World Press Photo 2018: macchine utilizzate, marchi e curiosità

World Press Photo 2018: macchine utilizzate, marchi e curiosità

di Alessandro Bordin , pubblicato il

“Ecco un resoconto delle macchine fotografiche utilizzate dai vincitori del World Press Photo 2018, o almeno la maggior parte. Spicca l'utilizzo di reflex ma non mancano le sorprese, in base ad una raccolta di metadati. Si tratta di una curiosità che solitamente interessa agli appassionati”

Occorre una premessa importante, prima di scrivere anche una sola riga sull'argomento: i dati che riporteremo sono a titolo di curiosità, tenendo presente che una buona foto parte da un fotografo, ben prima che dal suo equipaggiamento. Detto questo, e lo ripeteremo, è sicuramente interessante l'articolo pubblicato da Photolari, che prende in esame molte delle foto premiate nel corso del World Press Photo 2018, con lo scopo di capire con quali fotocamere sono state scattate. Una curiosità, appunto, dalla quale sarebbe eccessivo trarre certezze universali.

Le fotografie premiate, nelle varie categorie, sono state 129, molte delle quali con metadati in chiaro. Qualcuno armato di pazienza, insomma, ha raccolto questi dati per farne un report, una consuetudine che è ormai quasi un appuntamento fisso dopo la pubblicazione degli scatti premiati del prestigioso contest di fotogiornalismo. La fonte indica in 97 gli scatti dotati di metadati leggibili, anche se approfondendo abbiamo notato che sono invece 96. Abbiamo rielaborato quindi percentuali, modelli e altro ancora per stilare una lista sulla base del campione indicato. Non ci dilungheremo molto, lasciando parlare i grafici che poi argomenteremo.

Scatti per marchio

Fra le foto premiate e di cui si dispone di metadati spicca su tutti il marchio Nikon con 50 scatti su 96. A seguire troviamo Canon con 29 scatti. Da Notare come Nikon (52,8%) e Canon (30,21%) siano i brand che messi assieme costituiscono l'82,9% del totale. A seguire troviamo Sony e Fujifilm, ognuno con il 5,21%, poi Leica (3,13%), DJI e Pentax (2,08% per entrambe). La prima sorpresa è vedere DJI fra i colossi della fotografia, ma è indubbio che i droni siano ormai entrati a far parte del settore in maniera del tutto fissa. Vedremo più avanti di che modello si tratta.

Fotocamere utilizzate

Marchio

Modelli

Nikon D5 (11) - D810 (11) - D800E (7) - D4s (6) - D4 (4)
D700 (6) - D4 (4) - D500 (1) - D800 (1) - D850 (1) - Df (2)
   
Canon 5D Mk III (11) - 5D Mk IV (7) - 5D Mk II (5)  - EOS 6D (4)
EOS 1DX Mk II (2) 
   
Sony A7R II (4) - Sony A6000 (1)
   
Fujifilm X100S (3) - X-T1 (2)
   
Leica M10 (2) - SL (1)
   
DJI Zenmuse X5 (2)
   
Pentax 645Z (2)

Per certi versi questa è una delle curiosità più intriganti, che ci permette di capire con quali apparecchi i professionisti siano soliti lavorare nell'ambito di un mestiere come il fotogiornalismo, sempre in riferimento al piccolo campione costituito dai premiati del World Press Photo 2018. Molto interessante notare come vi sia una gamma di apparecchi molto eterogenea, a riprova di come la fotografia non sia una scienza esatta basata sulla tecnica ma molto più sulla sensibilità del fotografo, che di volta in volta può trovarsi a suo agio più con uno strumento che con l'altro, con il quale invece un professionista altrettanto bravo si cimenta.

Un filone conduttore ovviamente c'è, perché come si nota nella maggior parte dei casi si tratta di reflex full frame, alcune delle quali top di gamma e dall'elevata cadenza di scatto. E' il caso delle Nikon D5/D4/D4s, che da sole hanno fornito 21 degli scatti premiati (la foto che ha vinto, di Ronaldo Schemidt, è stata fatta con la Nikon D4s) . Ma anche in casa Canon si viaggia sulle full frame di rango, come testimoniano gli 11 scatti effettuati con la EOS 5D Mk III.

Ecco però apparire qualcosa che agli occhi di molti appassionati può sembrare strano: fotocamere come la Nikon D700 o la EOS 5D Mk.II sono state prodotte dal 2008 al 2012, e da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. Tendiamo spesso a considerare alcuni modelli sicuramente gloriosi, ma superati dalle odierne tecnologie. Cosa che sulla carta è vera, ma la tabella dimostra come a molti professionisti la cosa non interessi affatto. Erano e rimangono fotocamere ottime, a prescindere dalla bassa cadenza o dal basso numero di Mpixel.

Si noti poi come appaia fra i modelli Nikon anche la poco diffusa Df, la full frame in stile retrò che nemmeno fa i video, caratteristica per la quale venne letteralmente massacrata di critiche. Ma sicuramente da citare è la presenza sia di una compatta, per quanto di rango (Fujifilm X100s), sia del gimbal/corpo macchina micro Quattro Terzi DJI Zenmuse X5. Ci si trova anche la medio formato reflex Pentax 645Z, forse quella del lotto con la più bassa cadenza di scatto (3 fps). Ben rappresentata è anche Sony con le proprie mirrorless full frame di rango A7R, ma anche dalla APS-C A6000. Insomma, c'è un po' di tutto al collo o sopra le teste dei fotografi premiati.

Per tipologia

Apriamo una parentesi anche sulla tipologia di macchine, pur avendone fatto accenno brevemente in precedenza. Si può notare come una percentuale veramente elevata sia costituita da apparecchi reflex, ovvero l'84,3%. Seguono gli apparecchi mirrorless al 12,6%, concludendo con un 5,2% in mano alle compatte ma si tratta dei 2 scatti su 96 premiati ed eseguiti con la Fujifilm X100s. Insomma, sempre in base a questo piccolo campione il settore mirrrorless sembra tutto sommato ancora poco utilizzato dai professionisti che hanno partecipato al contest. In quel 12,6%, inoltre, ricadono anche i 3 scatti fatti con DJI Zenmuse X5, quindi non una fotocamera tradizionale, facendo scendere ulteriormente la percentuale al 9,4% se si decide di escluderle dal computo.

Nessun dubbio però che le mirrorless classiche (e non volanti...) utilizzate sono di elevato rango: fatta eccezione per la pur ottima Sony A6000, ricadono nella categoria le Sony A7R II, Fujifilm XT-1, nonché Leica M10 e SL. Insomma, una percentuale di penetrazione bassa in generale, ma con modelli universalmente ritenuti eccellenti.

*  *  *

Molti degli scatti premiati sono eccezionali. Riproponiamo la galleria fotografica ripensando anche a quanto letto in questo articolo, con la consapevolezza che l'equipaggiamento può essere importante, a volte fondamentale, ma su tutto vince la professionalità del fotografo. Se è fuor di dubbio che un martin pescatore in picchiata a 50 metri di distanza non lo si può fotografare col telefono (equipaggiamento fondamentale), nella maggior parte dei casi sono ben altri i parametri a rendere uno scatto unico e memorabile. Essere al posto giusto al momento giusto, scegliere l'inquadratura, avere sensibilità fotografica sono tutte competenze che richiedono anni per essere affinate e il click non è che l'ultimo passo di un percorso molto articolato e personale.


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 30 Aprile 2018, 16:19
Avrei detto il contrario sulle prime due della lista.. pensavo Canon fosse la più diffusa.

PS.
La foto del ragazzo incendiato è veramente impressionante.
Commento # 2 di: ERRYNOS pubblicato il 30 Aprile 2018, 17:10
Quante foto dell'ammiraglia D5 a premio, della controparte Canon solo una..avrei pensato il contrario!
Commento # 3 di: majerle pubblicato il 30 Aprile 2018, 17:18
scusate la domanda da ignorante di fotografia ...

osservando molti di queste foto noto che spessissimo i colori sono veramente accessi quasi innaturali.

volevo chiedervi se c'e' dietro del post processing o sono foto naturali, non ritoccate.

se non sono ritoccate immagino che dietro ci sia un gran lavoro di impostazione della macchina fotografica da parte del fotografo..

grazie e scusate ancora

BHH
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 30 Aprile 2018, 17:40
Originariamente inviato da: majerle
scusate la domanda da ignorante di fotografia ...

osservando molti di queste foto noto che spessissimo i colori sono veramente accessi quasi innaturali.

volevo chiedervi se c'e' dietro del post processing o sono foto naturali, non ritoccate.

se non sono ritoccate immagino che dietro ci sia un gran lavoro di impostazione della macchina fotografica da parte del fotografo..

grazie e scusate ancora

BHH


No no sono tutte regolate in post processing.
Il fotografo quando fa le foto scatta sempre in RAW che è un formato di dati grezzo, diciamo un "negativo digitale" che contiene moltissime informazioni e che consente poi su pc enormi possibilità di aggiustamento e regolazione.
Con una RAW puoi recuperare perfettamente anche foto completamente sballate (sovraesposte o scurissime ad esempio).
Roba che con la pellicola non era neanche immaginabile.

NOTA: occhio che ho parlato di REGOLAZIONE dei parametri per aggiustare colori, esposizione e via dicendo.. Che NON VUOL DIRE alterazione della foto come ad esempio la rimozione di elementi dalla scena.
Commento # 5 di: roccia1234 pubblicato il 30 Aprile 2018, 19:08
Originariamente inviato da: majerle
scusate la domanda da ignorante di fotografia ...

osservando molti di queste foto noto che spessissimo i colori sono veramente accessi quasi innaturali.

volevo chiedervi se c'e' dietro del post processing o sono foto naturali, non ritoccate.

se non sono ritoccate immagino che dietro ci sia un gran lavoro di impostazione della macchina fotografica da parte del fotografo..

grazie e scusate ancora

BHH


C'è dietro post processing, a livello di regolazione colori/apertura ombre/chiusura alte luci, ecc ecc.
In alcune, secondo la mia modesta opinione, nemmeno fatto così bene.
Commento # 6 di: majerle pubblicato il 01 Maggio 2018, 09:32
Grazie mille a tutti

personalmente, e ripeto personalmente parlando, le foto cosi' rielaborate diventano anche forme d'arte visive e non "solo" documentazione di fatti.

BHH
Commento # 7 di: demon77 pubblicato il 01 Maggio 2018, 17:54
Originariamente inviato da: majerle
Grazie mille a tutti

personalmente, e ripeto personalmente parlando, le foto cosi' rielaborate diventano anche forme d'arte visive e non "solo" documentazione di fatti.

BHH


in effetti il confine non è proprio una linea netta..
BenQ Monitor