Lytro alza il tiro e presenta Illum, fotocamera Light Field da $1.599

Lytro alza il tiro e presenta "Illum", fotocamera Light Field da $1.599

di Michele Tarantini, pubblicata il

“Lytro ha presentato ufficialmente Illum: fotocamera dal form factor simile ad una mirrorless, è dotata di uno zoom ottico 30mm-250mm (equivalenti) con apertura massima costante F2”

Quando circa quattro fa anni Ren Ng, fondatore dell'allora sconosciuta Lytro, start up californiana finanziata dall'Università di Stanford, iniziò a parlare apertamente di quali fossero i piani della piccola azienda (dare uno scossone tecnologico al mondo della fotografia) rivelando le potenzialità di quella che sarebbe divenuta Light Field Camera riuscì sostanzialmente a guadagnare l'attenzione di tutti i più importanti osservatori. Lytro lanciò quindi il proprio primo articolo, fotocamera dall'insolita forma che ha fatto diventare realtà le promesse precedenti: introdurre la possibilità di modificare il punto di messa a fuoco di una fotografia dopo aver effettuato lo scatto. Lytro ha continuato a lavorare su Light Field Camera, introducendo aggiornamenti firmware per poter sul mercato i risultati ottenuti. Ren Ng è nel frattempo diventato una sorta di star del settore, costantemente cercato dalle più grandi testate internazionali e premiato in diversi frangenti (tra i quali Hipa Award), Ng negli ultimi tre anni ha ovviamente continuato a sviluppare la propria azienda, forte della possibilità di avere a disposizione più risorse. Ecco infatti arrivare il lancio di Illum, il secondo prodotto sviluppato da Lytro.

Se Light Field Camera (che viene affiancata e non sostituita) è stata la fotocamera che doveva mostrare al mondo le potenzialità del progetto, Illum vuole invece dimostrare che non si tratta di un semplice esercizio di stile ma di un nuovo modo di fare fotografia. La nuova nata in casa Lytro è ovviamente costruita attorno agli stessi concetti di Light Field Camera: possibilità di effettuare un refocus ed un cambio di prospettiva anche dopo lo scatto. Illum a prima vista si presenta come una fotocamera dal form factor molto simile a quello di diverse mirrorless e bridge sul mercato. Subito evidente la grossa ottica zoom dotata di focale equivalente al pieno formato pari a 30mm-250mm e dotata di un diaframma dall'apertura massima costante F2. La parte posteriore è dominata dal display touch screen da 4" leggermente inclinato verso l'alto; moduli Wi-Fi e GPS integrati dimostrano la volontà di presentare una fotocamera non meno attuale e versatile della media delle fotocamere sul mercato. E il sensore? Per quanto riguarda le dimensioni ancora non è stato detto nulla. Riguardo la definizione la casa (forse anche un po' furbescamente) non parla mai di megapixel ma solamente di "megaray" (alludendo evidentemente ai raggi di luce catturati la cui inclinazione è fondamentale per il funzionamento della fotocamera); ebbene Illum vanta la possibilità di catturare 40 milioni di raggi luminosi contro gli 11 di Lytro.

L'azienda americana vuole insomma aumentare le potenzialità dei proprio prodotti alzando il livello della qualità delle immagini e cercando di convincere in questa maniera più di qualche fotografo ad investire in attrezzature Lytro. La fotocamera di punta di casa Lytro verrà lanciata sul mercato attorno alla metà di Luglio; sul sito di Lytro il prezzo di Illum viene fissato per $1.599, ma a quanti volessero effettuare un preordine fin da ora la casa riserverà uno sconto di $100. Il prezzo è alto? Sicuramente non economico. Difficile tuttavia fissare un valore ad un prodotto che sostanzialmente non ha concorrenti: attualmente sul mercato non esistono fotocamere in grado di offrire quanto offerto da Lytro. Se il primo prodotto Lytro ha avuto un successo eclatante in termini di attenzione mediatica il secondo vuole invece dimostrare di voler fare sul serio e di portare una piccola (?) rivoluzione in un universo, quello della fotografia, dove alcuni concetti base (messa a fuoco, scelta del punto di vista, prospettiva...) sono sostanzialmente immutati più o meno due secoli.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: bonzoxxx pubblicato il 23 Aprile 2014, 14:40
F2 costante su un 30-250?

interessante..... smuove sicuramente dei fondamenti della fotografia, magari apre nuove scene..
Commento # 2 di: zulutown pubblicato il 23 Aprile 2014, 14:56
Originariamente inviato da: bonzoxxx
F2 costante su un 30-250?

interessante..... smuove sicuramente dei fondamenti della fotografia, magari apre nuove scene..


sì ma su sensore minuscolo
Commento # 3 di: bonzoxxx pubblicato il 23 Aprile 2014, 15:29
Originariamente inviato da: zulutown
sì ma su sensore minuscolo


infatti il guaio è quello: che qualità si ottiene? che sensibilità ha il sensore?
scegliere il punto di messa a fuoco e prospettiva in PP sarebbe fantastico, ma con quale qualità?

boh..
Commento # 4 di: CrapaDiLegno pubblicato il 23 Aprile 2014, 16:24
Foto alla BladeRunner in arrivo
Commento # 5 di: aald213 pubblicato il 23 Aprile 2014, 19:04
Originariamente inviato da: zulutown
sì ma su sensore minuscolo


Il sensore in realtà è un 1". Le dimensioni ovviamente sono relative, ma la Sony ha fatto meraviglie con sensori di questa grandezza.

Certamente, bisogna vedere:

1) qual'è la sensibilità della tecnologia del sensore
2) se e come è possibile paragonare questo sensore uno tradizionale

Anche se avesse un sensore di qualità sufficiente/accettabile, per dire, equivalente al Nikon CX, sarebbe già una rivoluzione.

Da notare che ha un'equivalente di 5 Megapixel, che seppure non gigante, è già oltre l'equivalente 10x15.
Commento # 6 di: bonzoxxx pubblicato il 23 Aprile 2014, 20:22
5Mpix di qualità non è una risoluzione da buttare..
Commento # 7 di: demon77 pubblicato il 23 Aprile 2014, 21:54
molto interessante dal punto di vista puramente tecnico.
per il resto la vedo solo come un costoso giocattolone, non potrei mai preferirla ad una fotocamera tradizionale..
Commento # 8 di: aald213 pubblicato il 23 Aprile 2014, 22:45
Originariamente inviato da: demon77
molto interessante dal punto di vista puramente tecnico.
per il resto la vedo solo come un costoso giocattolone, non potrei mai preferirla ad una fotocamera tradizionale..


Non esiste una fotocamera tradizionale.

Esistono per esempio fotografi professionisti che vendono servizi a 5 MPixel.

Altri utilizzavano m4/3 (complementando le FF) già alcuni anni fa, quando la qualità era decisamente indietro rispetto a oggi.

Dipende tutto dai casi d'uso. Molti utenti usano fotocamere con sensori di un pollice o piú piccoli, quindi questa potrebbe essergli utile.

In ogni caso, finchè non si rileva la qualità del sensore, non è possibile fare paragoni, perchè potrebbe essere, per dire, eccellente (sempre nel contesto delle 1". O magari no - ma prima che esce, non si sa.

L'unica pecca oggettiva è la focale minima di 30mm, dato che da molti anni, ogni fotocamera parte da 27/28mm come minimo.
Commento # 9 di: demon77 pubblicato il 23 Aprile 2014, 23:18
Originariamente inviato da: aald213
Non esiste una fotocamera tradizionale.

Esistono per esempio fotografi professionisti che vendono servizi a 5 MPixel.

Altri utilizzavano m4/3 (complementando le FF) già alcuni anni fa, quando la qualità era decisamente indietro rispetto a oggi.

Dipende tutto dai casi d'uso. Molti utenti usano fotocamere con sensori di un pollice o piú piccoli, quindi questa potrebbe essergli utile.

In ogni caso, finchè non si rileva la qualità del sensore, non è possibile fare paragoni, perchè potrebbe essere, per dire, eccellente (sempre nel contesto delle 1". O magari no - ma prima che esce, non si sa.

L'unica pecca oggettiva è la focale minima di 30mm, dato che da molti anni, ogni fotocamera parte da 27/28mm come minimo.


Ma si, non ne facevo solo una questione di sensore.
Intendo che in un contesto fotgrafico i vantaggi dati da questa soluzione non mi paiono spettacolari, anzi.
Un fotografo la messa a fuoco del soggetto e l'inquadratura la decide al momento dello scato, mal che va fa più foto per decidere poi.

E come giustamente hai detto bisogna poi vedere le prestazioni.
La vedo dura che possa anche solo lontanamente competere con una fotocamera di pari prezzo.
E io sinceramente non scambio la qualità elevata della foto finale per un giochino tipo "metti a fuoco dopo".

Da ultimo, è vero che 5mpx vanno anche bene.. ma sono comunque pochini oggi. Una stampa ipotetica a 50x70 non puoi certo farla.
l'ideale sarebbe almeno 10mpx.
Commento # 10 di: bonzoxxx pubblicato il 23 Aprile 2014, 23:39
concordo sulla fotografia "classica", ovvero che questo arnese non va assolutamente a rimpiazzare una reflex.
Tutto sta vedere come apertura, tempi di esposizione, sensibilità, lunghezza focale variano in questo, se vogliamo, nuovo tipo di fotografia.

A me, ad esempio, la fotografia piace perchè la foto quella è, ovvero posso sistemare colore ed esposizione ma la composizione, la MAF, la prospettiva sono definiti e immutabili. E' questo che amo nella fotografia.

Poi ben venga l'innovazione e la sperimentazione di nuovi ambiti
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor