Soldati illuminati dai fasci di luce che filtrano dai fori di proiettile: il Pulitzer a Manzano

Soldati illuminati dai fasci di luce che filtrano dai fori di proiettile: il Pulitzer a Manzano

di Roberto Colombo, pubblicata il

“La Siria vista dagli obiettivi dei fotografi protagonista ai premi Pulitzer: molto d'impatto la foto di Javier Manzano con due soldati ribelli appostati illuminati dai fasci di luce che filtrano attraverso i fori di proiettile nel muro del loro covo”


Commenti (23)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: doctormarx pubblicato il 17 Aprile 2013, 13:52
ormai lo sport nazionale è criticare, tutto, tutti grandi politici, grandi allenatori, grandi fotografi a quanto pare. gran foto, come è fatta interessa solo agli onanisti della fotografia, conta solo il risultato finale, e comunque non mi sembra costruita è certamente il grandangolo a far divergere i raggi
Commento # 12 di: aled1974 pubblicato il 17 Aprile 2013, 14:22
per fortuna che non hanno ancora ri-fatto la legge con obbligo di uniformità di pensiero e divieto di critica

come altri esprimo la mia opinione senza star li a masturbarmi ne sulle foto ne sulle idee, se poi l'opinione coincide o no con la tua è casuale. Non per questo devo essere indicato come hater. Se una cosa non mi piacesse, ma pubblicamente la elogiassi, sarei ipocrita, che sarebbe pure peggio

sono poi convinto che non è solo perchè si ha un nome famoso che automaticamente si debba essere esenti da critica, giusta o sbagliata che sia

il mondo è bello perchè è formato da idee diverse

ciao ciao
Commento # 13 di: Zappz pubblicato il 17 Aprile 2013, 14:28
Originariamente inviato da: mattydag
Vedete che i raggi sono radiali e potrebbero benissimo provenire da una sola sorgente luminosa come il sole. È il grandangolo che da la prospettiva ai raggi che nella realtà sono sicuramente paralleli.


Non mi sembra un grandangolo molto spinto, tutte le linee della foto sono estremamente regolari... In piu' si vede chiaramente entrare la luce dal buco a dx che illumina il soldato percio' il sole non puo' essere nel punto da dove convergono i raggi se no quel buco a destra sarebbe scuro, ed i raggi hanno una forma troppo precisa per essere proiettati da buchi irregolari...

Poi ripeto foto bellissima, pero' mi da l'idea che i raggi siano stati aggiunti in postproduzione e questo fa perdere un po' di fascino ad una foto di reportage...
Commento # 14 di: michael1one pubblicato il 17 Aprile 2013, 14:55
Ho visto altre foto di questo fotografo, queste però sono le peggiori....
Commento # 15 di: opelio pubblicato il 17 Aprile 2013, 17:21
Originariamente inviato da: aled1974
non ho capito bene quale sia la motivazione che porta alle premiazioni

la condizione di pericolo? (sì, ok, foto in posa con illuminazione artificiale, dov'era il pericolo?)


Per la serie basta criticare, lo sport più in voga.
E certo perchè per entrare li con i ribelli a fare quella foto sarà stato semplicissimo, trovare i contatti senza sembrare ostile, varcare il confine. L'elenco sarebbe lungo ma tanto non credo che capiresti, visto il commento.
Commento # 16 di: dasaint pubblicato il 17 Aprile 2013, 21:03
Originariamente inviato da: Phantom II
La spettacolarizzazione delle tragedie (che nel caso siriano, poi, hanno più a che fare con la destabilizzazione estera che con autentiche istanze interne) in salsa videogioco.
Che tristezza.


Infatti, anche questa volta il Pulitzer si dimostra essere premio "hollywoodiano", nel senso di spettacolarizzazione a senso unico per fini politici di un conflitto molto complesso, nel quale la presenza straniera è forte e notevole (sono decine di migliaia gli jihadisti che hanno passato il confine per combattere in questa ennesima "guerra santa" contro gli infedeli: alawiti, cristiani, drusi, sciiti).
Ma all'occidente torna troppo comodo dipingere questa guerra per procura come "guerra civile", quando anche una buona parte dell'opposizione interna siriana ha preso le distanze dall'accaparramento delle loro istanze di libertà da parte di queste bande straniere sostenute dalle petromonarchie saudite (begli esempi di "democrazia", nonché da Israele e dalle potenze occidentali.

Emblematica è la posizione davvero insostenibile del ministro degli esteri francese: mentre riconosce che il fronte Al Nusra e le altre formazioni integraliste operanti in Siria possono costituire un pericolo reale per la popolazione civile e per il futuro di tutta l'area, dall'altra parte assieme alla GB afferma che si dovrebbe trovare un modo per fare arrivare più armi ai "ribelli" in Siria. Quando si dice la coerenza...

In questo senso, le immagini vincitrici sono state scelte per esser funzionali alla diffusione di QUESTA immagine del conflitto siriano.
Da questo punto di vista, credo di poter affermare che il Pulitzer sta al fotogiornalismo come l'Oscar sta al cinema (e non lo dico in senso positivo).
Un'americanata funzionale alla costruzione e diffusione di un paradigma culturale a senso unico, propedeutico alla digestione da parte dell'opinione pubblica di operazioni neo-colonialiste mascherate da intervento umanitario (vedi Libia).
Commento # 17 di: mattydag pubblicato il 17 Aprile 2013, 21:07
Originariamente inviato da: Zappz
Non mi sembra un grandangolo molto spinto, tutte le linee della foto sono estremamente regolari...


Mai sentito parlare di correzione della distorsione della lente?

Originariamente inviato da: Zappz
In piu' si vede chiaramente entrare la luce dal buco a dx che illumina il soldato percio' il sole non puo' essere nel punto da dove convergono i raggi se no quel buco a destra sarebbe scuro


Se dal buco a destra entrasse luce solare diretta il militare sarebbe mooolto più sovraesposto. La luce solare essendo fortissima si diffonde in tutte le direzioni riflessa da qualsiasi superfice chiara.

Originariamente inviato da: Zappz
Poi ripeto foto bellissima, pero' mi da l'idea che i raggi siano stati aggiunti in postproduzione e questo fa perdere un po' di fascino ad una foto di reportage...


Non credo che in un concorso come il pullitzer si facciano infinocchiare da una foto tarocca...

IMHO fra i tanti metodi per fare spiccare i raggi basterebbe fumarsi qualche sigaretta, poi se secondo voi fare un po' di fumo o polvere significa allestire un set di una foto ok avete ragione.
Commento # 18 di: aled1974 pubblicato il 17 Aprile 2013, 21:46
Originariamente inviato da: opelio
Per la serie basta criticare, lo sport più in voga.
E certo perchè per entrare li con i ribelli a fare quella foto sarà stato semplicissimo, trovare i contatti senza sembrare ostile, varcare il confine. L'elenco sarebbe lungo ma tanto non credo che capiresti, visto il commento.


è la tua opinione e va rispettata, quindi fai altrettanto con la mia, non è l'unico fotografo al mondo ad essere in quel posto, se si è scelta questa foto tra tante, scatto che IMHO come ad altri di veridicità trasmette ben poco, un motivo ci sarà, ma io non lo trovo

poi oh, se lo dice quel tizio laggiù devo crederci per forza? Cioè l'autorevolezza si autoalimenta? Scusate, parcheggio un attimo il cervello, pilotatemi voi la vita

del resto, conscio della mia ignoranza, ti confermo che tante altre foto, magari fatte da persone meno conosciute e qualificate (semplici cittadini siriani?) mi trasmettono molto di più. Il link di google che ho postato precedentemente te ne può dare un'idea ribadendo che non mi riferisco necessariamente a foto drammatiche o sature di violenza più o meno esplicitata

de gustibus e amici come prima

buon per lui per il pulitzer

ciao ciao
Commento # 19 di: lucap68 pubblicato il 17 Aprile 2013, 22:43
Pulitzer non vuole più dire qualità, ma solo sensazionalismo.
Commento # 20 di: dakota2772 pubblicato il 18 Aprile 2013, 09:45
Originariamente inviato da: dasaint
... credo di poter affermare che il Pulitzer sta al fotogiornalismo come l'Oscar sta al cinema (e non lo dico in senso positivo).
Un'americanata funzionale alla costruzione e diffusione di un paradigma culturale a senso unico, propedeutico alla digestione da parte dell'opinione pubblica di operazioni neo-colonialiste mascherate da intervento umanitario (vedi Libia).


ti rubo questa ultima frase che ho trovato molto bella...
fammi sapere quanto devo pagare per i diritti!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »