Leica M-D: niente video e live view, ma anche nessun display!

Leica M-D: niente video e live view, ma anche nessun display!

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Una mossa deliberatamente sfacciata quella di Leica, che non manca certamente di coraggio: la nuova Leica M-D non solo non offre registrazione video e live view, ma anche completamente priva di display”


Commenti (18)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cos da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: zyrquel pubblicato il 30 Aprile 2016, 13:28
Originariamente inviato da: the_joe
Ma davvero credi che sia impossibile fare le foto se non le riguardi tutte immediatamente allo schermo?????

quello è il chimping e non ha nulla a che vedere con l'utilità e la praticità di avere a disposizione uno schermo lcd che comunque si può disattivare in qualsiasi momento
Commento # 12 di: the_joe pubblicato il 30 Aprile 2016, 15:20
Originariamente inviato da: zyrquel
quello è il chimping e non ha nulla a che vedere con l'utilità e la praticità di avere a disposizione uno schermo lcd che comunque si può disattivare in qualsiasi momento


E cosa c'entra con la frase che ho quotato e a cui ho risposto?

Da come ha scritto raghnar sembra che senza guardare lo schermo Salgado faccia talmente tante foto sbagliate da dover avere un'intera squadra di persone solo per scartare quelle......La realtà è che comunque la squadra ce l'hanno tutti perché in una sessione scattano migliaia di foto che sarebbero impossibili da scegliere anche se fossero tutte buone.
Commento # 13 di: AleLinuxBSD pubblicato il 30 Aprile 2016, 16:08
Una totale assurdità, lato utente.
Lato marketing si nota come non esiste un limite verso il basso.
Commento # 14 di: genesi86 pubblicato il 30 Aprile 2016, 17:35
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Una totale assurdità, lato utente.
Lato marketing si nota come non esiste un limite verso il basso.


in verità il marketing lo vedo nelle macchine fotografiche che millantano ovunque schermi super risoluti, dove ormai si incominciano a vedere macchine che tolgono pulsanti e cursori meccanici per affidarsi al touch dello schermo, perchè ormai il mercato quello vuole.

pertanto, ora come ora, lo schermo è anzi la cosa più "marchettara" della fotografia moderna e non il contrario.

Tra l'altro un dispositivo meccanico di precisione, di quelli che non ti abbandona neanche dopo 20'anni, come è solito fare Leica sulle sue macchine, può tranquillamente costare più di uno schermo a colori ad alta risoluzione che nel B2B si acquista a 19$.
Commento # 15 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 01 Maggio 2016, 11:51
Originariamente inviato da: the_joe
Ma davvero credi che sia impossibile fare le foto se non le riguardi tutte immediatamente allo schermo?????


Guarda io scatto esclusivamente in full manual (anche il focus), e scatto massimo una dozzina di foto in una giornata, spesso di buona non ne esce manco una...
L'unica volta che ho veramente usato lo schermo e mi son messo a riguardare le foto, è quando ero sotto l'aurora che è abbastanza un casino da esporre, per il resto faccio fotografia per cui mi sarebbe inutile quindi non mi interessa.

Ma io non ho pretese Salgadistiche, perché lui in una giornata scatta migliaia di volte, e poi selezionano (gli altri) dopo, perché se dovesse selezionare lui passerebbe più tempo davanti al computer che dietro a un obiettivo, specialmente senza l'ausilio dello schermo in macchina per vedere immediatamente e autolimitarsi.

Francamente per come scatto io questa Leica la potrei pure prendere, sempre però che alla mancanza dello schermo corrisponda un bonus non indifferente in quanto a risparmio ("per premiare il vero Leicista la facciamo a "soli" 2500€ anziché 6000", invece ho come la sensazione che corrisponda un ricarico non indifferente per l' "esclusività" supposta e allora sticazzi, investo in una sbrilluccicante A7 con i bottoncini e i led ovunque, non li uso non li guardo e faccio fotografia uguale spendendo meno.

Al "less is more" ci credo fino a un certo punto e sono disciplinato a sufficienza per impormi il workflow che mi pare e piace nonostante i bottoncini, e senza guardare a ipotetici modelli che non hanno nulla a che spartire su come io faccio (o potrei permettermi di fare) fotografia. Non ho 15 anni...
Commento # 16 di: Cfranco pubblicato il 02 Maggio 2016, 09:56
Originariamente inviato da: genesi86
in verità il marketing lo vedo nelle macchine fotografiche che millantano ovunque schermi super risoluti, dove ormai si incominciano a vedere macchine che tolgono pulsanti e cursori meccanici per affidarsi al touch dello schermo, perchè ormai il mercato quello vuole.

pertanto, ora come ora, lo schermo è anzi la cosa più "marchettara" della fotografia moderna e non il contrario.

Il marketing è quello che ti fa pagare un oggetto più del suo valore intrinseco
Si può fare mettendo funzioni inutili spacciandole per "indispensabili" e facendotele pagare, ma indubbiamente il massimo del risultato è quando ti basta togliere delle funzionalità e metterci un bollino rosso per vendere una macchina fotografica a un prezzo esorbitante, si risparmia sulla produzione e si aumenta il prezzo giustificandolo con "l' esclusività".
In pratica il grande valore di queste macchine che ne giustifica il prezzo è il fatto che costano tanto e quindi chi le mostra esibisce le sue possibilità economiche e il suo snobismo
Commento # 17 di: genesi86 pubblicato il 02 Maggio 2016, 21:49
Originariamente inviato da: Cfranco
Il marketing è quello che ti fa pagare un oggetto più del suo valore intrinseco
Si può fare mettendo funzioni inutili spacciandole per "indispensabili" e facendotele pagare, ma indubbiamente il massimo del risultato è quando ti basta togliere delle funzionalità e metterci un bollino rosso per vendere una macchina fotografica a un prezzo esorbitante, si risparmia sulla produzione e si aumenta il prezzo giustificandolo con "l' esclusività".
In pratica il grande valore di queste macchine che ne giustifica il prezzo è il fatto che costano tanto e quindi chi le mostra esibisce le sue possibilità economiche e il suo snobismo


vabbè, qualunquismo italico un tanto al chilo
Commento # 18 di: Cfranco pubblicato il 03 Maggio 2016, 13:52
Originariamente inviato da: genesi86
vabbè, qualunquismo italico un tanto al chilo

Pensa che questo "qualunquismo italico un tanto al chilo" è il metodo insegnato dagli esperti di marketing e professori : https://www.francoangeli.it/Ricerca...o.aspx?ID=18405
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor