Sony: ecco la tecnologia alla base dei nostri mirini OLED

Sony: ecco la tecnologia alla base dei nostri mirini OLED

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sony ha pubblicato un PDF tecnico che svela la tecnologia alla base dei mirini OLED integrati sugli ultimi prodotti presentati: Sony Alpha A77, A65 e la mirrorless Sony NEX-7”

Più di un anno fa Sony ha presentato la tecnologia SLT, Single Lens Translucent, basata sull'utilizzo di uno specchio fisso semitrasparente al posto del meccanismo a specchio ribaltabile tipico delle reflex, tecnologia portata poi su tutta la gamma Alpha, anche su un prodotto prosumer come Alpha A77.

Con nostra sopresa abbiamo trovato tra i fotografi incontrati negli ultimi tempi diverse voci a favore di questa scelta (meno parti in movimento, corpo più leggero, autofocus a rilevazione di fase sempre attivo), ma con una domanda comune, quella relativa alla resa effettiva del mirino elettronico a confronto con i mirini ottici a pentaprisma.

Sony ha rilasciato i dettagli tecnici relativi ai display OLED che equipaggiano i mirini di Alpha A77 e A65 e della mirrorless Sony NEX-7. Non si tratta di display con pixel formati da emettitori organici colorati, ma si tratta di un approccio più simile a quello dei classici LCD: Sony ha infatti creato uno strato OLED elettroluminescente bianco, al quale ha sovrapposto un filtro a matrice colorata. Il risultato è un display di piccole dimensioni ad alta risoluzione che copre, stando a quando dichiarato da Sony nel suo PDF tecnico, il 90% del gamut NTSC, con un tempi di risposta pari a 0,01 millisecondi.

Il risultato è, dalle nostre prime analisi sulla SLT Sony Alpha A77, molto convincente, con un'esperienza d'utilizzo che si stacca dalla media dei mirini LCD a cui siamo generalmente abituati: luminosità molto buona e uniforme, buon contrasto e abbastanza risoluzione da permettere la messa a fuoco manuale, quasi al pari di un mirino ottico. Sarà interessante capire se Sony riuscirà a portare questa tecnologia anche su diagonali più elevate.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: emanuele83 pubblicato il 06 Dicembre 2011, 10:20
mmmm direi che il contrasto peggiora con il backlight e l'utilizzo di cristalli liquidi. il punto di forza degli oled era appunto al possibilità di spegnere ogni singolo pixel creando un nero "vero". a me non convince questa tecnologia, tanto meno il mirino non ottico.
Commento # 2 di: _Wu-hsin_ pubblicato il 06 Dicembre 2011, 10:47
uhm, 0,01 millisecondi come tempo di risposta, non male. Peccato che l'immagine prima di essere inviata al pannello, deve esser catturata e processata..
Commento # 3 di: +Benito+ pubblicato il 06 Dicembre 2011, 12:23
Originariamente inviato da: emanuele83
mmmm direi che il contrasto peggiora con il backlight e l'utilizzo di cristalli liquidi. il punto di forza degli oled era appunto al possibilità di spegnere ogni singolo pixel creando un nero "vero". a me non convince questa tecnologia, tanto meno il mirino non ottico.


se vedi, lo strato oled si trova tra anodo e catodo in serie con lo strato led, quindi il campo elettrico, oltre che orientare lo strato led, eccita anche lo strato oled sottostante, quindi ritengo, se ho en inteso, che sia uno schermo con illuminazione "per pixel" ma non discreta, continua, in modo da non avere "quadretti bianchi" dietro la matrice led, ma "aree luminose" di intensità variabile e non con bordi precisissimi in modo da avere una resa naturale.


EDIT. no lo strato LCD non esiste, è uno strato oled con davanti un fitlro bayer, per intenderci è il contrario di un sensore fotografico. Allora è certamente così, i dingoli "fotodiodi" oled bianchi vengono modulati ed il filtro scolorato si limita a dargli il colore.
Commento # 4 di: utentenonvalido pubblicato il 06 Dicembre 2011, 12:36
Dati fini a se stessi, se non si provano sul campo soluzioni del genere è tutta fuffa ...
Commento # 5 di: Bhibu pubblicato il 06 Dicembre 2011, 14:51
[SIZE="3"]Nikon, Canon, Pentax, Hasselblad, PhaseOne, Mamiya etc... ecco la tecnologia che permette ai nostri mirini di avere una qualità superiore ai mirini Sony![/SIZE]

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 6 di: tommy781 pubblicato il 06 Dicembre 2011, 15:17
Originariamente inviato da: utentenonvalido
Dati fini a se stessi, se non si provano sul campo soluzioni del genere è tutta fuffa ...


ti basta andare in un negozio e provarla come ho fatto io e ti assicuro che se riesci a notare la differenza tra un mirino ottico e questo della sony ti pago una birra. la barriera è solo psicologica al momento, i pregiudizi legati ai pessimi mirini elettronici visti fino ad oggi rendono diffidenti le persone ma basta provare di persona per accorgersi che siamo su un altro pianeta rispetto al passato ed alla concorrenza.
Commento # 7 di: emanuele83 pubblicato il 06 Dicembre 2011, 15:33
Originariamente inviato da: tommy781
ti basta andare in un negozio e provarla come ho fatto io e ti assicuro che se riesci a notare la differenza tra un mirino ottico e questo della sony ti pago una birra. la barriera è solo psicologica al momento, i pregiudizi legati ai pessimi mirini elettronici visti fino ad oggi rendono diffidenti le persone ma basta provare di persona per accorgersi che siamo su un altro pianeta rispetto al passato ed alla concorrenza.


eh si eh già certo.... lasciando perdere la risoluzione del mirino non ottico che puö benissimo risolvere le capacita dell'occhio umano ci scordiamo il gamut e il contrasto e la resa cromatica...
Commento # 8 di: GiulianoPhoto pubblicato il 06 Dicembre 2011, 15:38
tecnologia ancora acerba. Il mirino elettronico potrà soppiantare quello ottico solo quando avrà la stessa qualità
Commento # 9 di: emanuele83 pubblicato il 06 Dicembre 2011, 15:46
Originariamente inviato da: GiulianoPhoto
tecnologia ancora acerba. Il mirino elettronico potrà soppiantare quello ottico solo quando avrà la stessa qualità


ecco, per il terzo principio della terrmodinamica questo non succederà mai
Commento # 10 di: Bhibu pubblicato il 06 Dicembre 2011, 16:42
Originariamente inviato da: emanuele83
ecco, per il terzo principio della terrmodinamica questo non succederà mai


esattamente non succederà mai!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor