Vuoi sapere le calorie del tuo piatto? Scatta una foto!

Vuoi sapere le calorie del tuo piatto? Scatta una foto!

di Andrea Bai, pubblicata il

“L'abitudine di scattare foto a ciò che si mangia potrebbe iniziare ad avere una valenza scientifica: il progetto Im2Calories di Google, basato su tecniche di deep learning, permette di ricavare le calorie di un piatto semplicemente fotografandolo”

"Una antica leggenda narra che sia possibile mangiare il cibo anche senza fotografarlo prima" è un simpatico meme che ogni tanto circola sui social network per stigmatizzare l'ormai diffusissima moda (o piaga, a seconda dei punti di vista) di immortalare il nostro pasto e condividerlo su Instagram, Pinterest, Facebook e simili.

Presto però tutto ciò potrebbe rappresentare un tassello fondamentale nel mondo della ricerca grazie ad un nuovo progetto che Google ha presentato di recente al Rework Deep Learning Summit di Boston: Kevin Murphy, research scientist per l'azienda di Mountain View, ha svelato Im2Calories, un sistema in grado di calcolare le calorie di un alimento o di un piatto semplicemente analizzandone la foto.

Basandosi su algoritmi di deep-learning, tecniche di analisi visuale e di riconoscimento di pattern, il sistema riconosce gli alimenti presenti in un piatto, li relaziona tra loro e con il piatto di portata per stimarne le dimensioni e infine ne calcola le calorie. Murphy spiega che l'idea di base è mettere a punto un sistema che permetta di semplificare la stesura di un diario alimentare, senza che sia necessario dover inserire manualmente in un'app i dettagli di tutto ciò che mangiamo specie quando vi sono parametri di difficile misurazione (ad esempio quando si è fuori casa) come la quantità assunta. Il sistema prevede inoltre la possibilità di intervento dell'utente, il quale potrà correggere l'applicazione qualora non riuscisse ad identificare con esattezza un alimento.

Lo scopo della realizzazione dei sistemi deep learning è far sì che sia possibile ridurre il tempo speso ad "istruire" un software per migliorarne le prestazioni: nel caso specifico Im2Calories identifica un hamburger perché i pixel nell'immagine sono caratterizzati da pattern e ricorrenze che richiamano quelli riscontrati in altre foto di hamburger e non perché qualcuno abbia a priori "insegnato" al programma come fare per riconoscere un hamburger. Da ciò si evince, inoltre, che il sistema aumenta la propria accuratezza quanto più viene utilizzato, sia in termini di tempo effettivo, sia in termini di base utenti. E l'ulteriore aspetto interessante è la possibilità di utilizzare comunissimi scatti e fotografie senza dover ricorrere ad immagini ad alta risoluzione.

"Per me è ovvio pensare che le persone vogliano davvero tutto ciò e che questo sia realmente utile. Forse riusciremo a ridurre l'introito di calorie del 20%, ma non ha molta importanza. Inizieremo invece ad avere una media settimanale, mensile o annuale e possiamo iniziare a relazionare tra loro informazioni provenienti da vari e differenti individui per poter tracciare una serie di statistiche. I miei colleghi che lavorano nel campo epidemiologico e della salute pubblica vogliono davvero tutto questo" ha commentato Murphy.

Il progetto è per ora solo in fase sperimentale e non è dato sapere quando e se verrà reso di pubblico dominio. In realtà gli sviluppi di questo genere di tecnologia possono essere di tutt'altra portata e anche di maggior utilità alla stessa Google. Murphy infatti suggerisce: "Se possiamo fare questo con il cibo, abbiamo una killer app. Possiamo supporre, ad esempio, di effettuare analisi di scenari stradali: non vogliamo dire se ci sono auto in un dato incrocio, ma magari enumerarle, capire la loro direzione, analizzare il traffico e prevedere quali parcheggi saranno liberi. Tutto questo si impara analizzando i dati: la tecnologia è la stessa, basta cambiare i dati di origine".


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: djfix13 pubblicato il 05 Giugno 2015, 10:13
al limite del ridicolo, volgio vedere se riconosce il Mc Veggie come hamburger...ma anche insensata questa continua proposta di fare diario alimentare, mangiate bene e sempre e vivete sani! il diario alimentare dovreste averlo in testa e non dato da uno stupido software e numeri di calorie, senza poi contare che le calorie che mangio io, restando magro, se le dessi a mia moglie esploderebbe in 1 mese!
Commento # 2 di: piererentolo pubblicato il 05 Giugno 2015, 10:56
Originariamente inviato da: djfix13
al limite del ridicolo, volgio vedere se riconosce il Mc Veggie come hamburger...ma anche insensata questa continua proposta di fare diario alimentare, mangiate bene e sempre e vivete sani! il diario alimentare dovreste averlo in testa e non dato da uno stupido software e numeri di calorie, senza poi contare che le calorie che mangio io, restando magro, se le dessi a mia moglie esploderebbe in 1 mese!

Il diario alimentare invece secondo me serve, aiuta a renderti conto di come e soprattutto quanto mangi! Io usavo l'App di Fatsecret ed è servita, scansionando i codici a barre dei prodotti che mangiavo sapevo sempre a quante calorie ero arrivato durante il giorno, poi ovvio non si deve arrivare a comportamenti patologici (cosa a cui ovviamente sono arrivato ).
Sai quanta gente dice: "non mangio niente eppure ingrasso" con una cosa del genere (ovvio poi anche quest'app non può essere precisa, se metti strutto e lardo di colonnata nel panino alla lattuga mica può saperlo) può imparare a rendersi conto di quanto mangia.
Commento # 3 di: sopress pubblicato il 05 Giugno 2015, 11:18
ma se faccio la foto ad un calzone, come fa a sapere cosa c'è dentro?
Commento # 4 di: Luca*gr pubblicato il 05 Giugno 2015, 11:32
Originariamente inviato da: djfix13
al limite del ridicolo, volgio vedere se riconosce il Mc Veggie come hamburger...ma anche insensata questa continua proposta di fare diario alimentare, mangiate bene e sempre e vivete sani! il diario alimentare dovreste averlo in testa e non dato da uno stupido software e numeri di calorie, senza poi contare che le calorie che mangio io, restando magro, se le dessi a mia moglie esploderebbe in 1 mese!


Il tuo discorso è un po insensato....A parte che bene e sempre non vuol dire nulla.
Piuttosto bisognerebbe imparare a mangiare frutta e verdura in abbondante quantità e fare piccoli spuntini durante il giorno invece di abbuffarsi a pranzo e cena.
Il tutto poi, condito con una costante attività fisica...
Tornando alla notizia, trovo questa app totalmente inutile in quanto non tiene conto di diversi fattori tra cui il peso del cibo.
Commento # 5 di: Mparlav pubblicato il 05 Giugno 2015, 11:39
Troppi fattori possono inficiare il calcolo delle calorie, ad iniziare dalla scelta tra ingredienti che portano allo stesso risultato visivo, ma certamente, non calorico.
Commento # 6 di: marezza pubblicato il 05 Giugno 2015, 12:07
Se fotografo uno dei piatti che normalmente cucino l'app mi domanderebbe "Perche mangi una stufa a legna?"
Commento # 7 di: Avatar0 pubblicato il 05 Giugno 2015, 12:10
O le informazioni le dai corrette o non le dai. Una foto non potrà mai darle corrette o anche solo approssimate. Io proibirei queste app con velleità pseudo-mediche, sono truffe.
Commento # 8 di: maxsy pubblicato il 05 Giugno 2015, 12:36
Originariamente inviato da: Avatar0
O le informazioni le dai corrette o non le dai. Una foto non potrà mai darle corrette o anche solo approssimate. Io proibirei queste app con velleità pseudo-mediche, sono truffe.


concordo.

Originariamente inviato da: articolo
I miei colleghi che lavorano nel campo epidemiologico e della salute pubblica vogliono davvero tutto questo" ha commentato Murphy.


questa frase poi e' davvero esilarante
Commento # 9 di: GTKM pubblicato il 05 Giugno 2015, 12:50
Penso di essere l'unico a non aver mai tenuto il conto delle calorie ingurgitate
Se voglio una cosa, la mangio e basta
Commento # 10 di: sopress pubblicato il 05 Giugno 2015, 13:00
Originariamente inviato da: GTKM
Penso di essere l'unico a non aver mai tenuto il conto delle calorie ingurgitate
Se voglio una cosa, la mangio e basta


anche io!!!

Link ad immagine (click per visualizzarla)
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor