Dalla Cina Yi M1: la nuova mirrorless Micro Quattro Terzi low cost (con tanto di ottiche!)

Dalla Cina Yi M1: la nuova mirrorless Micro Quattro Terzi low cost (con tanto di ottiche!)

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Novità per quanto riguarda il consorzio Micro Quattro Terzi a Photokina se ne sono viste, la più particolare è forse quella che arriva direttamente dalla Cina dal marchio Yi Technology. La nuova M1 MFT low cost utilizza un sensore Sony da 20 megapixel e può ospitare le ottiche del consorzio: il primo kit sarà composto dallo zoom 12-40mm F3.5-5.6 e dal medio tele fisso da ritratto 42,5mm F1.8”

Yi M1: la mirrorless low cost a Photokina 2016

Micro Quattro Terzi fa venire subito in mente Olympus e Panasonic, i due soci fondatori del Consorzio Quattro Terzi e esponenti di spicco tra i produttori del mezzo formato digitale. La lista comprende anche BlackMagic e altri marchi, ma ora si arricchisce anche del produttore cinese Yi Technology, che a Photokina 2016 ha presentato la sua prima mirrorless low cost, accompagnata da due ottiche.

Per il sensore di Yi M1 il produttore cinese si è affidato a Sony, in particolare al modello IMX269 da 20 megapixel, piazzandosi in cima alla lista delle risoluzioni, assieme ad alcuni prodotti top di Olympus e Panasonic. Caratterizzata da un design minimalista, che ricorda a tratti quello delle mirrorless Nikon 1 e Leica T, la fotocamera mette a disposizione un display touchscreen, 89 zone di messa a fuoco a rilevazione di contrasto, un ghiera di regolazione e una ghiera dei modi con pulsante di avvio diretto della registrazione video al centro.

L'interfaccia touchscreen è facile e intuitiva e compensa la mancanza della seconda ghiera di regolazione. Interessante la possibilità di registrare filmati 4K a 30 fps, così come la presenza della connettività Wi-Fi e Bluetooth Low Energy, per il controllo remoto da smartphone. Il corpo macchina è molto leggero e pesa solo 280 grammi. Il primo kit prevederà ben due ottiche: lo zoom standard 12-40mm f/3.5-5.6 (equivalente 24-80mm) e il medio tele da ritratto 42,5mm f/1.8 (equivalente 85mm).

I prezzi pare che si aggirino sui 330 dollari per il kit con lo zoom e 450 per quello con il fisso, ma Yi Technology interrogata direttamente non ha voluto rilasciare dettagli sul possibile prezzo sui mercati Europei. La livrea (coordinata con le ottiche) potrà essere a scelta nera o silver. Ecco la fotocamera dal vivo nel nostro video da Colonia.

[HWUVIDEO="2176"]Yi M1: dalla Cina arriva la nuova mirrorless Micro Quattro Terzi[/HWUVIDEO]

Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 27 Settembre 2016, 17:09
Così per il poco che si vede ha caratteristiche interessanti e almeno sulla carta se la gioca ad armi pari con le altre mirrorless di marchi più famosi.
I prezzi, se arrivano in Europa così come sono sarebbero uno spettacolo.

Resta da capire nel pratico quanto sia grande il divario qualitativo tra una mirrorless "famosa" e questa.
Commento # 2 di: monkey.d.rufy pubblicato il 27 Settembre 2016, 17:16
la prendereste come prima macchina fotografica per iniziare?
Commento # 3 di: Tedturb0 pubblicato il 27 Settembre 2016, 20:46
io a 300 euro presi una pana gx1 qualche anno fa (nuova).
Vedere a questo prezzo una macchina cinese e utenti che la considerano mi fa capire che i cinesi hanno capito tutto..
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 27 Settembre 2016, 21:19
Originariamente inviato da: Tedturb0
io a 300 euro presi una pana gx1 qualche anno fa (nuova).
Vedere a questo prezzo una macchina cinese e utenti che la considerano mi fa capire che i cinesi hanno capito tutto..


Guarda che il 95% di ciò che ti circonda è fatto in cina.
Soprattutto in questi ultimi anni moltissimi prodotti 100% cinesi e con prezzi molto competitivi si sono dimostrati assolutamente validi e con una qualità più che buona.
L'associazione tra prodotto cinese e scarsa qualità è ormai uno stereotipo che non è più veritiero.

Ora, su questa macchina ancora non si sa nulla, quindi aspettiamo a parlare.. ma aggiungo che non è il caso di marchiarla come scadente solo perché è cinese.
Commento # 5 di: axem pubblicato il 27 Settembre 2016, 21:58
Mah a me sembra un obiettivo enorme per essere un micro 4/3... se non è piccolo si perde tutto il vantaggio di questo formato.. sembra più grande dei 18-55 delle reflex aps-c
Commento # 6 di: tuttodigitale pubblicato il 28 Settembre 2016, 14:07
Originariamente inviato da: Tedturb0
io a 300 euro presi una pana gx1 qualche anno fa (nuova).
Vedere a questo prezzo una macchina cinese e utenti che la considerano mi fa capire che i cinesi hanno capito tutto..


mah, la gx1 quando è uscita (2011) ne costava 800 di eruo...il i sensore di questa mirrorless cinese è di quanto di meglio disponibile per il micro 4/3. Sulla carta, e solo su quella, è una proposta interessante.

con lo stesso ragionamento questa fotocamera tra un paio d'anni potresti trovarla nuova a 200 euro ottica compresa.
Commento # 7 di: tuttodigitale pubblicato il 28 Settembre 2016, 14:19
Originariamente inviato da: axem
Mah a me sembra un obiettivo enorme per essere un micro 4/3... se non è piccolo si perde tutto il vantaggio di questo formato.. sembra più grande dei 18-55 delle reflex aps-c

credo che sia solo un impressione dovuta al fatto che il barilotto del 18-55 Nikon per farti un esempio, ha un diametro di 7,3 cm contro ad esmpio i 6,3cm del non certo piccolo 12-60 panasonic (24-120 equivalenti).

Link ad immagine (click per visualizzarla)
nonostante le apparenze, l'obiettivo sopra è quasi 1 cm più corto del 18-55 VR...

tuttavia le dimensioni sono tali, che le differenze sono insignificanti all'atto pratico.
BenQ Monitor