Leica progetta una EVIL per Photokina 2012?

Leica progetta una EVIL per Photokina 2012?

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Direttamente dai vertici Leica arrivano alcune conferme: l'azienda tedesca ha in mente novitā EVIL per la prossima edizione di Photokina”


Commenti (37)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosė da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non č detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: ernest85 pubblicato il 24 Giugno 2011, 22:02
Originariamente inviato da: Duncan
L'AF è comodo, ma con il telemetro metti a fuoco perfettamente anche con pochissima luce, con una reflex è assai più difficile anche in manuale.


Vero che il telemetro è comodo, ma prova una reflex manual focus con vetrino a prisma spezzato e corona di microprismi e vedrai che anche con una reflex la messa a fuoco manuale è eccezionale, anche al buio!
Commento # 12 di: tuttodigitale pubblicato il 24 Giugno 2011, 22:59
Originariamente inviato da: hackaro75
Innanzitutto i Nikkor Pro ed i Canon L non sono [U]in nessun modo[/U] delle ottiche da supermercato!
Sono delle ottiche [U]eccellenti [/U]che, nel corso degli ultimi 50 anni, sono migliorate tantissimo e, nelle ultimissime versioni, rivaleggiano con i migliori vetri di Zeiss e Leica.

Lo ripeto sono ottiche da supermercato se paragonate alle ottiche Leica del sistema R o M.
gli zoom nikkor gold ring sotto i 2000 euro di listino, hanno perso la costruzione a prova di bomba di un tempo e alcuni (nikkor 16-35 e nikkor 24-120 f/4 per citare i più recenti) fanno uso di materiali plastici.

Parliamo del controllo di qualità... Leica testa ogni singolo obiettivo e corpo macchina, cosa che non avviene nella maggioranza delle ottiche Nikkor gold ring e Canon L.

Lo ripeto paragonate alle leggendarie ottiche Leica sono ottiche da supermercato senza ma e senza se.

Originariamente inviato da: hackaro75
Prova ne è che, dati MTF alla mano (l'unica misurazione oggettiva per una lente), perlomeno ad infinito, le differenze in termini di risoluzione, se prendi il Nikon 35 mm f/1,4 o il Canon 35mm L f/1,4 e lo confronti con lo Zeiss 35 mm f/1,4 o con il Leica 35mm M f/1,4 ASPH perdono pochissimi punti percentuali in termini di risoluzione o fanno pari. Ed anche in termini di correzione della distorsione , delle aberrazioni cromatiche, della vignettatura sono davvero vicinissimi!

GIà gli stessi dati mtf (che tra parentesi non sono l'unica misurazione oggettiva) che danno vincente un Samyang 35mm f/1,4 sul più costoso nikkor.
Anche Sigma ha obiettivi in grado di rivaleggiare con le ottiche giapponesi, peccato il controllo di qualità è peggio del già perfettibile controllo qualità fatto sul 80% dell'ottiche L.

Originariamente inviato da: Duncan
Sono macchine e lenti pensate per usi diversi, la leica certo non è la macchina giusta per impieghi del genere, come le D3 o la 1D Mk IV non lo sono per altri impieghi, bastavedere corpi e obiettivi a partità di focale quanto son differenti per ingombri e peso...

L'AF è comodo, ma con il telemetro metti a fuoco perfettamente anche con pochissima luce, con una reflex è assai più difficile anche in manuale.

NI, con il telemetro si va meglio con le ottiche poco luminose, ma mettere a fuoco con un f/1 è molto ma molto più complicato che su una reflex manual focus di una volta.

Originariamente inviato da: Duncan
Le ottiche M ci son già, non deve far nulla e non si metterà a farne da due soldi, da quello che ho capito farà un corpo che come prezzo stara tra i 1.000 ed i 2.000 € secondo me compatibile con l'innesto M, poi posso sbagliarmi

1000-2000 euro è un corpo da due soldi se paragonata alla storia Leica. Ed è improbabile che immetta sul mercato una fotocamera del genere con innesto M. Ma tantè che se lo facessero devono comunque introdurre lenti dal costo più umano, se no a cosa servirebbe
Come hai fatto notare con l'introduzione della Leica CL la casa tedesca ha introdotto due obiettivi di classe "economica".

PS voglio precisare ma mi sembrava chiaro già dall'intevento precedente, che le ottiche di alta gamma Nikkor e Canon non sono certo da supermercato, ma paragonate alle Leica, anche solo per le differenza sul controllo qualità, si senza ombra di dubbio.
Commento # 13 di: ernest85 pubblicato il 24 Giugno 2011, 23:56
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Lo ripeto sono ottiche da supermercato se paragonate alle ottiche Leica del sistema R o M.
gli zoom nikkor gold ring sotto i 2000 euro di listino, hanno perso la costruzione a prova di bomba di un tempo e alcuni (nikkor 16-35 e nikkor 24-120 f/4 per citare i più recenti) fanno uso di materiali plastici.

Parliamo del controllo di qualità... Leica testa ogni singolo obiettivo e corpo macchina, cosa che non avviene nella maggioranza delle ottiche Nikkor gold ring e Canon L.


... va bene tutto, ma mi spieghi cosa sarebbero in nikon gold ring?

citi la plastica come fosse un materiale pessimo, io cito Marco Cavina che parla di un'altro marchio, ma sempre di plastica si parla.

[I]...naturalmente le immagini giunte dalla Luna e commentate con enfasi da Tito Stagno erano passate attraverso uno zoom Angenieux.....Attiva per decenni nel settore fotografico 35mm in partnership con molti costruttori, da Alpa a Leica, la blasonata Casa francese aveva abbandonato l'agone in favore di una spiccata specializzazione negli zoom per il cinema così come in speciali realizzazioni destinate all'impiego militare; negli anni '80, prendendo atto dell'enorme espansione che aveva caratterizzato il mercato degli zoom fotografici e fiutando il vento favorevole, l'Angenieux era rientrata imidamente, saggiando il terreno con due ottimi zoom 35-70mm e 70-210mm caratterizzati da elevata luminosità ed attacco per le più diffuse reflex, per la gioia degli
amatori più raffinati; questi obiettivi si caratterizzavano per prerogative coraggiose, come l'innovativo scafo in policarbonato estremamente robusto (in Photokina i responsabili Angenieux saltavano a piè pari su questi zoom per dimostrarne la resistenza...)[/I]

Altra cosa che ti dico riguardo ai materiali plastici è che io se devo scegliere di essere tra protetto da 2 cm di kevlar (plastica usata da nikon per gli otturatori delle ammiraglie) e 2 cm di lega di magnesio (metallo usato in molte ottiche) scelgo il kevlar, sarà pure plastica ma un proiettile lo ferma, la lega di magnesio va in mille pezzi e mi prendo proiettile e scheggie! Tutti ad additare la plastica, ci sono resine che hanno resistenze elevate (ben superiori all'acciaio), pensa alle colle epossidiche, puoi usarle per fare cose incredibili, un po' di colla epossidica, qualche decimo di millimetro di fibra di carbonio e raddoppi la resistenza delle travi di un ponte!

Del resto alcune parti dei supertele di lusso sono in fibra di carbonio... o se vogliamo essere precisi in fibre di carbonio annegate in resine... chiaro che non sono economiche le cose in fibra di carbonio, anche se in realtà non è un materiale particolarmente costoso, sono le lavorazioni e le forme complesse a renderlo un materiale per ricchi, c'era tutto uno studio fiat-lancia per realizzare auto con carrozzeria in fibra di carbonio per ridurre costi e pesi, poi con la morte del gruppo B di rally si sono ridotti notevolmente gli investimenti rallystici e la cosa è rimasta in un cassetto pieno di disegni di una macchina, la ECV2 che non ha mai visto la luce.
Commento # 14 di: the_joe pubblicato il 25 Giugno 2011, 08:14
Il carbonio non mi risulta essere plastica............ma carbonio
Commento # 15 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 25 Giugno 2011, 11:02
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Lo ripeto sono ottiche da supermercato se paragonate alle ottiche Leica del sistema R o M.


Cosa sono i "Gold Ring"? O_o

Comunque hai ragione, tranne alcune notevolissime eccezioni (vedi i rispettivi 200mm F/2 e altri supertele dello stesso calibro, che hanno operazioni di assemblaggio a mano e controllo qualità ad esemplare come i Leica, e infatti si vede).
Commento # 16 di: ernest85 pubblicato il 25 Giugno 2011, 12:37
Originariamente inviato da: the_joe
Il carbonio non mi risulta essere plastica............ma carbonio



Un metodo comune per ottenere i filamenti di carbonio consiste nell'ossidazione e pirolisi termica del poliacrilonitrile (PAN), un polimero a base di acrilonitrile utilizzato anche per la produzione di materie plastiche..... Il risultato finale è la formazione di polimeri a struttura grafitica pressoché pura, continua e regolare lungo tutta la lunghezza delle fibre.

Un polimero (dal greco "che ha molte parti"[1]) è una macromolecola, ovvero una molecola dall'elevato peso molecolare, costituita da un gran numero di gruppi molecolari (detti unità ripetitive) uguali o diversi (nei copolimeri), uniti "a catena" mediante la ripetizione dello stesso tipo di legame (covalente).

Il kevlar, è una fibra sintetica aramidica inventata nel 1965 dalla DuPont.[1][2] La sua caratteristica principale è la grande resistenza meccanica alla trazione, tanto che a parità di peso è 5 volte più resistente dell'acciaio.

Per la cronaca, nel linguaggio comune polimeri = plastica!

Per la cronaca, nel linguaggio comune fibra sintetica = plastica!

Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Cosa sono i "Gold Ring"? O_o

Comunque hai ragione, tranne alcune notevolissime eccezioni (vedi i rispettivi 200mm F/2 e altri supertele dello stesso calibro, che hanno operazioni di assemblaggio a mano e controllo qualità ad esemplare come i Leica, e infatti si vede).


I supertele (200 f/2, 300 f/2.8, 200-400 f/4, 400, 500, 600 etc etc etc) sono tutti assemblati a mano, ne producono "pochi" e sono molto molto costosi, realizzere macchine che li assemblino sarebbe un costo e non un vantaggio economico, l'assemblaggio è nulla rispetto al resto dei costi, non so se avete presente come si fa una lente, una sola singola inutile lente di uno schema ottico da magari 15 lenti... bhè è impressionante ed affascinante il numero di lavorazioni che ci sono dietro, c'è un video dove mostrano la produzione di un canon 400 f/2.8... cercatelo, da vedere! Alla fine del video si vede che la lente viene anche testata... cavoli con quello che costa ci mancherebbe anche!!!!!

Cmq nikon non fa distinzioni con anelli rossi, grigi, verdi, blu oro o altro, sono cose puramente estetiche, non è ben chiaro con quale logica mettano il "gold ring" infatti il 18-55 Vr ha il "gold ring" mentre ad esempio il 135 DC non ce l'ha... volete dirmi che il 18-55 è migliore del 135 dc?
Commento # 17 di: tuttodigitale pubblicato il 26 Giugno 2011, 01:28
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Cosa sono i "Gold Ring"? O_o

Comunque hai ragione, tranne alcune notevolissime eccezioni (vedi i rispettivi 200mm F/2 e altri supertele dello stesso calibro, che hanno operazioni di assemblaggio a mano e controllo qualità ad esemplare come i Leica, e infatti si vede).

Fino ad oggi pensavo che Nikon indicasse la fascia Pro (ovviamente per le lenti di nuova progettazione) con l'anello d'orato, ma in rete si legge che indica semplicemente le ottiche ED (ma d'altronde anche la L di Canon sta per lenti a fluorite) , ma stranamente non viene utilizzata nel nikkor 18-200 VR2, che fa uso di questo elemento ottico.

Originariamente inviato da: ernest85
I supertele (200 f/2, 300 f/2.8, 200-400 f/4, 400, 500, 600 etc etc etc) sono tutti assemblati a mano, ne producono "pochi" e sono molto molto costosi, realizzere macchine che li assemblino sarebbe un costo e non un vantaggio economico, l'assemblaggio è nulla rispetto al resto dei costi, non so se avete presente come si fa una lente, una sola singola inutile lente di uno schema ottico da magari 15 lenti... bhè è impressionante ed affascinante il numero di lavorazioni che ci sono dietro, c'è un video dove mostrano la produzione di un canon 400 f/2.8... cercatelo, da vedere! Alla fine del video si vede che la lente viene anche testata... cavoli con quello che costa ci mancherebbe anche!!!!!?

Questo non toglie che questo è lo stesso procedimento usato da Leica per assemblare ogni obiettivo del sistema M dove ogni lente viene testata singolarmente e non si va a campioni (questo vuol dire non commercializzare ottiche al di sotto di certi standard qualitativi cosa che evidentemente succede con i vari Nikkor 17-35, Canon 24-105, 24-70, 100-400 solo per fare un paio di esempi).
Originariamente inviato da: ernest85
...
citi la plastica come fosse un materiale pessimo

Ernest vuoi davvero far credere che il nikkor 24-120 sia costruito meglio del 24-70, e che lo stesso vale per il 16-35 rispetto al 14-24 o al nikkor 17-35? E' chiaro che la plastica in questi casi sia utilizzata per risparmiare sul materiale.
Commento # 18 di: ernest85 pubblicato il 26 Giugno 2011, 19:09
Originariamente inviato da: tuttodigitale
Ernest vuoi davvero far credere che il nikkor 24-120 sia costruito meglio del 24-70, e che lo stesso vale per il 16-35 rispetto al 14-24 o al nikkor 17-35? E' chiaro che la plastica in questi casi sia utilizzata per risparmiare sul materiale.


Bhè di certo non sono fatti male, hai elencato SOLO lenti che costano dai 1000€ in su, solo lenti tropicalizzate, solo lenti pensate per uso intenso e professionale, è palese che il 24-120 sia più "fragile" del 24-70 ma perchè l'alta escursione non ha permesso di realizzarlo con escursione zoom interna altriment sarebbe stato ben più grande, pesante e costoso del 24-70, in ogni cosa bisogna saper raggiungere un compromesso, non puoi costruire un 24-120 vr f/4 allo scopo di fare una lente leggera e versatile se poi il risultato sono 2kg di plastica, vetro e lega di magnesio!
Il 16-35 non mi pare costruito peggio del 14-24 o del 17-35 anche se ovviamente prendendoli in mano la sensazione è diversa perchè i pesi sono diversi. Di sicuro trattandoli come obiettivi e non come bombe nessuno avrà problemi di resistenza, sono solidi!

Prendi in mano un 35-70 nikon è piccolo ma è fatto con tantissimo metallo, risultato... pesa tantissimo in relazione alle dimensioni, oltre 650 grammi per una lente grande 1/3 del 24-70... forse era meglio usare un po' di plastica...
Commento # 19 di: utentenonvalido pubblicato il 26 Giugno 2011, 22:46
Originariamente inviato da: tuttodigitale
soldi permettendo. L'ottica meno cara nel listino Leica te la porti via a 1490 euro (50mm f/2) un 50 mm f/1,4 asferico viene "solo" 2500 e 3000 sono richiesti per un 24mm f2.8.
La qualità è altissima, e ci mancherebbe, ma non tutti possono permettersi di spendere tali cifre e non penso che Leica voglia infangare il glorioso innesto M con "volgari" ottiche da supermercato (tra le quali appartengono con le dovute proporzioni anche i Nikkor gold ring e i Canon serie L).
Se sarà una M senza telemetro costerà sicuramente un botto (e non avrebbe senso risparmiare qualche "spicciolo" quando gli obiettivi in commercio sono tutti delle dream lens).


Quindi secondi te Leica è l'unico marchio professionale? Sei mai stato in uno studio fotografico professionale? Hai mai visto con che attrezzatura lavora un fotografo che esegue Still Life per multinazionali, reportage per giornali e riviste o servizi fotografici naturalistici? La maggior parte utilizzano attrezzatura di quei marchi che definisci da supermercato, a volte anche Sigma addirittura. Leica fà roba per collezionisti, non è di certo la maggiore qualità determina il prezzo di mercato. E' come se compri un'automobile interamente fatta a mano e a tiratura limitata, non è detto che andrà meglio di una "comune" Ferrari o Porshe. Non capisco poi come si possano definire da supermercato lenti come le Canon serie L o le Nikon gold ring. Un 35mm e un 50mm costano 1.500E ... io non le ho mai viste all'ipercoop. Se per supermercato ti riferisci al fatto che sono disponibili nella grande distribuzione allora va bene, ma non è di certo un difetto.
Commento # 20 di: ernest85 pubblicato il 26 Giugno 2011, 23:57
Originariamente inviato da: utentenonvalido
Quindi secondi te Leica è l'unico marchio professionale? Sei mai stato in uno studio fotografico professionale? Hai mai visto con che attrezzatura lavora un fotografo che esegue Still Life per multinazionali, reportage per giornali e riviste o servizi fotografici naturalistici? La maggior parte utilizzano attrezzatura di quei marchi che definisci da supermercato, a volte anche Sigma addirittura. Leica fà roba per collezionisti, non è di certo la maggiore qualità determina il prezzo di mercato. E' come se compri un'automobile interamente fatta a mano e a tiratura limitata, non è detto che andrà meglio di una "comune" Ferrari o Porshe. Non capisco poi come si possano definire da supermercato lenti come le Canon serie L o le Nikon gold ring. Un 35mm e un 50mm costano 1.500E ... io non le ho mai viste all'ipercoop. Se per supermercato ti riferisci al fatto che sono disponibili nella grande distribuzione allora va bene, ma non è di certo un difetto.


A me piace ricordare che nikon non fa distinzioni "cromatiche" sulle proprie lenti, il gold ring è una roba che vi siete inventati voi, in linea di massima TUTTE le ultime hanno la roba dorata e tutte quelle af-d o più vecchie ne sono prive, è una questione puramente di estetica non indica la qualità, ripeto il 18-55vr ha il "gold ring"!!!!!!!

Cmq per il resto hai ragione i professionisti usano o nikon o canon, in rari casi usano altri marchi e/o usano formati più grandi (hasselblad, phase one...), pochissimi usano leica, ma soprattutto perchè non produce nulla di versatile, ci sono fotografi matrimonialisti che usano leica M9, uno in particolare il cui nome mi sovviene (è famoso) ne ha 4-5 in modo da non dover cambiare lente, un mio compagno di università l'ha anche conosciuto, è un finlandese se non ricordo male. Ma è uno, e l'eccezione non fa altro che confermare la regola!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »