Scandalo Olympus: niente carcere per Kikukawa

Scandalo Olympus: niente carcere per Kikukawa

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Condanna a 3 anni di carcere ma con pena sospesa per Tsuyoshi Kikukawa per lo scandalo Olympus: l'ex-Presidente evita così la detenzione”

Si è chiuso il processo a carico dei dirigenti Olympus coinvolti nello scandalo emerso sul finire del 2011 con la denuncia dell'allora appena licenziato ex-CEO Michael Woodford: come previsto le sentenze per l'ex Presidente Tsuyoshi Kikukawa e per i suoi più stretti collaboratori sono sfociate in pene detentive (3 anni per Kikukawa) ma la sentenza ha anche sospeso la carcerazione preso atto di alcune attenuanti.

La linea della difesa ha infatti puntato sul fatto che parte della truffa adottata per coprire perdite pari a circa 1,7 miliardi di dollari negli anni '90 e 2000 era già in atto sotto le precedenti presidenze di Masatoshi Kishimoto e Toshiro Shimoyama, anch'essi riconosciuti colpevoli ma con il reato già in prescrizione. In molti hanno fatto notare come Kikukawa figurasse già tra gli executive a quel tempo, anche se con cariche minori e non potesse non essere a conoscenza della realtà dei fatti, ma la corte ha deciso per la sospensione della pena detentiva. La non più giovane età, oltre settant'anni, probabilmente ha pesato anch'essa sulla decisione della corte.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Portocala pubblicato il 05 Luglio 2013, 15:51
I ricchi anziani che hanno rubato miGlioni, non si beccano mai la pena "giusta" ...
Commento # 2 di: Bivvoz pubblicato il 05 Luglio 2013, 15:53
Originariamente inviato da: Portocala
I ricchi anziani che hanno rubato miGlioni, non si beccano mai la pena "giusta" ...


Speravo che riuscissimo noi italiani ad importare le cose buone degli altri, invece sono gli altri che importano il nostro peggio?
Commento # 3 di: Drake Van Caster pubblicato il 05 Luglio 2013, 17:17
Ma smettiamola con queste frasi...
il marcio lo trovi ovunque...
Commento # 4 di: Bivvoz pubblicato il 05 Luglio 2013, 18:28
Originariamente inviato da: Drake Van Caster
Ma smettiamola con queste frasi...
il marcio lo trovi ovunque...


Vero... però di solito nel resto del mondo vanno in galera.
Commento # 5 di: Bivvoz pubblicato il 06 Luglio 2013, 08:27
Originariamente inviato da: ginojap
Diciamo che forse la corte ha capito che questo tipo di carcere significherebbe la morte in Giappone. In ogni caso non e' come in Italia con i vari nani che vanno con le minorenni. Qui una volta che ti sei preso una condanna hai praticamente finito di vivere. Solo dopo la prigione ed una lunga "penitenza" passata scusandosi in totale umilta' si puo' essere reinseriti nella vita civile. Altro che gli zozzoni rei confessi che sbraitano che abbiamo noi...


http://www.ilfattoquotidiano.it/201...la-bici/644083/


Guarda, a parte il fatto che chiedendo il diritto alla difesa si finisce praticamente sempre in galera che è palesemente un diritto negato e una grave ingustizia, magari fosse così anche da noi.

Per il resto mi sembrano molto avanti, tasso di criminalità tra i più bassi al mondo, tasso di recidività tra i più bassi al mondo e un efficace sistema di reinserimento nel tessuto sociale (sempre leggendo l'articolo che hai linkato).

Ma sopratutto chi commette reati va veramente in galera!
Non possiamo difendere sempre e solo i diritti di Caino.
Si scandalizzano perchè fanno lavorare i carcerati per produrre dei beni?
Dovremmo scandalizzarci noi perchè dobbiamo pagargli vitto e alloggio gratis mentre le vittime sono abbandonate a se stesse!

Poi noi abbiamo anche il problema delle carceri che va risolto, ma non si risolve assolvendo chi commette crimini.
BenQ Monitor