PMA 2009: la crisi come occasione?

PMA 2009: la crisi come occasione?

di Matteo Cervo , Roberto Colombo , pubblicato il

“Mancando dal palcoscenico novità eclatanti da parte dei grandi marchi della fotografia il PMA 2009 ha messo in luce tutto il sottobosco di produttori di accessori, riscoprendo in parte quella filosofia di scatto che era tipica dei tempi della pellicola. Ecco tutte le novità nel nostro report dalla fiera staunitense”

Articoli correlati

Photoshow 2008: Ecco la fotografia in Italia

Photoshow 2008: Ecco la fotografia in Italia

Il Photoshow è la vetrina italiana del mondo della fotografia, tradizionale e digitale. I prodotti di punta hanno già visto la presentazione ufficiale nei mesi precedenti a livello mondiale, ma la fiera offre sempre un chiaro polso dello stato di salute del settore. Ampia la partecipazione di pubblico, dagli addetti ai lavori ai semplici appassionati
PMA 2008 Las Vegas: le nostre conclusioni

PMA 2008 Las Vegas: le nostre conclusioni

Ecco le nostre impressioni finali sul PMA 2008, fiera internazionale della fotografia, tenutasi a Las Vegas. Reflex, compatte, stampa, servizi: le novità si sono susseguite ad ampio spettro. Non mancano annunci di prodotto di grande importanza per gli equilibri futuri, soprattutto del segmento professionale


Commenti (17)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 11 di: Gargor pubblicato il 11 Marzo 2009, 14:09
Ma è possibile che alla Olympus si siano scordati di fare lenti per 4:3?
Io ho già un'ottimo corredo, ma ho colleghi che aspettano qualche zoom di qualità senza spendere troppo, che sò un 250-500mm swd f3,5-6.
Sto valutando di prendere il 14-35 f2 e vendere il 12-60 f2,8-4 ma è un tuttofare ottimo sto 12-60 ci perderei molto in verasatilità, ma guadagnerei qualcosa in qualità...mmmche fare? Speravo in qualche nuova lente 4:3 ma x ora il micro 4:3 tiene banco.
Commento # 12 di: TellaspallaBob pubblicato il 12 Marzo 2009, 12:24
Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Con 10/12 Mpix su aps-c e 20-24 su FF si sono raggiunti i limti dell' attuale tecnologia con filtro Bayer , spingersi oltre vuol dire avere incrementi di dettaglio ridicoli ma di contro avere un sensibile aumento del rumore.
Uno che di fotografia ci capisce sa benissimo che i soldi spesi in corpi macchina sono soldi spesi male , al contrario invece l' investimento in ottiche è piu' sensato , utile alla riuscita finale della fotografia nonchè durevole nel tempo.


Ciao, premesso che sono solo un amatore, comincio con il dire che quoto quanto da te detto, anche se a mio parere è più giusto dire oggi dire che i soldi per i corpi macchina sono buttati o quasi.
Certo che per me che amo le foto in teatro con luce naturale, avere una D300 sarebbe un sogno. La mia D80 dopo gli 800 ISO è inutilizzabile.
STRAQUOTO che la foto passa per la bontà delle lenti.
Sul limite delle tecnologie, beh noi che frequentiamo siti di tecnologia ricordiamo i vari limiti che si dicevano sulle capacità di miniaturizzazione, di storage etc. Si diceva pure che il limite fisico di immersione in apnea per un essere umano erano 50 metri e che le moto non potevano piegare oltre i 45°.


Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Il cambio del sensore è tutto fuorchè qualcosa di banale e la macchina va ricalibrata come piano focale per evitare misfocusing , l' idea potrebbe essere interessante ma di difficilissima applicazione.

Si potrebbero usare degli slot abbinati a dei contenitori per i sensori, tipo i vecchi CADDY che li terrebbero al sicuroi fino all'atto dell'innesto nel corpo macchina assicurandone anche il facile e corretto inserimento.
Sul fato del misfocusing, siamo andati avanti per decenni con le pellicole che di certo non garantivano un piano focale perfetto, tant'è che con le digitali sono saltati fuori i vari problemi di Front\Back Focus e le case costruttrici hanno dovuto inserire nei corpi macchina dati di compensazione per le varie ottiche (parlo di modelli dalla D200 in su).

Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Le pro hanno tutte 2 slot e puoi configurare la scrittura come ti pare , sia in mirroring che in striping ma con CF ed SD decenti è ben difficile perdere il lavoro con CF in macchina.

Sul tipo di configurazione non so, ma non sono deltutto certo che le Nikon permettano oltre il RAID1 e non so se del tipo RAW su entrambe le schede.
Comunque avere #n schede dove fare un RAID0 per chi necessita di scatti rapidi in RAW non sarebbe male anche su modelli non PRO.

Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Meglio il live view con ingrandimento 5x o 10X che stare a smanettare con schermi di MAF , poi ormai gli schermi di MAf intercambiabili ci sono gia' anche in fascia amatoriale avanzata (serie XXD Canon)


Uhmm anche sul sito Nital c'è un articolo dove si dimostra che uno Stigmometro rende meglio di qualunque loro sistema di AF (parlo di condizioni critiche).
Sulla facilita' di intercambio, oggi, almeno sulle Nikon, non è proprio così semplice, almeno sulla D80 e non vorrei sentir dire che è una entry, perché quando uscì costava 900€ = 1.800.000Lire. La F90 che da tutti era riconosciuta come modello avanzato costava, in paragone, meno.


Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Difficile stabilire cosa sia utile , io prefersco lavorare in RAW e sviluppare a casa ma c'è tanta gente che ha bisogno di JPG pronti in macchina quindi (seppur non essendone un grande utilizzatore) i picture style non li vedo cosi' inutili.

Sarò un fan, ma se opti per una Reflex e non lavori in RAW per me c'è qualcosa che non va. Capisco se stai a corto di schede e ti serve da scattare per forza.
Di tutti i possessori di reflex che conosco, nessuno sa cosa ci sia nel menù degli effetti sulle foto.
Commento # 13 di: (IH)Patriota pubblicato il 12 Marzo 2009, 12:55
Originariamente inviato da: TellaspallaBob
Sul limite delle tecnologie, beh noi che frequentiamo siti di tecnologia ricordiamo i vari limiti che si dicevano sulle capacità di miniaturizzazione, di storage etc.


Io parlo precisamente del sensore che usiamo oggi con filtro Bayer che di fatto oltre certe densita' non produce una maggior quantita' di dettaglio ma solo un problema rumore da gestire.
Cambiando tecnologia (foveon , chisachecosaon etcc..) tutto è possibile.

Sul fato del misfocusing, siamo andati avanti per decenni con le pellicole che di certo non garantivano un piano focale perfetto, tant'è che con le digitali sono saltati fuori i vari problemi di Front\Back Focus e le case costruttrici hanno dovuto inserire nei corpi macchina dati di compensazione per le varie ottiche (parlo di modelli dalla D200 in su).


Credo che alla fine tra solt in , e sistemi per tararsi i vetri il gioco non valga piu' la candela dal punto di vista economico , si cambia corpo e pace.

Sul tipo di configurazione non so, ma non sono deltutto certo che le Nikon permettano oltre il RAID1 e non so se del tipo RAW su entrambe le schede.


Nikon non la conosco bene , sulle 1D di Canon hai diverse opzioni (anche splittare RAW su una scheda e JPG sull'altra)

Uhmm anche sul sito Nital c'è un articolo dove si dimostra che uno Stigmometro rende meglio di qualunque loro sistema di AF (parlo di condizioni critiche).


Sicuramente un sistema ottico in bassissima luce lavora meglio (o meglio l' autofocus non lavora affatto) ma di fatto con la 1D3 ho fatto interi reportage a 6400ISO con l' 85mm usato ad F1.2 (giusto per far capire quanta luce non c'era) , in condizioni di luce un Af è normalmente piu' veloce e piu' preciso pero' della MAF a mano.

Sulla facilita' di intercambio, oggi, almeno sulle Nikon, non è proprio così semplice


Come detto non conosco bene il mondo nikon ma in Canon per cambiare lo schermo di messa a fuoco bastano 30 secondi.

Sarò un fan, ma se opti per una Reflex e non lavori in RAW per me c'è qualcosa che non va. Capisco se stai a corto di schede e ti serve da scattare per forza.


C'è chi va in stampa direttamente dopo aver scattato (manifestazioni sportive tipo saggi di danza etc.) e non puo' certo passare per il RAW con 800/1000 scatti all' ora con molto da stampare cosi' come chi lavora per le agenzie che invia le foto qualndo ancora gli eventi sportivi sono in svolgimento (il primo che arriva vende a prescindere dalla qualita' , aggiungo ahime').

Non è una questione di scelta ma di necessita'

Ciauz
Pat
Commento # 14 di: TellaspallaBob pubblicato il 12 Marzo 2009, 13:25
Da alcune tue affermazioni capisco che sei un professionista (un 85mm f1.2, o sei un professionista o uno veramente bravo o un pazzo), quindi il tuo post per me è anche un buon punto di informazione.

Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Io parlo precisamente del sensore che usiamo oggi con filtro Bayer che di fatto oltre certe densita' non produce una maggior quantita' di dettaglio ma solo un problema rumore da gestire.
Cambiando tecnologia (foveon , chisachecosaon etcc..) tutto è possibile.

Quindi non hai una super canon da 24Mpix?
Cmq hai detto una cosa santa, ho visto la prova della ultima Sony da 24Mpix (non vorrei dire un'eresia ma fornisce i sensori alla Nikon, ho dei dubbi sui modelli D300-D3-D700) e già dopo i 400 ISO è orrendo, mentre la D300 ha una nitidezza impressionante anche a 1600 e ottima a 3200.

Per il resto sono solo mie idee e sono convinto che prima o poi verranno fatte.
Vedi anche la stessa Sony che produce modelli che stanno andando controtendenza, con un ritorno al passato (ovviamente nel senso stretto del corpo macchina non dell'elettronica).
Capisco che dal tuo punto di vista professionale cambiare corpo macchina non è un problema, anzi è un investimento, ma pensa a corpi come i D2x che sono eccezionali ma non valgono nulla solo perché non puoi aggiornargli il sensore.
Cioè almeno la possibilità di aggiornamento di questo, non dico la sostituzione al volo.....
I costruttori avrebbero anche più tempo per progettare meglio i corpi macchina non che poi ci appioppano gli aggiornamenti firmware.

PS anche nel caso di inviare in realtime le foto ai vari centri di stampa, va bene il JPeg e fin qui ok con te, ma l'effetto seppia o altre filippinate che si vedono nel menu' degli effetti??

Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Sicuramente un sistema ottico in bassissima luce lavora meglio (o meglio l' autofocus non lavora affatto) ma di fatto con la 1D3 ho fatto interi reportage a 6400ISO con l' 85mm usato ad F1.2 (giusto per far capire quanta luce non c'era) , in condizioni di luce un Af è normalmente piu' veloce e piu' preciso pero' della MAF a mano.


Diamine questa situazione è capitata anche a me, a 1600 con un 85 1.8 avevo tempi di 1/15, ero a mano libera e con ballerine di flamenco come soggetto.
Ho chiesto il permesso di poter usare un pò di flash.
Alla fine hanno fatto anche un pò di penombra per il pezzo finale e dopo lo spettacolo mi hanno chiesto se avevo fatto belle foto
L'esposimetro non mi ha parlato per 3 mesi!!!
Commento # 15 di: (IH)Patriota pubblicato il 12 Marzo 2009, 14:13
Originariamente inviato da: TellaspallaBob
Quindi non hai una super canon da 24Mpix?


Canon si ferma alla 1Dsmk3 da 21Mpix (che ho) ma siccome è un sensore a formato pieno ha una densita' relativa al formato aps-c di circa 10Mpix (un 40D per capirci) , la Nikon D3x da 24Mpix seppur con qualche pixel in piu' non è in grado di cavare altri dettagli , stesso discorso con le aps-c 14mpix Vs le Aps-c 12Mpix (su aps si usa solo il centro della lente che è un po' piu' performante) che si attestano su valori simili (ma con piu' problemi di gestione del rumore per la piu' densa).

Alla luce del fatto poi che i test sono fatti nelle migliori condizioni di luce e contrasto con lenti molto diaframmate e prendendo il migliore di una serie di scatti non è difficile dedurre che , arrivati a questo punto , per poter notare grandi differenze servono Lenti con la L maiuscola (35/1.4 , 85/1.2 , 135/2 , 300/2.8 etc.etc.)

Cmq hai detto una cosa santa, ho visto la prova della ultima Sony da 24Mpix (non vorrei dire un'eresia ma fornisce i sensori alla Nikon, ho dei dubbi sui modelli D300-D3-D700) e già dopo i 400 ISO è orrendo, mentre la D300 ha una nitidezza impressionante anche a 1600 e ottima a 3200.


Attenzione perchè una valutazione basata sul rumore senza considerare la quantita' di dettaglio residuo puo' trarre in inganno , la nuova 5DmkII ha un sensore molto simile a quello della 1Dsmk3 che ho , se guardi i JPG la 5DmkII pare 3 stop piu' bella (ma priva di dettaglio) se invece guardiamo i RAW senza filtri NR aggiuntivi vediamo che sono quasi la stessa cosa.

Capisco che dal tuo punto di vista professionale cambiare corpo macchina non è un problema, anzi è un investimento, ma pensa a corpi come i D2x che sono eccezionali ma non valgono nulla solo perché non puoi aggiornargli il sensore.


Nella realta' i miglioramenti non si fermano al solo sensore ma spesso rigurdano anche velocita' , sensibilita del sistema di messa a fuoco (non solo per numero di punti) e direttamente legati al sensore anche buffer in raffica che se non adeguato si ripercuote inevitabilmente sul framerate , a parita' di elettronica con la mia 1Dmk3 (10Mpix) faccio 10fps con buffer di 30 RAW , la 1Ds3 (21Mpix) arriva a 5fps buffer di 15 RAW (a memoria perchè non scatto mai in raffica con la Ds).

L' aggiornamento del sensore quindi ha ripercussioni su tutto il sistema ecco perchè lo vedo "aniteconomico" , bisogna smontare e cambiare mezza macchina.


PS anche nel caso di inviare in realtime le foto ai vari centri di stampa, va bene il JPeg e fin qui ok con te, ma l'effetto seppia o altre filippinate che si vedono nel menu' degli effetti??


Niente filippinate , nella realta' chi lavora in JPG tocca la saturazione (la gente è scema e guarda se i colori sparano e non se sono verosimili) ed un po' di sharpening (tanto direi) , il resto credo non lo faccia nessuno.


Diamine questa situazione è capitata anche a me, a 1600 con un 85 1.8 avevo tempi di 1/15, ero a mano libera e con ballerine di flamenco come soggetto.


In casi come questo sottoesponi e recupera solo in PP , con ogni probabilia' lavoravi con faretti ad incandescenza (quindi avrai avuto anche problemi di esposizione) , se riesci ad arrivare ad 1/60" te la cavi con dei mossi controllati (tenendo 2 foto su 4 nella migliore delle ipotesi).

Queste sono quelle che ti dicevo , qualcuna in MF perchè nemmeno l' AF della 1D agganciava (nonstante avessi la lente piu' buia F1.4 )

Ciauz
Pat
Commento # 16 di: TellaspallaBob pubblicato il 12 Marzo 2009, 14:26
Mizzica che foto stupende e che dettaglio della pelle.

Sui dati tecnici che mi hai fornito niente da eccepire, quello che intendevo dire con il cambio del sensore, è che date le ovvie restrizioni date da modelli più vecchi si potrebbe progettare una macchina con un bus adeguato ed uno slot di memoria intercambiabile (magari usando quelle dei portatili) e dall'assistenza farsi cambiare un sensore magari CCD7Mpix con uno da CMOS10Mpix, ovvio che non passi da un 4/3 ad un full frame.

Cmq per quello che riguarda le foto di cui ti ho parlato, feci due calcoli a mente (approssimativi perché non conosco bene i calcoli da fare in questi casi) usai il flash sottoesposto di -2stop sincronizzato sulla seconda tendina e poi migliorai un pò il tutto con CameraRaw aggiungendo un pò di vignettatura e facendo qualche correzione.
Ovvio che prima di buttarmi a scattare controllai gli istogrammi.
Questi furono i risultati: http://viewmorepics.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewPicture&friendID=278959289&albumId=600900

Niente di che per molti, ma per me che sono solo un amatore....
Commento # 17 di: (IH)Patriota pubblicato il 12 Marzo 2009, 16:37
Originariamente inviato da: TellaspallaBob
usai il flash sottoesposto di -2stop


Ottima idea usarlo sottoesposto , minimizzi le ombre dure , schiarisci e non ti impegoli con il bilanciamento del bianco (non in modo rilevante almeno).

Non mi sembrano affatto venute male , anzi

Ciauz
Pat
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor