Sony presenta il nuovo formato 4K XAVC

Sony presenta il nuovo formato 4K XAVC

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sony presenta il nuovo formato video XAVC sviluppato per supportare al meglio le applicazioni 4K professionali: dai lungometraggi alle fiction, dai documentari alla pubblicità”

Sony in questi anni ha presidiato il mercato del video non solo con apparecchi e dispositivi, ma anche lavorando sul fronte dei formati. Il formato AVCHD, sviluppato in collaborazione con Panasonic, è diventato un standard importante sul mercato, ad esempio.

Sony ha lavorato anche sulle risoluzioni più elevate e ha presentato il nuovo formato di registrazione XAVC, che sarà alla base dei nuovi prodotti per il mercato 4K. XAVC di Sony offre un formato pensato appositamente per il 4K professionale: non solo lungometraggi, ma anche generi quali fiction, spettacoli di intrattenimento, documentari e pubblicità.

Sony ha sviluppato il formato XAVC per offrire un codec scalabile e in grado di soddisfare le esigenze diverse e in continua evoluzione della produzione di contenuti 4K e HD120P e affianca il suo lancio a quello dei nuovi camcorder professionali 4K.

Il formato XAVC di Sony utilizza MPEG-4 AVC/H.264 livello 5,2. XAVC offre una vasta gamma di funzionalità operative per la produzione di contenuti, fra cui risoluzione pixel da proxy a 4K, schemi intra-frame e long GOP e infrastruttura 1080/50P/60P.

Il formato XAVC di Sony è in grado di supportare:
• Risoluzione 4K (4096 x 2160 e 3840 x 2160), HD e proxy
• Compressione video MPEG-4 AVC/H.264
• Profondità di colore a 8, 10 e 12 bit
• Fino a 60 fps
• Utilizzo del formato wrapper MXF
• Sottocampionamento della crominanza 4:2:0, 4:2:2 e 4:4:4

XAVC è stato sviluppato come formato aperto e offre un programma di licenza per altre aziende nel settore broadcast e produzione che consente lo sviluppo di prodotti di terzi di alta qualità e a frame rate elevati. Il workflow e il formato XAVC di Sony saranno supportati dai seguenti produttori:
• Editor non lineari: Adobe, Apple, Avid, Grass Valley, Quantel, Sony (Vegas Pro)
• Giornaliere sul set: Codex, Colorfront, MTI, YoYotta
• Gradazione del colore: Assimilate, FilmLight
• Gestione codec software: Rovi
• Scheda codec: Matrox
Nota: ogni produttore licenziatario deciderà il profilo e le caratteristiche operative del formato XACV da utilizzare nei prodotti.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: kralin pubblicato il 30 Ottobre 2012, 17:43
e l'audio

si degnano di emtterci una traccia lossless o lo castrano come l'avchd?
Commento # 2 di: esuade pubblicato il 30 Ottobre 2012, 19:24
Perdonami, ma non puoi assolutamente paragonare l'AVCHD con un 4k 444.
Con riprese in questo tipo di formato e per questo target, l'audio viene sempre registrato separatamente, magari da un tecnico con microfoni da 3k euro su un Tascam da 4/8/16 tracce.
Saluti
Commento # 3 di: jägerfan pubblicato il 31 Ottobre 2012, 01:49
Esattamente, qui stiamo parlando a livello cinematografico. Poi ci sarà sempre chi registra l'audio in camera, ma in quei casi la traccia lossless non è necessaria.
BenQ Monitor