Ucciso in Siria uno dei vincitori del World Press Photo

Ucciso in Siria uno dei vincitori del World Press Photo

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Il fotografo Rémi Ochlik è morto, assieme alla giornalista statunitense Marie Colvin sotto i colpi dei bombardamenti a cui è sottoposto il distretto di Baba Amr, in Siria, ad opera delle forze del presidente siriano Bashar al Assad. ”

Il fotografo Rémi Ochlik ha avuto davvero poco tempo per rallegrarsi di aver vinto nella categoria General News del World Press Photo. Il reporter francese è morto, assieme alla giornalista statunitense Marie Colvin sotto i colpi dei bombardamenti a cui è sottoposto il distretto di Baba Amr, in Siria, ad opera delle forze del presidente siriano Bashar al Assad.


Lo scatto premiato Rémi Ochlik dal World Press Photo

In questi ultimi giorni il numero delle vittime nella zona della cittadina di Homs ha visto un'impennata e ha visto iscrivere nella lista dei caduti i nomi di diversi giornalisti.

Ochlik aveva vinto il premio World Press Photo grazie a uno scatto ripreso durante la rivoluzione libica, testimonianza di come il 28enne fosse uno di quei fotografi 'sempre in prima linea'. La stessa cosa si può dire anche della 55enne giornalista Marie Colvin, che già nel 2001 era stata ferita dalla scheggia di una granata e aveva perso un occhio.


Commenti (12)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Kharonte85 pubblicato il 22 Febbraio 2012, 15:41
Poveracci

La situazione in Siria è grave da tempo ed in troppi stanno nicchiando...a voler essere perfidi bisognerebbe chiedersi dove è finito tutto l'interventismo che ci ha portato (EU+USA) al coinvolgimento immediato nelle beghe Libiche...forse perchè in questo caso ci sarebbe poco da guadagnare e molto da perdere?
Commento # 2 di: DarKilleR pubblicato il 22 Febbraio 2012, 15:43
la Siria ha meno petrolio della Libia...semplice
Commento # 3 di: demon77 pubblicato il 22 Febbraio 2012, 15:59
Purtroppo fare il reporter di guerra è un lavoro molto pericoloso..
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 22 Febbraio 2012, 16:03
Originariamente inviato da: Kharonte85
Poveracci

La situazione in Siria è grave da tempo ed in troppi stanno nicchiando...a voler essere perfidi bisognerebbe chiedersi dove è finito tutto l'interventismo che ci ha portato (EU+USA) al coinvolgimento immediato nelle beghe Libiche...forse perchè in questo caso ci sarebbe poco da guadagnare e molto da perdere?


Esatto.
La guerra ha costi pazzeschi e impatti pesanti su tutti i fronti.
NESSUNO si sogna di mobilitare un esercito per un intervento armato a meno che non ci sia una situazione insostenibile e/o un diretto rendiconto economico.

Non è essere "stronzi".. è la logica base, ci mancherebbe altro.
In più devi tenere conto dei veti e delle conseguenze diplomatiche che pesano sulla Siria.
Commento # 5 di: ]Rik`[ pubblicato il 22 Febbraio 2012, 16:07
Commento # 6 di: p4ever pubblicato il 22 Febbraio 2012, 16:51
Originariamente inviato da: demon77
Esatto.
La guerra ha costi pazzeschi e impatti pesanti su tutti i fronti.
NESSUNO si sogna di mobilitare un esercito per un intervento armato a meno che non ci sia una situazione insostenibile e/o un diretto rendiconto economico.

Non è essere "stronzi".. è la logica base, ci mancherebbe altro.
In più devi tenere conto dei veti e delle conseguenze diplomatiche che pesano sulla Siria.


in una guerra c'è quasi sempre un rendiconto...gli Stati uniti insegnano questa cosa da sempre, spesso si tratta di Petrolio (Libia-Iraq), altre volte si tratta di occupare una posizione strategica in zone delicate (Iraq), o altre risorse quali gasdotti (Afghanistan)...in Siria un rendiconto diretto e visibile non c'è ma ricordiamoci che l'industria bellica (nuove armi, nuove mezzi = boom industria) quando si muove è sempre una manna per quello Stato (USA in primis), quindi innescare un nuovo fronte vorrebbe dire creare nuovi posti di lavoro a casa propria, mercato di armi che impenna e molto altro ancora (le perdite umane invece sono solo "effetto collaterale" da dare in pasto alla stampa)...penso che in Siria sia solo questione di tempo, prima o dopo di fronte a questo massacro l'opinione pubblica dovrà muoversi, il problema è che la stampa occidentale non menziona ed illustra come si dovrebbe il massacro che si sta compiendo, vedere due carri e qualche colpo d'arma da fuoco al tg non rende giustizia e non sensibilizza nulla, dovrebbero mostrare in orario "umano" i video dei massacri o dei corpi trucidati della popolazione senza censura, sarebbe orribile ma una cosa che va affrontata per la sua crudeltà senza tanti filtri..forse allora si che qualcuno muoverebbe il culo per davvero.
Commento # 7 di: Taurus19-T-Rex2 pubblicato il 22 Febbraio 2012, 18:56
Originariamente inviato da: demon77
Esatto.
La guerra ha costi pazzeschi e impatti pesanti su tutti i fronti.
NESSUNO si sogna di mobilitare un esercito per un intervento armato a meno che non ci sia una situazione insostenibile e/o un diretto rendiconto economico


Già nessuno tranne noi Italiani
Commento # 8 di: argent88 pubblicato il 22 Febbraio 2012, 21:04
grazie e arrivederci

Cosa stiamo facendo..
Commento # 9 di: gocrigo pubblicato il 22 Febbraio 2012, 21:27
col cuore

ciao caro collega...ancora una volta è accaduta questa triste cosa per la sola voglia di rendere l'informazione alla portata di tutti.grazie...ciao
Commento # 10 di: monkey.d.rufy pubblicato il 23 Febbraio 2012, 10:04
viva il mondo... chissà quando si estinguerà la razza umana (spero presto)
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor