2012: per le mirrorless l'ottica è una fissa

2012: per le mirrorless l'ottica è una fissa

di Roberto Colombo , pubblicato il 23 Marzo 2012

“Il panorama delle mirrorless sta seguendo un'interessante evoluzione: ora il focus è sulle ottiche, dopo anni di insistenza solo sul tema sensori. Un passo avanti per tornare a parlare di fotografia”

Dopo anni in cui l'attenzione dei produttori di mirrorless si è concentrata soprattutto sui sensori finalmente negli ultimi tempi i produttori si stanno concentrando sulla parte della fotocamera che è responsabile di buona parte della qualità finale di un'immagine: l'ottica.

Questo 2012 sembra l'anno della svolta in questo senso: tutti i produttori di fotocamere compatte ad ottiche intercambiabili stanno ampliando velocemente i loro parchi ottiche, mettendo a catalogo non solo zoom, ma anche tutta una serie di ottiche a focale fissa, categoria di obiettivi che ha veramente fatto parte di tutta la storia della fotografia.

Un produttore come Fujifilm addirittura ha fatto debuttare il suo sistema mirrorless con solo tre ottiche fisse a catalogo, ma anche tutti quelli che hanno sempre puntato sugli zoom stanno ampliando la loro offerta di fissi. Dopo le focali più tradizionali la seconda infornata di ottiche fisse vede l'arrivo di obiettivi dalle caratteristiche particolari.

Secondo i bene informati Olympus, dopo aver lanciato lo scorso anno i due fissi per EVIL Micro Quattro Terzi 12mm F2.0 e 45mm F1.8 sembra volere continuare su questa strada: i prossimi candidati sono gli obiettivi 75mm f/1.8 e 60mm f/2.8. Si tratterebbe di ottiche pensate per accompagnare anche la neonata OM-D E-M5 e in particolare il 60mm Macro per condividere con essa le caratteristiche di resistenza agli schizzi d'acqua. Ne dovremmo sapere di più prima dell'estate.

È invece ancora solo a livello di brevetto sulla carta uno degli obiettivi del futuro di Olympus: stiamo parlando del 150mm f/2.8 Macro a cui il produttore nipponico sta lavorando in versione sia Micro Quattro Terzi sia reflex Quattro Terzi. Si tratterebbe di un obiettivo abbastanza inedito per il mercato, solo Sigma al momento ha un 150mm F2.8 Macro a catalogo. In più sia il formato Quattro Terzi sia Micro Quattro Terzi hanno rapporto di moltiplicazione pari a 2x e l'ottica corrisponderebbe a un 300mm Macro.

Panasonic, che condivide il sistema Micro Quattro Terzi ha presentato nel corso di quest'anno un'ottica marchiata Leica, il Summilux DG 25mm f/1.4 un'ottica che si presenta come il perfetto 'normale' luminoso. Il sistema Micro Quattro Terzi può poi contare su presenze illustri nel proprio parco ottiche: uno degli esempi più interessanti sono i prodotti Voigtländer Nokton F0.95 declinati nelle due focali di 17.5mm e 25mm.

Uno dei sistemi mirrorless più in voga è quello presentato da Sony, con le sue fotocamere e videocamere NEX con innesto E-Mount. Sony offre un parco ottiche di medie dimensioni, ma può contare sull'interesse dichiarato dei produttori di terze parti. Tamron ha prodotto al momento uno zoom tuttofare 18-200mm, ma non è detto che non possa sbarcare sul mercato anche con le versioni NEX di alcuni suoi apprezzati fissi (come il 60mm Macro). Sigma ha già messo in mostra i suoi piani e in questo caso conferma l'interesse del mercato per gli obiettivi a focale fissa: al CES di Las Vegas abbiamo visto in mostra le due ottiche 30mm e 19mm F2.8 per Sony NEX che dovrebbero essere declinate anche in versione Micro Four Thirds. NEX è anche la parola d'ordine per Samyang per il 2013: il produttore coreano non ha nascosto l'intenzione di sbarcare nel mondo dell'autofocus proprio debuttando con un'ottica per il sistema NSC (New System Camera) di casa Sony.

Tutto questo (tranne i prodotti Voigtländer) per chi desidera il supporto dell'autofocus, per chi non sente il bisogno della messa a fuoco automatica le mirrorless, grazie al tiraggio ridotto che permette di adattare praticamente qualsiasi ottica dei vecchi sistemi reflex (e non solo), possono accedere tramite adattatore a un parco ottiche sconfinato a prezzi, in molti casi a prezzi accessibili nei vari mercatini o sui siti di aste online.

Chi vi parla, ad esempio, è possessore di un Helios 58mm f/2 e di un Carl Zeiss Triotar 135mm f/4 con attacco a vite M42, utilizzati tramite adattatore su reflex Canon, ma che non vedo l'ora di provare sulle mirrorless che passano per la redazione.

Articoli correlati

Olympus OM-D, vintage digitale: primo contatto

Olympus OM-D, vintage digitale: primo contatto

Non solo un restyling vintage delle sue PEN: per la sua nuova OM-D E-M5 Olympus ha creato una nuova posizione in gamma: dalle immagini l'avevo catalogata come un semplice esercizio di stile vintage in salsa PEN, ma il primo contatto dal vivo con Olympus OM-D E-M5 mi ha visto cambiare nettamente idea.
Pentax K-01: un'altra mirrorless fuori dal coro

Pentax K-01: un'altra mirrorless fuori dal coro

Dopo la mirrorless con sensore da compatta Ricoh Pentax canta ancora da solista: ecco la fotocamera ibrida compatibile con tutti gli obiettivi reflex della storia Pentax, Pentax K-01
Fujifilm X-Pro1: un sensore ispirato dalla pellicola

Fujifilm X-Pro1: un sensore ispirato dalla pellicola

La rivoluzione annunciata da Fujifilm per la sua mirrorless sta tutta nel sensore: una nuova matrice colorata permette di non avere problemi di moiré pur non utilizzando un filtro passa basso, a tutto vantaggio della risoluzione
Nikon 1: prova sul campo

Nikon 1: prova sul campo

Nikon 1 è il primo sistema mirrorless della casa giallonera: in occasione della visita alla fabbrica cinese abbiamo passato un paio di giorni con Nikon J1 e V1, ecco le nostre impressioni
Nuove NEX e Alpha: addio definitivo allo specchio reflex in casa Sony?

Nuove NEX e Alpha: addio definitivo allo specchio reflex in casa Sony?

Nessuna nuova reflex tra le 4 novità presentate da Sony: due mirrorless e due SLT ampliano la gamma del produttore nipponico. Alpha A77 e A65 e Sony NEX-7 puntano su sensore da 24,3 megapixel, mentre NEX-5N punta su un elemento da 16.1 megapixel


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: doctormarx pubblicato il 23 Marzo 2012, 15:16
certo che quelle ottiche in foto fanno perdere l'unico vantaggio delle mirrorless, la dimensione!
Commento # 2 di: SingWolf pubblicato il 23 Marzo 2012, 21:49
ma infatti che senso ha!

io lo dico sempre, o entra in tasca o tanto vale portarmi dietro la reflex!
Commento # 3 di: Chelidon pubblicato il 24 Marzo 2012, 13:14
Per forza sono TELEOBIETTIVI o MACRO! Mai visto quali erano le ottiche più lunghe di un corredo telemetro.. (Leica M per esempio è tanto se arriva a 135mm su pellicola 24x36)
Il tiraggio corto dà un gran vantaggio nelle dimensioni sui normali e soprattutto sui grandangoli (progetti non più retrofocus che li rendono molto ingombranti su reflex), non ci si può aspettare che tutto risulti compatto!
Per giunta se si tratta di tele parecchio luminosi o macro che necessitano di allontanarsi molto dal piano pellicola per ottenere RR elevati, in quei campi l'ingombro è pari agli altri sistemi analoghi per egual copertura.