Meyer-Optik Goerlitz presenta il nuovo 75mm F0,95 Nocturnus

Meyer-Optik Goerlitz presenta il nuovo 75mm F0,95 Nocturnus

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Numeri da primato quelli del nuovo obiettivo Meyer-Optik Goerlitz: ad una focale fissa da 75mm è abbinata un'apertura pari a F0,95. Disponibile per Leica M, Sony E e Fujifilm X, il nuovo obiettivo fatto a mano ha un costo in linea con quello che offre”

Il produttore tedesco Meyer-Optik Goerlitz ci ha già stupito in passato con obiettivi di elevatissima qualità e dati di targa impressionanti, come ad esempio il 50mm della serie Nocturnus con apertura F0,95. Non è l'unico produttore ad osare un'apertura così estrema, sia chiaro, ma come da tradizione eyer-Optik Goerlitz la cura costruttiva è maniacale, alla ricerca della massima qualità possibile.

Ebbene, il già citato obiettivo vede ora apparire nel listino un fratello maggiore: Meyer-Optik Goerlitz 75mm F0,95 Nocturnus porta la focale a 75mm e si tratta di una prima assoluta se abbinata appunto all'apertura massima F0,95. L'azienda inoltre garantisce un grado elevatissimo di nitidezza anche a F0,95, laddove alcuni concorrenti hanno mostrato il fianco. Ovviamente sono da provare, ma siamo abbastanza propensi a ritenere che si sia svolto un gran lavoro per raggiungere il risultato dichiarato.

Lo schema ottico di questo obiettivo interamente realizzato a mano è semplice, con 5 lenti in 5 gruppi, mentre la distanza minima di messa a fuoco è di 90cm. Da segnalare è anche la presenza di un diaframma a ben 15 lamelle (fino a F16), resosi necessario per lavorare adeguatamente in quello che sembra più un "tubo" che un obiettivo, tanto è largo il passaggio per la luce.

I filtri utilizzabili sono da 72mm, mentre il peso si aggira intorno ai 750 grammi. Sarà disponibile  a circa 4000 Euro, nelle versioni nere o argento, a partire dal 12 dicembre. Gli attacchi disponibili sono quelli per i sistemi Leica M, Sony E e Fujifilm X. Sensibile lo sconto se lo si pre-ordina entro il 20 maggio: 1900 Euro circa, quindi meno della metà, direttamente sul sito ufficiale.


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: frankie pubblicato il 30 Aprile 2018, 08:37
Big Gauss! Ad avere un tiraggio corto si possono fare cose molto incredibili, rispetto ad ottiche con tiraggi di >40mm per reflex. Difatti i fissi luminosi per reflex stanno passando dal Gauss al tele invertito con tutti gli svantaggi del caso, peso e ingombro su tutti. Difetto? Nel Gauss non puoi mettere la stabilizzazione (a quanto mi tornava).

Ricordiamoci che il mitico 50mm f/0.7 aveva praticamente un tiraggio di zero (1-2mm).

Forse se si progetta solo per Aps-c è possibile scendere ancora rispetto alla luminosità, ma il mercato è per FF.
Commento # 2 di: Davis5 pubblicato il 30 Aprile 2018, 10:16
frankie WTF? Tele invertito? su FF? Ma sai di cosa stai parlando? Profondita' di campo dove?

Su APSC il diaframma equivalente rispetto ad una FF e' molto maggiore, quindi con quel 75 si vanno a spendere 4.000 euro per avere un bokeh che su una FF hai con un 85f1.4 (chi ha i soldi 85f1,2)

Commento # 3 di: frankie pubblicato il 30 Aprile 2018, 10:34
Sì so di cosa sto parlando.
i.e.:
https://www.photonics.com/EDU/Term.aspx?TermID=6763

Al contrario, io non ho parlato di profondità di campo e non esiste il termine "diaframma equivalente".
Commento # 4 di: Notturnia pubblicato il 03 Maggio 2018, 23:18
Sarecioso di vedere cosa si può fare su un ff con un 0,95 .. ma giusto per sfizio.. con l’85 f1.2 mi diverto abbastanza
BenQ Monitor