Rivoluzione Lightroom: ora è cloud-based, affiancato da Lightroom Classic

Rivoluzione Lightroom: ora è cloud-based, affiancato da Lightroom Classic

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Adobe rivoluziona Lightroom, che diventa un servizio cloud-based indipendente dalla piattaforma. Il vecchio Lightroom CC diventa "Classic", e le licenze perpetue si avviano alla definitiva scomparsa. Ecco la nostra anteprima”

Adobe annuncia oggi importanti novità per i fotografi. In particolare, è Lightroom a subire i cambiamenti più radicali, ma novità minori riguardano anche Photoshop CC e i piani di abbonamento.

Innanzitutto, nasce un nuovo prodotto: Lightroom CC. No, non siamo impazziti. Ciò che in precedenza era noto con il nome in codice Project Nimbus, ora debutta con il nome ufficiale di Lightroom CC, ripartendo dalla versione 1.0. Si tratta di un prodotto totalmente cloud-based, con tre App molto simili per desktop, mobile e web, che renderanno l'esperienza d'uso sostanzialmente indipendente dalla piattaforma.

Il "vecchio" Lightroom CC continuerà ad esistere e ad essere aggiornato, ma si chiamerà d'ora in poi Lightroom Classic CC, e proseguirà lo sviluppo dalla versione 7.0 (Camera RAW 10.0). Come l'applicazione che già conosciamo, seguiterà a essere un programma desktop basato su file e cartelle locali.

Abbiamo avuto la possibilità di sperimentare i nuovi prodotti per un breve periodo prima dell'odierno rilascio ufficiale, ed ecco le impressioni che ne abbiamo ricavato, iniziando ovviamente dalla novità principale.


Fig. 1. Ecco come si presenta Lightroom CC: messi al bando Moduli e invadenti pannelli laterali, il nuovo nato somiglia più a Lightroom Mobile che al suo predecessore, ma la potenza di elaborazione è rimasta sostanzialmente invariata.

Seppur basato sulla nota piattaforma Camera RAW, e seppur ne condivida dunque strumenti e potenzialità, Lightroom CC è un prodotto nuovo, e si presenta con un'interfaccia completamente rinnovata. Il fatto che sia stato progettato per garantire un'esperienza coerente su più dispositivi, compresi smartphone e tablet, è molto evidente, e ha portato a una drastica semplificazione dei comandi.

Il primo impatto è, in effetti, francamente sconcertante: una griglia di foto senza bordi e senza nessuna informazione, nessun Modulo… Dove sono gli strumenti di sviluppo?!? Dopo il primo istante di panico, però si realizza che la maggioranza degli strumenti (e, tra questi, tutti i fondamentali) continua a essere presente. Semplicemente si trova in posizione più defilata.


Fig. 2. Le proprie immagini sono accessibili dalla colonna di sinistra, esclusivamente tramite Album (ex Raccolte). In basso gli strumenti di navigazione e classificazione, mentre nell'angolo superiore destro si trovano le funzioni Cloud: controllo spazio rimasto, download e condivisione dell'immagine selezionata.

Il passaggio non è comunque del tutto indolore, dato che alcune funzioni sono effettivamente state sacrificate. Con il Modulo Libreria è ad esempio scomparsa la possibilità di navigare per cartelle, soluzione che, per chi è solito organizzare le sue foto su disco, rimane banalmente la migliore.

Lightroom CC si basa ora unicamente sui cosiddetti Album, accessibili dalla colonna di sinistra, che poi non sono altro se non le vecchie Raccolte (perché cambiare anche i nomi degli oggetti?!?). Chi aggiorna dalla versione precedente troverà tutte le sue Raccolte convertite, oltre ad alcuni strumenti elementari di ricerca per data / aggiunte di recente. Si tratta, a nostro avviso, di una soluzione riduttiva che, come a volte accade nel tentativo di semplificare, sortisce purtroppo l'effetto opposto.


Fig. 3. Gli strumenti di sviluppo veri e propri si trovano ora nell'area Modifica (E). Alcuni comandi (Ritaglio, Pennello correttivo, Pennello di regolazione e Gradienti, che ora si chiamano Sfumature) sono direttamente accessibili dalla colonna di destra, un po' come accade nell'interfaccia a singola finestra di Camera RAW. L'area Provino, in basso, può essere attivata o disattivata a piacere.

Nella parte inferiore della finestra di lavoro si trovano gli strumenti di visualizzazione e classificazione (compresi info immagine e Tag), oltre agli strumenti di zoom e revisione che si sono fatti anch'essi più elementari: non è più possibile scegliere un ingrandimento personalizzato (ad esempio 1:2 o 1:3), e il confronto si riduce ora a un semplice Mostra originale (per chi conosce Lightroom: "\"). Niente più visualizzazione spezzate o affiancate prima/dopo, il che è un vero peccato.

Nella colonna di destra, si trovano infine gli strumenti di sviluppo veri e propri. La selezione è in questo caso completa, anche se, come si può vedere dalle schermate in queste pagine, i Pannelli sono stati pesantemente riorganizzati. Per fare qualche esempio, "Base" si chiama ora "Luce", e non include più né gli strumenti di bilanciamento del bianco (che si trovano nel Pannello "Colore") né Chiarezza, separata da Contrasto e raggruppata con Rimozione foschia e Vignettatura nel pannello Effetti.


Fig. 4. Tutti i Pannelli principali del nuovo Lightroom CC.

La riorganizzazione rispetta oggettivamente una logica chiara e comprensibile. A volte, da utenti di Lightroom Classic, abbiamo però avuto la sgradevole sensazione di involuzione, di programma che si muove in una direzione sbagliata.  

Parliamo di dettagli, a volte persino di sole sensazioni. Ad esempio, per alcuni strumenti complessi come Nitidezza, comprendiamo l'opportunità di nascondere i cursori di controllo (Raggio, Dettagli e Mascheratura), che pochi utenti utilizzano realmente. Che, però, anche l'istogramma sia nascosto per default, ci pare eccessivo… Perché, poi, Chiarezza, che è a tutti gli effetti una regolazione di contrasto, è stata separata dal cursore Contrasto per entrare a far parte degli effetti speciali al pari di Vignettatura? Giusto forse desumere che, secondo Adobe, l'utente tipo di Lightroom non conosca la funzione di Chiarezza e la consideri un mero effetto speciale?


Fig. 5. Nel nuovo Lightroom CC, gli strumenti di sviluppo della piattaforma Camera RAW sono tutti disponibili. Alcuni, però, occupano una posizione defilata e non immediatamente raggiungibile, in favore di un utilizzo più "light" e automatico del programma.  

Passando all'importante "questione Cloud", che siamo certi porrà diversi interrogativi, il primo aspetto da sottolineare è che Lightroom CC effettua per default il backup automatico di tutte le foto su cloud, a piena risoluzione. Questo significa avere una copia di sicurezza sui server Adobe, nonché la possibilità di accedere alle proprie foto da qualunque macchina connessa in rete.

Significa anche poter effettuare ricerche online basate sulla tecnologia Sensei, che – con buon successo, dobbiamo dire – individua ed estrapola parole chiave senza che queste siano mai state manualmente associate all'immagine.


Fig. 6. L'interfaccia web di Lightroom CC che, come si vede, è molto simile a quella dll'applicazione desktop. Visibile nella schermata il risultato di una ricerca basata su tecnologia Sensei – la parola chiave ricercata non è stata precedentemente associata ad alcuna immagine.

Lo spazio su disco viene gestito tramite la scheda Preferenze. È possibile assegnare una quota disco a Lightroom CC, che si limiterà a quella quota per il download in locale dei file da elaborare; in alternativa, è possibile memorizzare tutti i file localmente, o selezionare singolarmente le foto di cui si desidera conservare una copia locale. Non è però possibile sincronizzare solo alcuni file (Lightroom sincronizza automaticamente tutte le foto), né creare Cataloghi multipli (un solo Catalogo può essere associato a ciascun Adobe ID).

Per quanto riguarda lo spazio disponibile, Adobe prevede due piani dedicati alla fotografia. Il primo è un'evoluzione dell'attuale, e comprende Lightroom CC, Lightroom Classic CC e Photoshop CC, oltre a 20 GB di storage, al prezzo di $9,99/mese (prezzi in Euro ancora da definire, ma non si attendono variazioni rispetto agli attuali). Per 10 dollari in più è possibile portare lo storage a 1 TB. Il secondo piano, inedito, prevede il solo Lightroom CC e 1 TB di storage, sempre a $9,99/mese.   


Fig. 7. Tutte le foto risiedono in cloud e vengono per default scaricate localmente solo in fase di elaborazione. È comunque possibile, a richiesta, memorizzare localmente alcune o tutte le foto.

Gli utenti dell'attuale piano fotografia vedranno convertito il proprio abbonamento nel primo dei due piani sopra citati. Avranno quindi a disposizione il nuovo Lightroom CC come applicazione aggiuntiva, senza sovrapprezzo. Se lo vorranno, potranno convertire il proprio abbonamento al secondo piano, allo stesso prezzo.   

Al termine dell'abbonamento, nel caso di Lightroom Classic verrà disabilitato il modulo Sviluppo, ma le foto rimarranno disponibili e sarà possibile continuare a gestire ed esportare quelle precedentemente sviluppate (nessuna variazione rispetto alla situazione attuale). Nel caso di Lightroom CC, le foto in cloud rimarranno disponibili al download per 1 anno a partire dalla scadenza dell'abbonamento.  

Per quanto riguarda Lightroom Classic CC, evoluzione del precedente Lightroom CC, le novità sono comprensibilmente minori, e concentrare soprattutto sul fronte prestazioni. È stata visibilmente velocizzata la generazione di Preview dopo l'importazione, così come il passaggio da Libreria a Sviluppo, nonché la reattività dei Pennelli di regolazione. Complessivamente, si ha l'impressione di avere tra le mani un programma più snello e rapido nella risposta ai comandi.



Fig. 8. In alto: selezione grossolana con il classico Pennello di regolazione. In basso: Affinamento automatico ottenuto grazie alla nuova funzione Maschera intervallo.

È stata comunque aggiunta l'interessante funzione Maschera intervallo, già precedentemente anticipata e relativa ai Pennelli di regolazione, che basandosi su informazioni cromatiche e di luminanza facilita molto la selezione di aree difficili. In pratica, è possibile effettuare una grossolana selezione di massima e affinare poi la selezione con Maschera intervallo.

Per quanto riguarda, infine, Photoshop CC, oltre a un potenziato sistema di tooltip completato da nuove guide in-app, le novità principali riguardano ancora i Pennelli, in particolare con l'introduzione dell'interessante funzione Smoothing che migliora la fluidità dei tracciati a mano libera. È ora possibile accedere alle foto di Lightroom dalla schermata Home, gestire panorami a 360°, copiare e incollare livelli, e anche in questo caso sono state migliorate leggermente le prestazioni, con particolare riferimento ad alcuni filtri "pesanti".  


Fig. 9. La funzione Smoothing di Photoshop CC.

Tirando le somme, possiamo dire di essere sicuramente di fronte a un cambiamento significativo della piattaforma Adobe dedicata alla fotografia. Un cambiamento positivo, dato che gli utenti attuali avranno semplicemente a disposizione un'ulteriore e interessantissima applicazione Cloud, maggiormente votata alla condivisione.

Siamo viceversa scettici sull'opportunità, per gli utenti storici di quello che ora si chiama Lightroom Classic CC, di convertire il loro abbonamento al solo Lightroom CC – pur offrendo quest'ultimo tutti gli strumenti di sviluppo della piattaforma Camera RAW, infatti, riteniamo che il suo approccio semplificato possa essere mal digerito dagli utenti più avanzati.  

In tutto ciò, riteniamo un vero peccato la definitiva scomparsa di Lightroom stand-alone. Lightroom 6 sarà infatti l'ultimo acquistabile al di fuori di un piano di abbonamento. Non solo: Adobe ha deciso di impedire ogni eventuale corsa all'acquisto di Lightroom 6, annunciando che il prodotto non verrà più aggiornato (nemmeno per quanto riguarda il supporto a nuove fotocamere) oltre il 31 dicembre 2017. Questa è, per inciso, una decisione estremamente penalizzante nei confronti degli utenti, che speriamo Adobe vorrà rivedere.

Articoli correlati

GUIDA LIGHTROOM CC PARTE 3b - Gli strumenti di sviluppo essenziali

GUIDA LIGHTROOM CC PARTE 3b - Gli strumenti di sviluppo essenziali

Guida pratica al più noto e diffuso software di sviluppo e gestione dei file RAW: Adobe Lightroom. Conclusione della terza lezione, dedicata al cuore del programma: in questa puntata il modulo Sviluppo e la seconda metà degli strumenti "indispensabili" dei pannelli Base e Dettagli.


Commenti (47)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Rubberick pubblicato il 18 Ottobre 2017, 16:03
Che orrore con tutta sta roba cloud -_-

Fanno bene quelli di Davinci Resolve a fare le comparative..

In realtà non è che sia davvero necessario aggiornare lightroom basta fare tutto in dng.. praticamente lightroom 6 rimane l'ultimo vero lightroom
Commento # 2 di: tormento79 pubblicato il 18 Ottobre 2017, 18:40
sconcertante è la parola giusta
e le esportazioni? e le filigrane? Stampe ?
siamo alle barzellette
Commento # 3 di: schwalbe pubblicato il 18 Ottobre 2017, 18:46
A me fa schifo ste licenze in abbonamento. 10 euro di qua, 10 di la, 5 di sotto, 15 di sopra, ... finiscono per fare un mucchio di soldi senza possedere mai niente.
Neanche un vecchio software funzionante ti rimane...
Commento # 4 di: DarthFeder pubblicato il 18 Ottobre 2017, 19:16
Mi accodo ai delusi, la notizia cade a pennello: proprio in questi giorni sto migrando la mia libreria da Lightroom 6.3 (no, della suite CC non ne voglio nemmeno sentir parlare, non saprei che farmene) a Capture One 10 Pro, che oltre ad essere più economico (65€ per i possessori di macchine Sony! ) a pelle mi sembra anche sensibilmente più leggero, più veloce e più versatile.
Le funzioni di stampa lasciano a desiderare, ma in qualche modo farò...
Addio Lightroom, è stato bello finché è durato!
Commento # 5 di: sarevok1978 pubblicato il 18 Ottobre 2017, 20:00
"Con il Modulo Libreria è ad esempio scomparsa la possibilità di navigare per cartelle, soluzione che, per chi è solito organizzare le sue foto su disco, rimane banalmente la migliore."

stiamo scherzando???
Commento # 6 di: Notturnia pubblicato il 18 Ottobre 2017, 22:59
Sparite le cartelle ?.. mi sa che torno al programma gratuito di Canon.. peccato per "foschia" e altri comandi di Lightroom ma cloud non se ne parla
Commento # 7 di: TheMash pubblicato il 19 Ottobre 2017, 01:03
Ho aggiornato a LR 7/CC Classic e la navigazione per cartelle nella modalità libreria ci sono tutte.
Commento # 8 di: Marko#88 pubblicato il 19 Ottobre 2017, 07:56
Originariamente inviato da: DarthFeder
Mi accodo ai delusi, la notizia cade a pennello: proprio in questi giorni sto migrando la mia libreria da Lightroom 6.3 (no, della suite CC non ne voglio nemmeno sentir parlare, non saprei che farmene) a Capture One 10 Pro, che oltre ad essere più economico (65€ per i possessori di macchine Sony! ) a pelle mi sembra anche sensibilmente più leggero, più veloce e più versatile.
Le funzioni di stampa lasciano a desiderare, ma in qualche modo farò...
Addio Lightroom, è stato bello finché è durato!


Però CO ha un'interfaccia secondo me un po' troppo confusionaria. Sarà sicuramente questione di abitudine però quando l'ho provato mi è sembrato un po' macchinoso.

Concordo comunque che tutta questa esemplificazione non serva a nulla a chi veramente usava LR...ma andiamo verso il mondo "mobile" e capisco la volontà di realizzare software in quella direzione. Peccato, mi terrò la mia versione da nonno e ci penserò quando comprerò un corpo macchina non supportato. Per ora vivo sereno e sta cosa con interfaccia per minorati la lascio ad altri
Commento # 9 di: a.debernardi pubblicato il 19 Ottobre 2017, 08:26
Originariamente inviato da: TheMash
Ho aggiornato a LR 7/CC Classic e la navigazione per cartelle nella modalità libreria ci sono tutte.


Da questo e altri commenti temo di non essere stato chiaro, quindi preciso meglio.
La prima parte si riferisce al nuovo Lightroom CC (quello che in precedenza non esisteva). Solo lui ha una nuova interfaccia!

Lightroom CC Classic è del tutto equivalente al vecchio Lightroom CC, non è cambiato nulla.

Per questo in conclusione ho giudicato la novità come positiva: chi, come me, ha l'abbonamento fotografia, si ritrova Lightroom CC Classic E un nuovo Lightroom che può anche decidere di non usare. In ogni caso, i due pacchetti sono utilizzabili contemporaneamente.
Commento # 10 di: gianluca.f pubblicato il 19 Ottobre 2017, 08:58
Originariamente inviato da: sarevok1978
"Con il Modulo Libreria è ad esempio scomparsa la possibilità di navigare per cartelle, soluzione che, per chi è solito organizzare le sue foto su disco, rimane banalmente la migliore."

stiamo scherzando???


Questa idea di eliminare le cartelle è malsana, dividere per gestire non è solo un retaggio delle epoche passate ma è un esigenza.
Si vuole mascherare la struttura a cartelle per usare solo i tag che sono sicuramente utili ma spesso insufficienti.
Lo stanno facendo, secondo me, solo perchè Android come Linux ha una struttura cartelle che fa paura.
Al di la di questo la nuova interfaccia sembra molto bella e pulita. speriamo anche veloce.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor