Nikon conferma il suo impegno sulle fotocamere mirrorless per il 2021

Nikon conferma il suo impegno sulle fotocamere mirrorless per il 2021

di Mattia Speroni, pubblicata il

“In un'intervista con Hirotaka Ikegami, a capo della divisione video di Nikon, sono emersi interessanti dettagli sulla strategia operativa del produttore nipponico preannunciando un ovvio interesse alle fotocamere mirrorless, ma non solo.”

Si torna a parlare ancora una volta di Nikon e della sua strategia per il futuro! Circolano diversi rumors su come evolverà il portafoglio prodotti della società nipponica, tra DSLR che potrebbero arrivare e altre che potrebbero uscire dal mercato. Quale ruolo avranno inoltre le fotocamere mirrorless? Qualche informazione ufficiale arriva da un'intervista a Hirotaka Ikegami (a capo della divisione video).

nikon mirrorless

Il futuro di Nikon è nelle mirrorless

Anche se può sembrare ormai scontato, Ikegami ha confermato che il futuro di Nikon è nelle fotocamere mirrorless che saranno al centro della strategia della società. L'alto dirigente ha comunque aggiunto che non vede un conflitto tra DSLR e mirrorless, ma un mercato che deve essere osservato con calma e obiettività.

Ikegami riporta per esempio alcune delle differenze tra le due tipologie di fotocamere e i dubbi circa la bontà dell'EVF al posto dell'OVF. Proprio su quest'ultimo punto ha dichiarato "l'EVF prodotto da Nikon ha prestazioni molto buone ed ha valutazioni positive rispetto ad altre società". Inoltre viene fatta notare la differente autonomia di scatti tra mirrorless e reflex, dove le seconde possono arrivare a più di 1000 scatti mentre le prime possono fermarsi a circa la metà.

Viene poi ricordato un cambio di strategia nell'autunno del 2019 (pre-crisi da COVID-19). Infatti si è passati dall'inseguire il numero assoluto di unità vendute a puntare su modelli dall'alto valore aggiunto. Questo potrebbe quindi spiegare l'uscita dal mercato di soluzioni economiche come D5600 e D3500, come scritto più sopra.

mirrorless

Come ridurre le spese? Alcune idee da parte di Nikon

La ricerca e sviluppo di Nikon non si fermerà, ha aggiunto Hirotaka Ikegami, ma ovviamente bisognerà capire come ottimizzarne i costi. Uno degli esempi è quello di non sviluppare più un firmware per ogni fotocamera, ma puntare su firmware condivisi (che poi vengono adattati alle varie esigenze). Si tratterà anche di un modo per differenziarsi rispetto alla concorrenza agguerrita.

Viene poi confermato, come scritto sopra, l'impegno sulle fotocamere mirrorless guardando anche alle tecnologie che potranno arrivare sul mercato tra 5 e 10 anni. Ikegami ricorda che dal 2018, quando sono state annunciate le prime mirrorless full-frame sono stati annunciati sei modelli complessivamente. Viene comunque aggiunto che "d'altra parte, ci sono molti clienti che preferiscono le DSLR per la loro facilità d'uso, il numero di scatti e il numero di obiettivi che abbiamo costruito finora. Vogliamo fornire prodotti anche lì". Che sia un rimando alle nuove possibili DSLR in arrivo? Ovviamente non sono state rilasciate informazioni precise ma una frase successiva apre qualche spiraglio: "stiamo sviluppando una tecnologia (per una mirrorless professionale) in grado di soddisfare le esigenze dei professionisti".

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!


Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: pipperon pubblicato il 20 Gennaio 2021, 08:50
E' interessante che il "capo della divisione video" di un'azienda che non produce prodotti video abbia lo stesso cognome di una delle piu' rinomate aziende nel campo dei prodotti video.

Per chi fa video ikegami e' stato IL camcorder per piu' di 30 anni e l'unico a sfidare i colossi come sony o panasonic nei tempi in cui non bastava andare a comprare un paio di chip.