Hasselblad H5D-200c Multi-Shot, fino a 200 Mpixel con lo scatto multiplo

Hasselblad H5D-200c Multi-Shot, fino a 200 Mpixel con lo scatto multiplo

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Hasselblad propone due varianti della H5D-50c, chiamate 50c Multi-Shot e 200c Multi-Shot, capaci di uno scatto multiplo con offset del sensore che elimina l'interpolazione del filtro Bayer e arriva, nel caso della 200c, a raddoppiare la risoluzione effettiva. ”

Hasselblad ha annunciato due varianti della recente H5D-50c, la sua prima medio formato basata su sensore CMOS. Si chiamano H5D-50c Multi-Shot e H5D-200c Multi-Shot, e utilizzano entrambe lo stesso sensore CMOS da 50 Mpixel in formato 43.8x32.9mm della H5D 50c "standard"; la 200c, però, è in grado di produrre immagini da 200 Mpixel.

La chiave della tecnologia, oltre alla velocità del sensore CMOS, è il micro-spostamento del sensore attuato da motori piezoelettrici di precisione, di 1 solo pixel o 1/2 pixel, che elimina la perdita di informazione dovuta al filtro RGB di Bayer. Spostando l'immagine di 1 pixel, e scattando quattro immagini, è infatti possibile ottenere le corrette informazioni RGB di ogni punto dell'immagine, senza interpolazione.

Spostando poi il sensore di solo 1/2 pixel, come fa la 200c, e scattando 6 immagini, si ottengono informazioni aggiuntive che, per interpolazione, portano al raddoppio della risoluzione lungo entrambi gli assi X e Y, da cui l'immagine finale da ben 200 Mpixel. Lo scatto multiplo da 6 immagini produce TIFF a 8 bit da 600 MB che, secondo Hasselblad, rappresenta lo stato dell'arte attualmente disponibile nel mondo medio formato in termini di risoluzione e riproduzione del colore. L'immagine qui sopra (fonte: Hasselblad) ne è un esempio.

Le restanti caratteristiche derivano direttamente dalla H5D-50c, compresa la tecnologia True Focus per la correzione del piano focale durante la ricomposizione della scena di cui molti fotografi si sono già innamorati.  


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 21 Agosto 2014, 14:08
Notevole davvero.
Una tecnica un po' macchinosa ma in compenso si ottiene una qualità ineguagliabile.

domanda:
si parla di spostamenti di "mezzo pixel".. ma siccome viviamo in un mondo fisico e reale non basta il semplice e pressochè inevitabile micro-movimento che fa la macchina durante lo scatto a rendere impossibile questa cosa?
Commento # 2 di: bonzoxxx pubblicato il 21 Agosto 2014, 14:19
bella bestia per utilizzi particolari: bellissima
Commento # 3 di: songohan pubblicato il 21 Agosto 2014, 17:53
Originariamente inviato da: demon77
domanda:
si parla di spostamenti di "mezzo pixel".. ma siccome viviamo in un mondo fisico e reale non basta il semplice e pressochè inevitabile micro-movimento che fa la macchina durante lo scatto a rendere impossibile questa cosa?


No, perche' questo tipo di machine sono utilizzate in studio, in situazioni controllate e lo scatto avviene con cavetto da remoto.

Giulio.
BenQ Monitor