Lytro: con la nuova funzione è possibile selezionare a piacere la profondità di campo

Lytro: con la nuova funzione è possibile selezionare a piacere la profondità di campo

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Lytro aggiorna il software di sviluppo delle sue foto e introduce Focus Spread, la funzionalità per modificare a piacere la profondità di campo”

Lytro è divenuta famosa per aver creato la Light Field Camera, particolare sistema di ripresa che permette di riprendere un'immagine con associata una mappa di profondità e utilizzare la messa a fuoco dopo lo scatto e non prima come accade nella fotografia tradizionale. Dopo la prima uscita, un apparecchio dall'aspetto gadget, Lytro aveva alzato il tiro all'inizio di quest'anno con Illum, una fotocamera a tutti gli effetti, dotata di ottica 30-250mm equivalenti F2 e in grado di sfornare immagini 'refocusable' a 4 megapixel.

Il prodotto è indirizzato anche verso il pubblico dei professionisti e l'ultimo aggiornamento del software di sviluppo dei file aggiunge una funzionalità - Focus Spread - che potrebbe conquistare alcuni di essi: si tratta della possibilità di selezionare a piacere la profondità di campo, mettendo - ad esempio - due soggetti ravvicinati entrambi a fuoco (come se si scattasse a F16) e lo sfondo fuori fuoco come se la foto fosse stata ripresa a F1. Nel video incorporato qui sotto i dettagli e un esempio della nuova funzionalità all'opera:


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Rubberick pubblicato il 12 Dicembre 2014, 15:41
Non male ma secondo me c'e' ancora da fare per un utilizzo professionale..
Commento # 2 di: Marok pubblicato il 12 Dicembre 2014, 16:51
Molto (se non tutto) dipende anche dalla qualità dello sfocato. I sample che ho visto sembrano quasi dei fake fatti PP da quanto sono pixellosi i bordi che demarcano le zone fuoco/fuori fuoco..
Commento # 3 di: minatoreweb pubblicato il 12 Dicembre 2014, 17:18
Prima creano una macchina il cui vantaggio è poter avere tutto a fuoco e posprodurre scegliendo la profondità di campo.
Poi si accorgono che i professionisti si dividono in 2 categorie...
Quelli che prima di buttarsi in una nuova tecnologia vogliono capirne bene gli utilizzi e quelli che si buttano ma vogliono usarla come l'usavano prima.
Pertanto hanno dovuto fare questo aggiornamento che non fa altro che sfocare via software l'immagine. (Probabilmente si potrebbe persino eliminare la parte di immagine non a fuoco...)
Commento # 4 di: barondem pubblicato il 12 Dicembre 2014, 18:46
Domanda da non esperto: in forma magari più approssimativa e non professionale, la funzione sfocatura obiettivo dell'app per Android Google Fotocamera dovrebbe offrire più o meno la stesso effetto o sbaglio?
Commento # 5 di: Leron pubblicato il 13 Dicembre 2014, 09:06
Originariamente inviato da: barondem
Domanda da non esperto: in forma magari più approssimativa e non professionale, la funzione sfocatura obiettivo dell'app per Android Google Fotocamera dovrebbe offrire più o meno la stesso effetto o sbaglio?


sì, ma la differenza è che con l'app di google vengono fatti più scatti, e quindi con tempi diversi e di conseguenza non congeli un momento solo
Commento # 6 di: barondem pubblicato il 13 Dicembre 2014, 12:31
Originariamente inviato da: Leron
sì, ma la differenza è che con l'app di google vengono fatti più scatti, e quindi con tempi diversi e di conseguenza non congeli un momento solo

Capito, grazie mille
BenQ Monitor