic:
Molte persone usano altri modelli di fotocamere, pure in condizioni proibitive, ed in alcuni casi senza neanche disporre di indicazioni "ufficiali", senza incorrere in particolari problemi.
Poi, quando accade un'evenienza, dopo diversi usi in situazioni difficili, semplicemente prendendono un'altro corpo, operazione che comunque costa largamento meno rispetto a rivolgersi ad una top di gamma.
Commento # 15 di: Taurus19-T-Rex2 pubblicato il 07 Gennaio 2016, 13:59
Commento # 16 di: tuttodigitale pubblicato il 08 Gennaio 2016, 18:30
Originariamente inviato da: Itachi
Il resto si chiamano sensibilità iso "estese". Le sensibilità iso estese le hanno tutte le fotocamere e non sono altro che l'ultima sensibilità iso disponibile (in questo caso i 102.400)


Mi permetto di entrare nel "tecnico" (si fa per dire).
In realtà i sensori EXMOR hanno una e una sola sensibilità, tutte le altre sono ottenute via software.
La "magia" è resa possibile a livello tecnico dell'integrazione di convertitori analogici/digitali nel sensore, che permettono di avere un SNR assai elevato unito alla elevata risoluzione degli stessi.
Infatti una amplificazione ideale, è priva di disturbi ed ha infiiti valori intermedi. Si intuisce che con 14 bit questo è aprossimativamente vero per un ampio range dell'amplificazione.
Se per semplicità, facciamo finta che il sensore sia in grado di catturare una gamma dinamica di 14 stop, e usa 14 bit per la codifica (è molto meno valido di quello che sembra), e ha una sensibilità nominale di 100 iso, in teoria è possibilità portare a 100+6stop (6400) senza nessuna perdita di qualità, rispetto ad un'amplificazione analogica ideale, con output a 8bit (penso ai jpeg), se non l'ovvia conseguenza di perdere quei 6 bit di luce (gamma dinamica ridotta a 8 stop).

Molto diverso è l'approccio di Canon, che usa un condizionamento del segnale diverso in base a come venga impostata la sensibiltà.
Il vantaggio che l'amplificazione si adatta al tipo di segnale (o meglio a quello presunto dalle impostazioni on-camera effettuate dal fotografo). Un segnale debole subirà una maggior amplificazione, di fatto consentendo una gamma dinamica sulla carta simile a quelle che si avrebbe nel caso ideale (in realtà quella realmente usufruibile è ridotta dalla presenza del disturbo analogico).
Lo svantaggio che tutto questo non viene effettuato sul chip, quindi il segnale è naturalmente maggiormente afflitto da rumore.

Ricordo, che gli stop più bassi sono quelli che hanno un numero di valori per la codifica inferiori. Nel caso preso in esame 14 stop-14 bit, lo stop di luce più buio ha solo un bit per colore (8 valori), luminosità che viene ridistruibuita dopo la codifica.
Si intuisce che non è proprio vero che 14 bit siano l'ideale per immagini, con 8 stop di dinamica, a +6stop dalla sensibilità nominale (6400 da 100iso, per esempio). Figuriamoci per 104k iso.
In questo caso, bisogna accontentarsi di una gamma dinamica assai ridotta, di 4 stop (dipende dal sensore) e con soli 4 bit di codifica (numero di stop dalla sensibilit nominale e risoluzione dell'ADC), per appena 16x16x16, 4096colori (nell'esempio sopra), c'è poco da fare.


Originariamente inviato da: Itachi
Praticamente è come se alzaste voi l'esposizione in post sul pc. E la qualità è esattamente la stessa.

La qualità è persino più alta con il PC. Ciò nonostante impostare l'iso corretto permette di avere un'anteprima di quello che si sta facendo (scattare a 100 iso al buio, il display diventa inutile) e/o di andare in stampa, archiviare foto senza la necessità di passare per la camera chiara.
Ma ripeto, con il RAW su Nikon, le impostazioni di iso, come tutte quelle che riguardano la qualità delle immagini sono ininfluenti.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor