DJI  presenta la nuova termocamera DJI Zenmuse XT2, nata dalla collaborazione con FLIR

DJI presenta la nuova termocamera DJI Zenmuse XT2, nata dalla collaborazione con FLIR

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Come giÓ accade in altri sistemi a firma FLIR, il modulo combina l'avanzata termocamera radiometrica FLIR con una videocamera 4K per consentire agli operatori di droni di visualizzare i dati termici e visivi mentre sono in volo: Ŕ compatibile con i droni professionali DJI Matrice 200 Series e DJI Matrice 600 Pro”

Ci sono settori in cui l'utilizzo dei droni Ŕ in grado di semplificare parecchio le operazioni: in fotografia riprese che una volta richiedevano il noleggio di un elicottero o un aereo possono essere compiute in modo molto pi¨ economico e veloce. Lo stesso discorso vale anche per altri settori, primi fra tutti l'agricoltura, la ricerca e salvataggio, la lotta agli incendi e le ispezioni di infrastrutture e terreni.

Ora DJI amplia le possibilitÓ dei propri droni proprio in questi settori presentando la nuova termocamera DJI Zenmuse XT2, nata dalla collaborazione con il marchio leader del settore: FLIR Systems. Come giÓ accade in altri sistemi a firma FLIR, il modulo combina l'avanzata termocamera radiometrica FLIR con una videocamera 4K per consentire agli operatori di droni di visualizzare i dati termici e visivi mentre sono in volo. Alla modalitÓ QuickTrack, che centra la fotocamera sull'area selezionata o su un soggetto in movimento, DJI ha aggiunto la modalitÓ HeatTrack che traccia automaticamente l'oggetto pi¨ caldo in vista. Disponibile anche la funzione 'Allarme temperatura', che interpreta i dati termici in tempo reale e avvisa gli operatori dei droni quando la temperatura di un oggetto supera le soglie critiche.

Zenmuse XT2 Ŕ compatibile con i droni professionali DJI Matrice 200 Series e DJI Matrice 600 Pro e sarÓ disponibile per l'applicazione mobile DJI Pilot per Android e successivamente per l'app mobile DJI XT Pro per dispositivi iOS. ╚ stata progettata con un design robusto e grado di protezione IP44 per dare la possibilitÓ di volare in un'ampia varietÓ di condizioni tra cui pioggia, neve, fumo e nebbia. Il modulo, in accoppiata alla fotocamera 4K da 12 megapixel, Ŕ disponibile con sensore termico in due risoluzioni, pari a 640x512 pixel o 336x256 pixel, e con obiettivi da 9 mm,13mm,19mm e 25mm.

DJI ha anche annunciato il Payload SDK, che consente a qualsiasi produttore di creare un carico utile specifico per le esigenze dei propri clienti in modo che possa funzionare perfettamente con gli aeromobili della DJI. Payload Software Development Kit consente alle start-up di droni, agli sviluppatori, ai produttori di sensori e dispositivi di integrare pi¨ facilmente telecamere, sensori e altri tipi di carico utile su droni DJI, anche in questo caso ampliando in modo pi¨ semplice le possibilitÓ di operazione dei multicotteri cinesi.


Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosý da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non Ŕ detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: silviop pubblicato il 30 Marzo 2018, 16:02
30fps ? Ma e' per uso militare!!

Questa e' roba militare, manca solamente lo zoom ottico termico , e l'intensificatore di luce per il 4K.