Un algoritmo del MIT per eliminare i riflessi dalle foto

Un algoritmo del MIT per eliminare i riflessi dalle foto

di Roberto Colombo, pubblicata il

“I ricercatori del MIT hanno sviluppato un algoritmo in grado di eliminare i riflessi dalle foto, anche se c'è una condizione iniziale che va rispettata, deve essere presente un doppio riflesso, come quello originato dai doppi vetri. ”

Capita spesso di scattare da dietro un vetro; sia esso una finestra, l'oblo dell'aereo o il finestrino dell'autobus: immancabilmente nella nostra foto si vedrà non solo quello che è fuori dal vetro, ma anche il mezzo con cui stiamo inquadrando e l'ambiente che ci circonda, soprattutto se molto luminoso. C'è chi ha inventato una soluzione al problema, ma non è certo così comoda da tenere montata sulla nostra macchina fotografia in ogni momento e soprattutto non è a portata di smartphone, il mezzo con cui oggi al mondo vengono riprese più immagini.

I ricercatori del MIT hanno però buone notizie in merito: hanno infatti sviluppato un algoritmo in grado di eliminare i riflessi dalle foto, anche se c'è una condizione iniziale che va rispettata, deve essere presente un doppio riflesso, come quello originato dai vetri spessi o dai doppi vetri. Se il riflesso che rovina la foto è 'singolo' l'algoritmo non è in grado di operare. Avendo invece a disposizione i dati del riflesso doppio l'operazione, sebbene comunque non facile, può trovare esito positivo.

L'algoritmo analizza l'immagine dividendola in blocchi di 8x8 pixel e calcolando la correlazione tra ogni pixel del blocco e quelli degli altri blocchi riuscendo così a separare l'immagine di quello che c'è oltre il vetro dal riflesso. Al momento si tratta di un algoritmo preliminare, che comunque nelle prove ha dimostrato ottimi risultati: se reso più 'robusto' potrebbe trovare la via della fotografia, ma anche aiutare i sistemi di visione (ad esempio quelli dei robot) in presenza di superfici semiriflettenti.


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: peronedj pubblicato il 13 Maggio 2015, 09:50
smartphone a parte, sulle fotocamere non basta un filtro polarizzatore?
Commento # 2 di: diabolikum pubblicato il 13 Maggio 2015, 09:51
Concordo sull'uso del filtro polarizzatore
Commento # 3 di: djfix13 pubblicato il 13 Maggio 2015, 10:12
scusate ma io uso da un po' i filtri polarizzati proprio per trovare il giusto angolo di cancellazione del semi-riflesso, funzionano perfettamente anche se sono manuali, quindi un algoritmo che funziona solo ogni tanto che senso ha?
Commento # 4 di: hrossi pubblicato il 13 Maggio 2015, 10:17
Servirà inizialmente per la fascia bassa o per quelle macchine ad ottica fissa su cui non si possono installare i filtri. Se in futuro l'algoritmo diventerà migliore sarà adottato probabilmente anche sulla fascia media, perfino su quella alta. Quanto sia necessario o quanto valido sia rispetto al classico filtro esterno è un'altra cosa.

Hermes
Commento # 5 di: Davis5 pubblicato il 13 Maggio 2015, 13:01
il polarizzatore non funziona quando arrivi a casa e dici Oh gazz, ma in sta foto ce' un gran riflesso!

Ma va usato in fase di ripresa...
Commento # 6 di: pin-head pubblicato il 13 Maggio 2015, 15:14
il polarizzatore serve a eliminare i riflessi solo se questi sono - ovviamente - di luce polarizzata.
Nei casi come quelli dell'esempio il polarizzatore non leva nulla.
BenQ Monitor