Sigma dp2 Quattro, il debutto ufficiale

Sigma dp2 Quattro, il debutto ufficiale

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Sigma annuncia ufficialmente la dp2 Quattro, dotata di sensore Foveon di ultima generazione. Le promesse qualitative sono elevate, ma non tutti i sottostimi sono al top, e l'autonomia raggiunge solo 200 scatti. ”

Mtrading presenta oggi ufficialmente la Sigma dp2 con sensore a immagine diretta Foveon X3 "Quattro", di cui ci siamo già occupati in questa news concentrandoci, per ovvie ragioni, sul peculiare sensore. Oggi, con la presentazione ufficiale, sono state rese note tutte le specifiche della fotocamera, per cui ci è sembrato opportuno tornare sull'argomento.

Come per i modelli di prima generazione, rimane la scelta di dotare la fotocamera di ottica fissa, in particolare un 30mm F2.8 (equivalente a 45mm nel formato 35mm). Costituito da 8 elementi in 6 gruppi, con una lente asferica e tre lenti in vetro ad alta rifrazione, questo normale per APS-C promette grande nitidezza e un buon bokeh, grazie al diaframma a 9 lamelle.

Il particolare corpo è costruito interamente in lega di magnesio (ottimo), ospita un display da 3 pollici e 920.000 punti (standard) e un sistema AF è a rilevazione di contrasto a sole 9 aree (sotto la media). Interessante la modalità AF+MF che consente ritocchi manuali della messa a fuoco in qualunque momento, agendo sulla ghiera dell'obiettivo come accade sulle reflex in presenza di obiettivi con motore ad anello, ma questo non basta a risollevare un sottosistema che avrebbe potuto, a nostro avviso, offrire di più.

Non particolarmente ampie, rispetto ai concorrenti con CMOS tradizionale, nemmeno la gamma ISO, che va da 100 a 6400, né la gamma dei tempi, che si ferma a 1/2000 sec. La cadenza di scatto a piena risoluzione raggiunge i 3.5 fps per 7 fotogrammi consecutivi. Non si tratta certo, quindi, di una modello per fotografia sportiva, ma del resto questo lo si poteva dedurre già dalla focale.   

In compenso la dp2 dovrebbe riscattarsi quanto a qualità d'immagine e versatilità. Il sensore da circa 29 MPixel complessivi , circa 20 sul layer principale, è in formato nativo 3:2 ma consente di passare dal formato quadrato al 21:9, e registra RAW da 14 bit che, grazie alle peculiarità del sensore, possono essere elaborati per un efficace recupero della sovraesposizione già in-camera.

Dobbiamo purtroppo chiudere con un'ultima brutta notizia, data dall'autonomia di soli 200 scatti. Se altre debolezze le si possono perdonare più facilmente in virtù del probabile settore di impiego, questa è, a nostro avviso, meno compatibile con il pubblico di appassionati esigenti a cui indubbiamente Sigma si rivolge. Anche per circoscrivere il problema dell'autonomia può essere utile il mirino opzionale VF-41, un galileiano da montare sulla slitta porta accessori.


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: pin-head pubblicato il 13 Giugno 2014, 16:25
un 45 f4.2 equivalente non avrà sto gran bokeh, nonostante le nove lamelle di diaframma :|
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 13 Giugno 2014, 16:43
Una cosa è certa, SIGMA è veramente controcorrente se parliamo di marketing.

Tra limiti da una parte e particolarità tecniche questa macchina tutto è tranne che una buona scelta per chi vuole prendersi una macchinetta da portarsi in giro.
Ma per come si presenta non è neanche tanto papabile per uso tecnico da studio (a sto punto ti pigli direttamente la reflex sigma se vuoi)..

Proprio non inquadro chi si compra questa strana macchina..
Commento # 3 di: roccia1234 pubblicato il 13 Giugno 2014, 16:54
Porca vacca quanto è brutta!!
200 scatti mi sembrano un'autonomia ridicola... manco le compatte di 10 anni fa con le batterie stilo duravano così poco...
Also... sinceramente non riesco ad inquadrare il target di questa macchina.
Foveon a parte, sembra una mirrorless di 5 anni fa... e pure a ottica fissa.


Originariamente inviato da: pin-head
un 45 f4.2 equivalente non avrà sto gran bokeh, nonostante le nove lamelle di diaframma :|


Le lamelle del diaframma contano SOLO quando chiudi.
A TA averne 3 squadrate o ventordici arrotondate non cambia una ceppa. Quello che conta è lo schema ottico.
E pure chiudendo, le lamelle contano fino soprattutto per la forma dei "punti" di luce... ma la parte del leone la ha comunque lo schema ottico.
Commento # 4 di: Opteranium pubblicato il 13 Giugno 2014, 17:50
è veramente orribile! Non la comprerei manco se fotografasse attraverso le gonne Ma cosa si fumano i designer sigma..?
Commento # 5 di: Tedturb0 pubblicato il 13 Giugno 2014, 20:57
sembra una macchinetta del dash..
E poi f2.8, seriamente? col foveon? non scherziamo, su.. su focale fissa (quella focale fissa) almeno f1.8, a voler essere barboni.

Dopo tutti questi anni alla sigma avrebbero dovuto imparare a farle, le fotocamere, no? Sono pure giapponesi, una volta maestri nel copiare il meglio e migliorarlo..
Commento # 6 di: roccia1234 pubblicato il 14 Giugno 2014, 09:00
In effetti, avendo già in casa un 30 f/1.4 per aps-c, avrebbero perlomeno potuto mettergli un 30 f/2, visto che l' f/1.4 non è che sia granchè a TA.

Tantopiù che l'ottica di questa macchina è fissa.
BenQ Monitor