Varioptic: lenti liquide con stabilizzatore d'immagine

Varioptic: lenti liquide con stabilizzatore d'immagine

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Varioptic presenta l'ultima evoluzione dei suoi moduli fotocamera a lenti liquide: il design multi-elettrodo ora permette anche la stabilizzazione ottica delle immagini”


Commenti (21)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: tengo famiglia pubblicato il 29 Gennaio 2010, 01:07
vedo di buon occhio questa tecnologia, spero di vederlo presto su un tele. Anche se devo ammettere che lo stabilizzatore meccanico su alcuni prodotti di fascia alta è ad un livello moooolto elevato.
Scattare ad 1/15 con un 300 mm mai l'avevo pensato solo alcuni anni fa (sony alpha e minolta 300f4)
anche con il 70-200 f4 USM L canon mai potevo pensare di scattare a 1/15

e poi e poi........
Commento # 12 di: Bicio30 pubblicato il 29 Gennaio 2010, 01:29
Originariamente inviato da: AsSk!cKeR
Ad esempio, se con la reflex cerchi di ritrarre la tua ragazza davanti ad un monumento e metti a fuoco quest'ultimo e non lei, la risultante sarà una morosa irriconoscibile ed un monumento perfettamente nitido.


Uh mamma!!! cosa leggo!!!!
forse con un cellulare hai ragione....
Ma con la mia Eos20d (datata ma validissima) lavorando col diaframma, te ne faccio quante ne vuoi.....
ma anche con qualsiasi macchina medio decente dove puoi avere dei diaframmi alti...
Brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr...........
Commento # 13 di: abePdIta pubblicato il 29 Gennaio 2010, 02:28
Forse nessuno sì è ancora accorto dell'errore piuttosto rilevante…
Originariamente inviato da: RobertoColombo]Accoppiando due liquidi di pari densità

… non si ottiene una lente.
Commento # 14 di: x-mon pubblicato il 29 Gennaio 2010, 08:30
praticamente non fanno altro che aggire da filtri?
Commento # 15 di: gianluca.f pubblicato il 29 Gennaio 2010, 08:41
acqua e olio hanno diversa densità.
Commento # 16 di: FoxTroy pubblicato il 29 Gennaio 2010, 08:46
a fabri85 tutti professori........leggo queste notizie solo per vedere le risposte di certa genta.....me sembrano tutte socerette impiperite...
Commento # 17 di: songohan pubblicato il 29 Gennaio 2010, 09:08
Originariamente inviato da: LUKE88123
ma che ti hanno fatto di male fabri??


Complesso di inferiorità culturale
Commento # 18 di: Roberto Colombo pubblicato il 29 Gennaio 2010, 10:23
Originariamente inviato da: abePdIta
Forse nessuno sì è ancora accorto dell'errore piuttosto rilevante…
… non si ottiene una lente.


Effettivamente un lente la puoi ottenere anche con un liquido solo, semplicemente grazie alla curvatura della superficie (una goccia d'acqua già da sola agisce da lente).

Qui la tecnologia utilizza due liquidi molto probabilmente per questioni di stabilità e di controllo della curvatura. Con un solo liquido (e quindi con un'interfaccia liquido/aria) penso ci sarebbero più problematiche legate alla formazione di vapori e alla stabilità in caso di urti o scossoni.

Originariamente inviato da: gianluca.f
acqua e olio hanno diversa densità.


Dipende dall'olio e da cosa è disciolto nell'acqua. Anche acqua distillata e acqua salata hanno densità diverse.

Il sito Varioptic offre una panoramica della tecnologia (http://www.varioptic.com/en/tech/te...bilization.php), scusate, pensavo di averlo linkato all'interno della news. E dice " The liquid lens uses two isodensity liquids". Se i liquidi avessero differenti densità si aggiungerebbe il problema del galleggiamento di uno sull'altro, portando a tensioni non controllabili in base all'orientamento spaziale dell'obiettivo, che avrebbero ripercussioni sulla curvatura e quindi sulle proprietà ottiche della lente.
Commento # 19 di: NWEvolution pubblicato il 29 Gennaio 2010, 11:05
ma.... se la agiti forte forte...

...fotografi un frappè?
Commento # 20 di: AsSk!cKeR pubblicato il 29 Gennaio 2010, 13:49
Originariamente inviato da: Alexr71
La profondità di campo non ha niente a che vedere con le dimensioni del sensore, quanto con la lunghezza focale e con l'apertura del diaframma... il discorso sulle reflex non ha senso... se scatto ad un edificio a iso 64.000, con il diaframma a f/36 e ad una distanza sufficente dalla mia ragazza con un medio tele (tipo un 70mm) stai tranquillo che verranno a fuoco entrambe.
Sulle compatte il problema è che non sempre c'è una priorità di diframma, e questo troppo spesso non ha aperture sufficenti a staccare il fondale.
Sui cellulari poi non hai proprio il controllo del diaframma, quindi è per quello che si è sempre un po' sulla tendenza da iperfocale...
Cmq tutto questo per dire che la profondità di campo dipende dalla distanza, dalla lunghezza focale e dal diaframma.
Ciao,
Alex.


Mi scuso per l'eccessiva semplificazione, potevo fare una premessa: volevo evitare il discorso diaframma e lunghezza focale, senza dilungarmi troppo in off topic. Giuste le osservazioni, comunque.

A iso 64000 credo comunque non si riuscirebbero a distinguere né morosa né sfondo, visto il rumore pauroso! xD (Intendevi 6400, ho capito)

Bicio30: la 20d è un'ottima macchina, ne ho usata una per un paio di giorni con bg ed un Sigma 70-200 2.8 (la prima versione) con risultati molto soddisfacenti, tant'è che mi sono regalato una 40d usata subito dopo, a rimpiazzo della mia vecchia, usatissima 350d.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor