Nikon Coolpix P900, ecco la bridge superzoom 83x / 24-2000mm

Nikon Coolpix P900, ecco la bridge superzoom 83x / 24-2000mm

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Incredibile superzoom stabilizzato per la nuova Nikon Coolpix P900, equipaggiata con un obiettivo F2.8-6.5 corrispondente alla focale di 24-2000mm su formato 35mm”


Commenti (27)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: Arch_Stanton pubblicato il 04 Marzo 2015, 13:57
Originariamente inviato da: Mory
ma com'è che queste arrivano a 2000 mentre le reflex arrivano a 300 e per andare oltre bisogna vendere non solo un rene?


sensore amico sensore.
Commento # 12 di: marchigiano pubblicato il 04 Marzo 2015, 14:01
Originariamente inviato da: demon77
Eh direi che la vedo... parecchio dura!
Sai bene che nulla si crea e nulla si distrugge..

Fotografia naturalistica con sto coso? Si può fare, servono solo le giuste condizioni:

- un giornata tersa (ma tersa tersa) con sole a palla a mezzigiorno.
- treppiedone piazzato ben stabile e telcomando per scattare senza toccare la macchina
- Fringuello/marmotta da fotografare piazzata in pieno sole e perfettamente immobile per una decina di secondi almeno.

E che problema c'è?


mi viene in mente un solo tipo di passera che sta immobile sotto il sole a picco... questa fotocamera potrebbe essere dedicata a quel tipo di fauna
Commento # 13 di: demon77 pubblicato il 04 Marzo 2015, 14:50
Originariamente inviato da: Mory
ma com'è che queste arrivano a 2000 mentre le reflex arrivano a 300 e per andare oltre bisogna vendere non solo un rene?


Eh perchè il punto non è se ci si arriva.. ma COME ci si arriva.
Anche una panda costa un centesimo di una ferrari.. e anche lei fa tutto il giro della pista. Cambia solo quanto ci mette!

Nelle fotocamere digitali la dimensione del sensore (che una olta era la pellicola) è determinante sulla qualità finale della foto e sui tempi di esposizione utili per ottenerla.
A braccetto con quasta cosa vanno le ottiche che devono garantire elevata luminosità, ridurre al minimo difetti e aberrazioni ecc ecc.
Fare un'ottica che abbia buone caratteristiche è difficile e costoso.. e più è grosso il sensore più difficle e costoso diventa fare ottiche che vadano bene. Soprattutto poi se sono zoom e quindi variabili.

Come dire.. la scatola del cambio della panda costa cento euro. Ma deve resistere al motore della panda e funzionare a certi regimi. Il cambio della ferrari cinsta diecimila euro, ma deve lavorare in ambiente ben diverso!
Commento # 14 di: demon77 pubblicato il 04 Marzo 2015, 14:53
Originariamente inviato da: marchigiano
mi viene in mente un solo tipo di passera che sta immobile sotto il sole a picco... questa fotocamera potrebbe essere dedicata a quel tipo di fauna


non è il sole.. è un lampione.
e non è una passera.. si chiama Luigi.

E' che con una macchina così scarsa sfuggono i dettagli!!!
Commento # 15 di: Mory pubblicato il 04 Marzo 2015, 15:03
bhè effettivamente questo grafico dice molto sulla qualità di questa bridge

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 16 di: roccia1234 pubblicato il 04 Marzo 2015, 16:20
Originariamente inviato da: bonzoxxx
D'accordissimo, come non quotarti...a f/6.5 fa buio presto


Non necessariamente... molte foto di naturalistica sono fatte ad f/8 o ad f/11, soprattutto per recuperare pdc, ma anche per recuperare qualità (pensa ad un 300 f/2.8 duplicato o a un 500 f/4 + 1,4x).
Al contempo, vedrai tempi solitamente estremamente veloci, 1/800 o più.

Dove sta la quadratura del cerchio? Alti iso! 800, 1600, 3200, 6400 iso sono abbastanza comuni, specie 1600-3200, sensibilità che una DSLR moderna si mangia per colazione.

Quella compatta già a 400iso farà acquerelli, sarebbe da usare a sensibilità minima, con tutti i limiti del caso.

Per non parlare dell'AF...


Originariamente inviato da: Mory
ma com'è che queste arrivano a 2000 mentre le reflex arrivano a 300 e per andare oltre bisogna vendere non solo un rene?


Confronta i risultati, la risposta verrà da sé .

Originariamente inviato da: marchigiano
mi viene in mente un solo tipo di passera che sta immobile sotto il sole a picco... questa fotocamera potrebbe essere dedicata a quel tipo di fauna


Passera scopaiola?
Commento # 17 di: marchigiano pubblicato il 04 Marzo 2015, 20:59
Originariamente inviato da: demon77
non è il sole.. è un lampione.
e non è una passera.. si chiama Luigi.

E' che con una macchina così scarsa sfuggono i dettagli!!!


orca... è brasiliano magari?

Originariamente inviato da: roccia1234
Passera scopaiola?


anche, ma durante la stagione estiva questi volatili si piazzano in spiaggia per i più svariati motivi, di sicuro stanno fermi per ore sotto il sole a picco e mostrano più pelle possibile
Commento # 18 di: saeba77 pubblicato il 25 Marzo 2015, 17:32
Commento # 19 di: roccia1234 pubblicato il 25 Marzo 2015, 19:04
Se veramente tira fuori immagini del genere... tanto di cappello.

La qualità tecnica di quelle foto, per essere una compattina superzoom con sensore a spillo, è a dir poco ottima!
Commento # 20 di: demon77 pubblicato il 26 Marzo 2015, 20:41
Originariamente inviato da: saeba77


Originariamente inviato da: roccia1234
Se veramente tira fuori immagini del genere... tanto di cappello.

La qualità tecnica di quelle foto, per essere una compattina superzoom con sensore a spillo, è a dir poco ottima!


Sinceramente io ci credo abbastanza poco.. Non si cava sangue dalle rape.
E quelle foto bisogna capire in che condizioni sono state fatte. Ammesso e non concesso che siano state effettivamente fatte con quella macchina...
Perché mi paiono decisamente oltre le più rosee aspettative!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor