Adobe annuncia alcune novità per Premiere Pro e Premiere Rush

Adobe annuncia alcune novità per Premiere Pro e Premiere Rush

di Mattia Speroni, pubblicata il

“Adobe ha annunciato la sua April 2021 release per Premiere Pro e Premiere Rush aggiungendo alcune piccole modifiche e novità che non stravolgeranno l'uso dei due software da parte degli utenti, ma permetteranno un lavoro più agile.”

Adobe ha annunciato alcuni aggiornamenti compresi nell'"April 2021 release" e che riguardano in particolare Premiere Pro e Premiere Rush. Non si tratta di cambiamenti sostanziali ma permetteranno agli utenti che utilizzano questi due programmi di lavorare in maniera più semplice ed efficiente.

adobe premiere

Le novità di Adobe Premiere Pro e Premiere Rush

Secondo quanto riportato dalla stessa società, per quanto riguarda Adobe Premiere Pro sono state migliorate le prestazioni utilizzando il codec H.264 / HEVC su Windows quando accoppiato a piattaforme Intel. Questo consente di migliorare i tempi di esportazione utilizzando l'accelerazione hardware Intel Quick Sync. La società parla di arrivare a prestazioni superiori fino a 1,8 volte con Premiere Pro 14.0.

adobe

Nel pannello colori Lumetri viene poi visualizzato un fotogramma della sequenza attualmente in uso. A questo vengono applicati i vari preset disponibili così da avere un'idea immediata del risultato.

Per quanto riguarda invece Adobe Premiere Rush, con l'aggiornamento di Aprile 2021 troviamo il supporto alla piattaforma Apple M1 (utilizzata su MacBook Air, MacBook Pro e MacMini). Non è la prima volta che la società annuncia il supporto di un suo software ai nuovi chip di Apple ed è una buona notizia per tutti i possessori. Anche in questo caso sono state annunciate prestazioni migliorate rispetto alla controparte Intel.

adobe

Ma non è finita qui! C'è anche un nuovo menù contestuale della timeline. Per esempio si può toccare un file video nella timeline per veder comparire il menù contestuale dedicato quando si utilizza iOS. Con questo nuovo menù è possibile dividere, duplicare o eliminare una clip e si può anche separare la parte audio da un video.

Un'altra novità riguarda sia iOS che Android. Si possono infatti ripristinare colore, audio e trasformazioni applicate. Se invece si utilizza un sistema desktop si può utilizzare la funzione di ripristino la parte delle regolazioni colore. Infine arriva il supporto per i nuovi smartphone Samsung della serie Galaxy Note 20.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!

Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: 3000 pubblicato il 17 Aprile 2021, 12:07
Adobe farebbe bene a rilasciare un po' di programmi gratuiti, che sennò corre il rischio concreto di vedere le new gen spostarsi su altre marche dalle quali non si scolleranno più.
Commento # 2 di: MotionDesign pubblicato il 17 Aprile 2021, 17:38
Originariamente inviato da: 3000
Adobe farebbe bene a rilasciare un po' di programmi gratuiti, che sennò corre il rischio concreto di vedere le new gen spostarsi su altre marche dalle quali non si scolleranno più.


la vedo difficile, considera che in quasi tutti gli istituti artistici usano
la suite Adobe. E i ragazzi, da grandi, useranno quello che hanno imparato a scuola.
Purtroppo manca una soluzione alternativa altrettanto integrata e completa.
E con circa 700 euro all'anno hai accesso a una suite di programmi che ti
permettono di fare qualsiasi cosa ti venga in mente...manca solo un modellatore 3d e poi hanno praticamente tutto
Commento # 3 di: sintopatataelettronica pubblicato il 18 Aprile 2021, 02:52
Originariamente inviato da: MotionDesign
Purtroppo manca una soluzione alternativa altrettanto integrata e completa.
E con circa 700 euro all'anno hai accesso a una suite di programmi che ti
permettono di fare qualsiasi cosa ti venga in mente...manca solo un modellatore 3d e poi hanno praticamente tutto


Tra qualche anno.. se lo sviluppo continua con la velocità e il livello di innovazione assurda che ha raggiunto ora, Blender, a 0 euro - PER SEMPRE - , farà il culo a tutti, altro che.

Compresi colossi come ADOBE (almeno per la parte motion graphics e video editing) e SideFX Houdini (everything nodes!!!!!!!!).

Il futuro e il progresso saranno offrire strumenti potentissimi gratis A TUTTI .. e far pagare lo sviluppo a chi può e ha i mezzi (Blender insegna! - Imparate, cazzo.)

PS: ah.. e ha pure un modellatore 3D
Commento # 4 di: MotionDesign pubblicato il 18 Aprile 2021, 10:51


Uso blender da circa 15 anni, e dalla 2.80 sto pian piano abbandonando
cinema 4d

Non sono convinto però che arriverà a spodestare adobe.
Prendi After Effects, al suo confronto il compositor di blender è un giocattolo,
idem l'editor video se confrontato con Premiere. Servirebbero anni di sviluppo
e un team dedicato per arrivare a quei livelli.
Poi tutto può succedere
Commento # 5 di: sintopatataelettronica pubblicato il 18 Aprile 2021, 14:27
Originariamente inviato da: MotionDesign
Uso blender da circa 15 anni, e dalla 2.80 sto pian piano abbandonando cinema 4d

Non sono convinto però che arriverà a spodestare adobe.
Prendi After Effects, al suo confronto il compositor di blender è un giocattolo,
idem l'editor video se confrontato con Premiere. Servirebbero anni di sviluppo
e un team dedicato per arrivare a quei livelli.
Poi tutto può succedere


La versione 2.80 ha fatto un balzo in avanti enorme.. ma nell'ultimo anno lo sviluppo di Blender sta procedendo a ritmi inauditi (vista la complessità che ha): ogni release ha tonnellate di novità anche importanti, vedi i Geometry Nodes introdotti con la 2.93, che é il primo step verso un Blender che sarà TUTTO A NODI (come Houdini, praticamente).

E' vero, di strada ce n'é ancora da fare e il VSE e il Compositor sono ancora abbastanza grezzi, come usabilità soprattutto.. ma comunque già estremamente potenti: la natura a nodi del Compositor permette robe che in After Effects sarebbe - quando non impossibile - comunque molto macchinoso e complicato fare (come é vero pure il contrario - che cose facilissime da fare con AE sono estremamente contorte e difficili in Blender, al momento perlomeno).

Il VSE é assolutamente troppo grezzo e spoglio attualmente per soppiantare non dico Premiere, ma persino software opensource tipo KdenLive..

In ogni caso la Blender Foundation ha annunciato per quest'anno notevoli potenziamenti al VSE, speriamo arrivino davvero che ce n'é grande bisogno

Altra cosa da considerare, però, é che questi 3 moduli principali di Blender - VSE, 3D e Compositor - lavorano in totale "simbiosi": il VSE é grezzo e spoglio di funzioni quanto vuoi, ma oltre a clip video e audio può utilizzare per il montaggio anche scene prese direttamente dal modulo 3D.. senza bisogno di pre-renderizzarle, vengono renderizzate nel momento in cui renderizzi tutto il progetto finale (3D + Compositor + VSE) .. e se stai lavorando a qualcosa di semplice dove non devi fare chissà che, questo workflow é di una comodità immensa.

Comunque Blender rispetto ad After Effect (per la motion graphics) é tutt'altro che un giocattolo: da quando con la 2.93 EEVEE supporta le cryptomatte.. si possono fare cose davvero notevoli ai livelli di After Effects in abbinamento con il compositor.. senza contare che con i Geometry Nodes é diventato finalmente facilissimo istanziare nella scena ... QUALSIASI COSA..

.. e siamo appena agli inizi, del "Everything Nodes" che prima o poi renderà Blender una sorta di Houdini.

After Effect é un software estremamente potente, fantastico per certi usi, ma con un architettura "vecchia" non a nodi che rende impossibile (o nel migliore dei casi scomodissime e macchinosissime) fare certe altre cose che sia nel Compositor di Blender che in altri software di compositing molto più sofisticati del modulo di compositing di Blender (Nuke, Fusion) invece le fai con una semplicità disarmante.

Il limite maggiore di After Effects é questa architettura non modulare che ha.. e che si vede in tutta la sua drammaticità quando devi modificare parti di un progetto molto complesso con un sacco di filtri/effetti/script applicati, che diventa praticamente uno strazio e una via crucis.. mentre con un'architettura "a nodi" é sempre facilissimo modificare qualsiasi parte/componente del progetto che hai creato senza ritoccare nient'altro.. perché tutto quel che modifichi si propaga ai nodi successivi automaticamente, senza che tu debba fare niente... e ciò é fantastico, non c'é davvero paragone.

La comodità della suite Adobe é innegabile, l'integrazione é fantastica, e pure la qualità dei software principali é eccelsa (vedi Photoshop, Illustrator, Premiere, oltre ad AE) .. ma finalmente abbiamo anche alternative validissime offerte tra l'altro gratuitamente, sia opensource, come Blender.. che proprietarie, come la suite Da Vinci Resolve/Fusion..

Diciamo che ormai le prospettive per un mondo con "molto meno Adobe" ci sono, finalmente (in passato era solo un miraggio).. che é un bene per tutti!
Commento # 6 di: MotionDesign pubblicato il 18 Aprile 2021, 16:10
Sono pienamente d'accordo con quello che hai scritto.
Uso già da un paio d'anni Animation Nodes, anche se a livello base,
e lavorare con i nodi indubbiamente porta molti vantaggi.
Per qualche progetto mi sono trovato a lavorare con BMD Fusion e
mi è piaciuto al punto tale da acquistare una licenza, anche se,
per il momento, lo uso veramente poco

Collaboro con Adobe come stock author, e ho accesso gratuito
a tutta la suite, però ciò non toglie che speri anch'io in un pò
di sana concorrenza, e soprattutto non mi piace essere 'legato'
ad un unico prodotto